Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16165

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Brunetto Latini
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Il Tesoretto ( dal verso 2003 al verso 2426 )

di Brunetto Latini

2003-2426

Di tanto ti conforto,

che, se t'è fatto torto,

arditamente e bene

la tua ragion mantene.

Ben ti consiglio questo:

che, se tu col ligisto

atartene potessi,

vorria che lo facessi,

ch'egli è maggior prodezza

rinfrenar la mattezza

con dolci motti e piani

che venire a le mani.

E non mi piace grido;

pur con senno mi guido;

ma se 'l senno non vale,

metti mal contra male,

né già per suo romore

non bassar tuo onore;

ma s'è di te più forte,

fai senno se 'l comporte

e da' loco a la mischia,

ché foll' è chi s'arischia

quando non è potente:

però cortesemente

ti parti di romore;

ma se per suo furore

non ti lascia partire,

vogliendoti ferire,

consiglioti e comando

no 'nde vada [da] bando:

abbie le mani acorte,

non dubbiar de la morte,

ché tu sai per lo fermo

che già di nullo schermo

si pote omo covrire,

che non vada al morire

quando lo punto vene.

Però fa grande bene

chi s'arischi' al morire

anzi che soferire

vergogna né grave onta:

ché 'l maestro ne conta

che omo teme sovente

tal cosa, che neente

li farà nocimento.

Né non mostrar pavento

a om ch'è molto folle,

ché, se ti truova molle,

piglierànne baldanza;

ma tu abbi membranza

di farli un ma·riguardo,

sì sarà più codardo.



Se tu hai fatto offesa

altrui, che sia ripresa

in grave nimistanza,

sì abbi per usanza

di ben guardarti d' esso,

ed abbi sempre apresso

e arme e compagnia

a casa e per la via;

e se tu vai atorno,

sl va' per alto giorno,

mirando d'ogne parte,

ché non ci ha miglior arte

per far guardia sicura

che buona guardatura:

l'occhio ti guidi e porti,

e lo cor ti conforti.

E un'altra ti dico:

se questo tuo nemico

fosse di basso afare,

non ce t'asecurare,

perché sie più gentile;

no·llo tenere a vile,

ch'ogn'omo ha qualch' aiuto:

e i' ho già veduto

ben fare una vengianza,

che quasi rimembranza

no 'nd' era tra la gente.

Però cortesemente

del nemico ti porta,

e abbie usanza acorta:

se 'l truovi in alcun lato,

paia l'abbie innorato;

se 'l truovi in alcun loco,

per ira né per gioco

no·lli mostrare asprezza

ne villana fierezza;

dà·lli tutta la via:

però che maestria

afina più l'ardire

che non fa pur ferire.

Chi fere bene ardito,

pò ben esser ferito;

e se tu hai coltello,

altri l'ha buono e bello:

ma maestria conchiude

la forza e la vertude,

e fa 'ndugiar vendetta

e alungar la fretta

e mettere in obria

e atutar follia.

E tu sia bene apreso:

che se ti fosse ofeso

di parole o di detto,

non rizzar lo tu' petto,

ne non sie più corrente

che porti 'l convenente.

Al postutto non voglio

ch'alcuno per suo orgoglio

dica né faccia tanto

che 'l gioco torni 'n pianto,

né che già per parola

si tagli mano o gola.

E i' ho già veduto

omo ch'è pur seduto,

non facendo mostranza,

far ben dura vengianza.



S'afeso t'è di fatto,

dicoti a ogne patto

che tu non sie musorno,

ma di notte e di giorno

pensa de la vendetta,

e non aver tal fretta

che tu ne peggior' onta,

ché 'l maestro ne conta

che fretta porta inganno,

e 'ndugio è par di danno;

e tu così digrada:

ma pur, come che vada

la cosa, lenta o ratta,

sia la vendetta fatta.

E se 'l tuo buono amico

ha guerra di nemico,

tu ne fa' quanto lui,

e guàrdati di plui:

non menar tal burbanza

ched elli a tua fidanza

coninciasse tal cosa

che mai non abbia posa.



E ancor non ti caglia

d'oste né di battaglia,

né non sie trovatore

di guerra o di romore.

Ma se pur avenisse

che 'l tuo Comun facesse

oste o cavalcata,

voglio che 'n quell'andata

ti porte con barnaggio

e dimostreti maggio

che non porta tuo stato;

e déi in ogne lato

mostrar tutta franchezza

e far buona prodezza.

Non sie lento né tardo,

ché già omo codardo

non aquistò onore

né divenne maggiore.

E tu per nulla sorte

non dubitar di morte,

ch'assai è più piacente

morire orratamente

ch'esser vituperato,

vivendo, in ogne lato.



Or torna in tuo paese,

e sie prode e cortese:

non sia lanier né molle

né corrente né folle".

Così noi due stranieri

ci ritornammo arrieri:

colui n'andò in sua terra

ben apreso di guerra,

e io presi carriera

per andar là dov' iera

tutto mio intendimento

e 'l final pensamento,

per esser veditore

di Ventur' e d'Amore.



Or si ne va il maestro

per lo camino a destro,

pensando duramente

intorno al convenente

de le cose vedute:

e son maggior essute

ch'io non so divisare;

e ben si dee pensare

chi ha la mente sana

od ha sale 'n dogana

che 'l fatto è smisurato,

e troppo gran trattato

sarebbe a ricontare.

Or voglio intralasciare

tanto senno e savere

quant' io fui a vedere,

e contar mio vïaggio,

come 'n calen di maggio,

passati valli e monti

e boschi e selve e ponti,

io giunsi in un bel prato

fiorito d'ogne lato,

lo più ricco del mondo.

Ma or parea ritondo,

ora avea quadratura;

ora avea l'aria scura,

ora e chiara e lucente;

or veggio molta gente,

or non veggio persone;

or veggio padiglione,

or veggio case e torre;

l'un giace e l'altro corre,

l'un fugge e l'altro caccia,

chi sta e chi procaccia,

l'un gode e l'altro 'mpazza,

chi piange e chi sollazza:

così da ogne canto

vedea gioco e pianto.

Però, s'io dubitai

o mi maravigliai,

be·llo dëon sapere

que' che stanno a vedere.

Ma trovai quel suggello

che da ogne rubello

m'afida e m'asicura:

così sanza paura

mi trassi più avanti,

e trovai quattro fanti

ch'andavan trabattendo.

E io, ch'ognora atendo

di saper veritate

de le cose trovate,

pregai per cortesia

che sostasser la via

per dirmi il convenente

de·luogo e de la gente.

E l'un, ch'era più saggio

e d'ogne cosa maggio,

mi disse in breve detto:

"Sappi, mastro Burnetto,

che qui sta monsegnore

ch'e capo e dio d'amore;

e se tu non mi credi,

passa oltra e sì 'l vedi;

e più non mi toccare,

ch'io non t'oso parlare".

Così furon spariti

e in un punto giti,

ch'i' non so dove o come,

né la 'nsegna né 'l nome.

Ma i' m'asicurai,

e tanto inanti andai

ch'i' vidi al postutto

e parte e mezzo e tutto;

e vidi molte genti,

cu' liete e cui dolenti;

e davanti al segnore

parea che gran romore

facesse un'altra schiera;

e 'n una gran chaiera

io vidi dritto stante

ignudo un fresco fante,

ch'avea l'arco e li strali

e avea penn' ed ali,

ma neente vedea,

e sovente traea

gran colpi di saette,

e là dove le mette

convien che fora paia,

chi che periglio n'aia;

e questi al buon ver dire

avea nome Piacere.

E quando presso fui,

io vidi intorno lui

quattro donne valenti

tener sopra le genti

tutta la segnoria;

e de la lor balìa

io vidi quanto e come,

e so di lor lo nome:

Paura e Disianza

e Amore e Speranza.

E ciascuna in disparte

adovera su' arte

e la forza e 'l savere,

quant' ella può valere:

ché Desïanza punge

la mente e la compunge

e sforza malamente

d'aver presentemente

la cosa disïata,

ed è sì disvïata

che non cura d'onore,

né morte né romore

né periglio ch'avegna

né cosa che sostegna;

se non che la Paura

la tira ciascun'ora,

sì che non osa gire

né solo u·motto dire

né far pur un semblante,

però che 'l fino amante

riteme a dismisura.

Ben ha la vita dura

chi così si bilanza

tra tema e disïanza;

ma Fino Amor solena

del gran disio la pena,

e fa dolce parere,

e leve a sostenere,

lo travaglio e l'afanno

e la doglia e lo 'nganno.

D'altra parte Speranza

aduce gran fidanza

incontro a la Paura,

e sempre l'asicura

d'aver buon compimento

di suo inamoramento.

E questi quattro stati

son di Piacere nati,

con essi sì congiunti

che già ora né punti

non potresti contare

tra·llor lo 'ngenerare:

ché, quando omo 'namora,

io dico che 'n quell'ora

disia ed ha temore

e speranza ed amore

di persona piaciuta;

ché la saetta aguta

che move di piacere

lo punge, e fa volere

diletto corporale,

tant'è l'amor corale.

Così ciascuno in parte

aòverar su' arte

divisa ed in comuno;

ma tutti son pur uno,

cui la gente ha temore,

sì 'l chiaman Dio d'Amore,

perciò che 'l nome e l'atto

s'acorda più al fatto.

Assai mi volsi intorno

e di notte e di giorno,

credendomi campire

del fante, che ferire

lo cor non mi potesse;

e s'io questo tacesse,

farei maggio savere,

ch'io fui messo in podere

e in forza d'Amore.

Però, caro segnore,

s'io fallo nel dettare,

voi dovete pensare

che l'om ch'è 'namorato

sovente muta stato.



Poi mi tornai da canto,

e in un ricco manto

vidi Ovidio maggiore,

che gli atti dell'amore,

che son così diversi,

rasembra 'n motti e versi.

E io mi trassi apresso,

e domandai lu' stesso

ched elli apertamente

mi dica il convenente

e lo bene e lo male

de l[o] fante dell'ale,

c'ha le saette e l'arco,

e onde tale incarco

li venne, che non vede.

Ed elli in buona fede

mi rispose 'n volgare

che la forza d'amare

non sa chi no lla prova:

"Perciò, s'a te ne giova,

cércati fra lo petto

del bene e del diletto,

del male e de l'errore

che nasce per amore".

E così stando un poco,

io mi mutai di loco,

credendomi fuggire;

ma non potti partire,

ch'io v'era sì 'nvescato

che già da nullo lato

potea mutar lo passo.

Così fui giunto, lasso,

e giunto in mala parte!

Ma Ovidio per arte

mi diede maestria,

sì ch'io trovai la via

com' io mi trafugai:

così l'alpe passai

e venni a la pianura.

Ma troppo gran paura

ed afanno e dolore

di persona e di core

m'avenne quel vïaggio:

ond'io pensato m'aggio,

anzi ch'io passi avanti,

a Dio ed a li santi

tornar divotamente,

e molto umilemente

confessar li peccati

a' preti ed a li frati.

E questo mio libretto

e ogn'altro mio detto

ch'io trovato avesse,

s'alcun vizio tenesse,

cometto ogni stagione

i·llor correzzïone,

per far l'opera piana

co la fede cristiana.

E voi, caro segnore,

prego di tutto core

che non vi sia gravoso

s'i' alquanto mi poso,

finché di penitenza

per fina conoscenza

mi possa consigliare

con omo che mi pare

ver' me intero amico,

a cui sovente dico

e mostro mie credenze,

e tegno sue sentenze.

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti