Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15890

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza
3 Giugno 2019
 


 

VI Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

PRESIDENTE DI GIURIA MOGOL

SCADENZA PROROGATA E DEFINITIVA AL
5 APRILE 2019

 



PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI GAZZÈ E ALETTI
A TORINO SABATO 4 E DOMENICA 5 MAGGIO 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

VI°TROFEO INTERNAZIONALE DI HIP HOP

di Comunicati Stampa

VI°TROFEO INTERNAZIONALE DI HIP HOP
“JTB”

18/19 MARZO 2006



PALACAVICCHI DI CIAMPINO (RM)





Si svolgerà sabato 18 e domenica 19 marzo 2006 al Palacavicchi di Ciampino la sesta edizione del trofeo internazionale di danza hip hop, Trofeo “JTB”, ideato da Maurizio Treccioli, titolare della ditta di abbigliamento JTB, e Cristina Gastaldi, organizzatrice di eventi e spettacoli hip hop e danza in genere, direttrice artistica dell'A.S. New Lucky Dance. La passata edizione ha visto esibirsi sul palco piu’ di 2000 ballerini, provenienti da tutta Italia, Portogallo, Spagna, Svizzera, con un record di 2500 spettatori e anche quest’anno il festival prevede svariati eventi, così strutturati:

- la gara di hip hop, divisa per categorie under e over 14, gruppi e solisti, amatoriali e professionisti;

- la convention, organizzata in due giorni con presenter internazionali di 10 ore;

- il contest di break-dance, articolato in una Battle Sfida e un Battle coreografico, per gruppi di almeno 4 persone



Sabato 18 marzo inizieranno le categorie under 14 solisti e gruppi; alle 14 il contest di break-dance in contemporanea con la gara di hip hop.

La convention avrà inizio alle 10.30 con termine alle 17.00.



Domenica 19 marzo si esibiranno gli over 14, solisti e gruppi, amatoriali e professionisti con inizio alle ore 10 e termine alle ore 19.

La convention avrà il medesimo svolgimento del sabato.



I giovanissimi troveranno spazio nelle gare di hip hop in diverse categorie, così suddivise: “Baby funk” (bambini tra 6 e 9 anni), “Little star” (solisti da 9 a 14 anni) e “Promesse dell’hip hop (gruppi tra i 9 e 14 anni).



Saranno presenti alla manifestazione alcune importanti figure di presenter internazionali tra i quali si segnalano: Paolo Aloise (Italia), Karim (Francia), Daniele Baldi (Italia), Jo Sassi (Italia), Byron (California), Iren Pallares (Spagna).



La giuria sarà formata da personaggi noti nel mondo della danza e presto verrà scelto il presidente di giuria in base alla propria esperenza sul campo.



Gli sponsor hanno messo a disposizione una serie di gadget che verranno distribuiti a tutti i partecipanti alla gara.

I primi tre classificati di ogni categoria saranno premiati con le coppe del trofeo. E’ previsto un montepremi in denaro di 5000 Euro e alcuni viaggi-premio per le scuole che si classificheranno ai primi posti..

Verrà premiata anche la migliore coreografia per categoria (promesse, funk punks, i grandi dell' hip hop).



Altra novità di rilievo è il Video Contest, composto da due categorie (Amatoriali e Professionisti) in cui sono ammessi gruppi di danza HIP HOP, FUNKY e VIDEO DANCE. Ogni gruppo avrà a sua dispozione tre minuti di tempo per realizzare una coreografia. In premio, al primo gruppo classificato della categoria Professionisti, la realizzazione di un VIDEO MUSICALE di un brano inedito Hip Hop su coreografie del responsabile del gruppo; al primo classificato della categoria Amatoriali, la possibilità di prender parte al video come comparse.

Il VIDEO MUSICALE sarà realizzato da un team di professionisti nei 3 mesi successivi all'evento, ed allegato in 80.000 copie della rivista GROOVE MAGAZINE.

Il Palacavicchi di Ciampino risulta ancora una volta essere perfettamente idonea ad ospitare l’intera manifestazione e la grossa mole di pubblico e di atleti partecipanti. Si tratta di una struttura ampissima, ben collegata con mezzi pubblici e non, dotata di ampie sale (3000 mq e 5000 mq) con palco di circa 12m x 10m, ampio parcheggio (anche per pulmann), servizio bar, tavola calda, ristorante e pizzeria, servizi igienici e spogliatoi.

All’ interno della struttura saranno allestiti stand espositivi, gastronomici (con prodotti tipici della zona) e commerciali di vario genere.

Vi è inoltre la possibilità alloggiare a pochi chilometri dal Palacavicchi dove è presente una struttura alberghiera che conta circa 150 stanze.



Si cercherà così di creare un vero e proprio villaggio per i giovani, dove poter trascorrere un simpatico week-end, avere la possibilità di studiare con i più grandi presenter internazionali e dar vita ad uno dei contest più importanti a livello nazionale ed europeo.





Si possono scaricare i moduli di iscrizione al sito www.trofeojtb.it o richiederli via fax al numero 06 9309146.



Per ulteriori dettagli sul trofeo e sulle quote di partecipazione, telefonare ai seguenti numeri: 06 9309146 – 347 6533991 o scrivere a gastaldicri@tiscali.it






Due parole dull’HIP HOP…



Hip Hop, chiamata anche Popping, Locking, B-boying o Breaking, è una danza nata nelle strade che negli ultimi lustri ha influito sensibilmente sul costume e comportamento dei giovani. Miscuglio di musica, ritmo e spirito di derivazione africana, l’Hip Hop contiene in sé svariati stili internazionali, mescolando le danze tribali africane al Kung Fu cinese e alla Capoeira brasiliana. Negli anni Settanta gli Street Dancers degli Stati Uniti lanciavano sfide hip hop col proprio corpo come sostituto di risse e combattimenti: il rispetto della persona veniva così ottenuto attraverso la danza, contro ogni forma di violenza. Due persone con i pugni serrati pronti a combattere si trasformarono in due persone che si sfidavano all’interno di un cerchio prendendosi in giro a vicenda. Il combattimento si trasformò in una sfida e la sfida divenne il cuore della danza hip hop. Rimpiazzò le energie negative di questi giovani violenti delle gang con uno sfogo positivo e creativo: significava molto di più essere un ballerino che non un gangster perché occorrevano maggiori abilità ad impressionare la gente che non a sparargli. La sfida è dunque l’essenza dell’hip hop ed è anche il motivo per cui i passi eseguiti dai ballerini hip hop sono così spettacolari o creativi. Per tale motivo questa danza non si insegna nelle scuole, ma si coltiva attraverso la propria creatività. Questo è l’unico modo per mantenere viva la cultura di questa danza.





Ufficio stampa:

Elisabetta Castiglioni

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti