Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18565

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


á
Info sull'Opera
Autore:
redazione parole in fuga
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 7

Polvere GYtana di Vittorio RombolÓ, inserita la biografia dell'autore con due poesie presenti nel libro - VAI A VEDERE LA COPERTINA DEL LIBRO, L'INDIRIZZO E' NEI COMMENTI A QUESTO POST

di redazione parole in fuga

Introduzione:
Viaggiando con lo zaino in spalla
di Flavia Weisghizzi


Vittorio Rombolà si presenta come un gitano, e, in quanto tale, assume tra gli altri, il carattere di diversità e nomadismo che tale popolo porta con sé.
Ma, al di là delle fascinazioni storicamente correlate ai popoli zingari, prima di tutto l’idea di libertà, essere gitano oggi, vuol dire riconoscersi in un movimento di pensiero di più ampio respiro che si configura come un attacco impietoso nei confronti dell’opposizione tra corpo e mente. È facile comprendere perciò, come la coscienza nomade e, si potrebbe aggiungere apolide, rappresenti la rottura delle barriere dottrinali, affine a ciò che Foucault chiama contromemoria, “una forma di resistenza all’assimilazione o all’omologazione alle modalità dominanti di rappresentazione dell’io. Il tempo del nomade è l’imperfetto: è attivo, continuo. Il nomade non rimpiange patrie perdute. Antitesi del contadino, il nomade raccoglie, miete, scambia, ma non sfrutta.”
Allo stesso modo Rombolà racconta nella sua poesia il se stesso attraverso un continuo spostamento del campo di attenzione, in una molteplicità di voci, di riferimenti, di relazioni e situazioni che rappresentano il suo continuo mutamento e mutano in continuazione con lui.
Nel suo modo di affrontare l’esistenza, nella sua scelta di essere artista, nel suo vagabondaggio tra i teatri e le pagine, Rombolà riassume il senso più profondo di quel viaggiare leggero tanto caro agli inglesi.
Ma, contemporaneamente, nella sua vena ironica come in quella critica, nei suoi amori disperati o sbarazzini, nelle riflessioni sulla vita e sulla morte, nei delicati versi che si elevano verso un intangibile abisso, Rombolà dimostra, responsabilmente e con coscienza di voler rifiutare qualsiasi punto di riferimento al di fuori di sé.
Quel che emerge perciò dalla lettura, è un’emozione scissa in mille venature, un’idea dell’autore che non è mai uguale a se stessa, ma si va a comporre, come un puzzle, in un soggetto discontinuo eppur unico.
La poesia di Rombolà non si lascia prendere facilmente e, soprattutto, non si fa cogliere ad uno sguardo superficiale e complessivo: ogni poesia si pone come una realtà indipendente e a se stante, che spiazza.
Nel profondo senso di appartenenza ad un’umanità povera ma mai misera, nella ricerca di una relazione che scaldi più che il letto per una notte, questa poesia gitana gioca di ritmiche e reiterazioni, di versi metaforici e parabolici.
In realtà, è necessario porre l’attenzione sulla grande capacità di Rombolà di farsi cantore: la sua poesia si traspone attraverso un verso fluido e scorrevole raccontando un mondo di esperienze personali che però riescono ad assumere, nelle sue mani, un valore paradigmatico valido per tutti.
La densità della poesia di Rombolà rappresenta forse il pregio maggiore di queste pagine, una ricchezza e una linea di continuità che accarezza i cambiamenti e le versificazioni, nella profonda consapevolezza che la poesia non è soltanto la pagina nascosta dei nostri pensieri, ma la rappresentazione della verità per l’occhio di chi la guarda, un personalissimo e accogliente incontro tra la realtà e l’interpretazione, l’interfaccia simbolica tra volontà e desiderio.






Prefazione:

Due occhi sul mondo
di Sergio Cotti

Due occhi che scrutano la vita e la raccontano, nei suoi colori più accesi e nel grigio dei suoi momenti peggiori. Senza chiudersi neanche un minuto, un secondo, un attimo solo. Lasciarla scappare non si può, perché nonostante tutto vale la pena di essere vissuta, comunque e sempre. Solo chi ne è innamorato può capirne quegli strani disegni che a volte si nascondono dietro una donna che ci lascia o un amico che all’improvviso ti volti e non c’è più. Guardare il mondo con la forza di raccontarlo; con ironia e sincerità, ma senza mai dargliela vinta. Non pretendere che sia solo e sempre come lo si vorrebbe, ma avere il coraggio di ammettere che a volte sarebbe meglio disfarlo e ricostruirlo daccapo. Provare a cambiarlo, anche se poi non ci riesci. Aggredirlo, morderlo sperando di fargli male, e poi tornare sui propri passi, guardarlo mentre scorre veloce davanti a una finestra e gioire delle sue indescrivibili meraviglie. Tutto questo si può, ma solo con gli occhi di chi la vita l’ha sempre amata e continuerà sempre ad amarla. Gli occhi di un uomo che di questo mondo ha scelto di essere un inarrendevole e variopinto Gytano.


Polvere GYtana
Vittorio Rombolà
"Gli Emersi" poesia

http://www.alettieditore.it/emersi/rombola/rombola.htm


Continua a seguirci su facebook al seguente link

http://www.facebook.com/paroleinfuga.it
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti