Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18469

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Openstudio 2006 - Comune di Faenza - Provincia di Ravenna

di Comunicati Stampa

Openstudio 2006

Comune di Faenza - Provincia di Ravenna

Lieve

Silvia Chiarini, Andrea Salvatori, Anna Visani

Installazioni in assenza di gravità

Museo Carlo Zauli – Faenza (Ra)

27 maggio – 18 giugno 2006





All’interno di Openstudio2006, organizzato dall’Associazione OpenstudioFaenza in collaborazione con il Comune di Faenza e la Provincia di Ravenna, sabato 27 maggio 2006 alle 18,30 inaugura “Lieve” .

La mostra a cura di Stefania Mazzotti espone tre installazioni di Silvia Chiarini, Andrea Salvatori e Anna Visani che si uniscono al percorso permanente del Museo Zauli.

Lievi, leggeri e morbidi sono i loro lavori. Questi artisti giocano con la percezione, con l’ironia e hanno da sempre un’attenzione particolare all’appeal estetico e pittorico dell’opera.

La leggerezza degli aquiloni, delle bolle di sapone della Chiarini, la delicatezza del segno grafico della Visani, la leggerezza dell’ironia di Salvatori sono le caratteristiche che li uniscono all’insegna dell’assenza di gravità.

Sembrano seguire la lezione di Italo Calvino. L’inno alla leggerezza per cui affermava nelle Lezioni Americane:“ho cercato di togliere peso ora alle figure umane, ora ai corpi celesti, ora alle città; soprattutto ho cercato di togliere peso alla struttura del racconto e al linguaggio”.

Questi artisti alleggeriscono gli strumenti e le strutture del loro linguaggio artistico, quasi fossero consapevoli di vivere nel dominio della cultura post-industriale, quella del software e di internet, dell’informazione leggera e volatile.

Silvia Chiarini toglie peso alla sala dei sacchi del Museo Carlo Zauli lavorando sul contrasto con l’ambiente intriso di materia e manualità. “WOW”, la sua ultima video-istallazione è una sintesi degli ultimi lavori "Drawing" e “Bubble painting room”. Il suo video digitale, proiettato su plexiglas si libera di ogni peso e sembra essere una visione sospesa nell’aria. Sono pois che rimandano al tentativo di dipingere l’ambiente realizzato con “Bubble painting room” e che giocano come “Drawing” con l’inganno della percezione dello spettatore.

Andrea Salvatori invece alleggerisce il contenuto delle sue sculture in ceramica con l’ironia e il gioco. Abbandonato il gusto per gli interni borghesi deviati, semplifica l’immagine. Dall’eccesso di informazioni in cui si nascondeva, dietro un ordine borghese già visto, un segreto, passa alla riduzione delle sculture a forme geometriche monocrome da cui sbucano piccoli personaggi femminili. Piccole donnine in bilico tra il pericolo e l’abbandono estatico.

Anna Visani realizza installazioni sui muri degli ambienti in cui interviene, utilizzando un segno e colori leggeri, quasi fossero delle mappe di plastici visti dall’alto. Non manca mai il riciclo di materiali attinti dai suoi affetti personali, fotografie, oggetti della sua infanzia e oggetti pop, poveri, a bassissimo costo.



A partire dai week-end successivi gli studi d’arte e di ceramica del centro storico Faenza nei giorni 03-04 giugno, del 10-11 giugno e del 17-18 giugno 2006 aprono alla pubblico con vernissage, concerti letture e ospitando mostre di giovani artisti del territorio.



Openstudio 2006 è un viaggio alla scoperta degli studi d'arte, di design, delle botteghe d'artigianato ceramico e artistico e un'esplorazione delle giovani risorse artistiche del territorio.

Il tema che anima il percorso è quello della contaminazione tra ceramica, pittura, scultura, fotografia, video, musica, performance e allestimenti con la convinzione che l’arte contemporanea abbia finalmente eliminato i confini tra arti superiori ed arti applicate.

Openstudio2006, quest'anno giunto alla sua IV edizione, è partito da Ravenna e si è sviluppato nel territorio della provincia di Ravenna, sull'asse che collega Faenza a Ravenna con tappa a Russi.

Nei weekend del periodo, che va dal 14 maggio 2005 al 18 giugno 2006, una trentina di studi d'arte e d'artigianato presenti sul territorio, in particolare nei centri storici di Faenza e Ravenna, aprono le porte al pubblico ospitando opere di altri artisti, concerti, letture e performance.



Scheda:

Titolo: “Lieve” all’interno del percorso Openstudio2006

A cura di Stefania Mazzotti per Openstudio2006

Sede: Museo Carlo Zauli Faenza (RA), via della Croce, 6 - Faenza (RA)

Periodo: 27 maggio - 18 giugno 2006 –

Inaugurazione 27 maggio: ore 18,30.

Orari dal martedì alla domenica 16.00-19.00. Sabato e Domenica 10.00-13.00 e 16.00-19.00

Info: 339.1228409; 0546.22123, www.openstudiofaenza.it



Ufficio stampa e servizi per l'arte e la cultura
Stefania Mazzotti

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti