Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17889

-




XXII CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA

“HABERE ARTEM”

SCADENZA
29 OTTOBRE 2021


 

 



Tutto quello che sai su come si scrive una poesia NON è vero!

Il 99% dei Poeti scrive SOLO con le emozioni…

Ti rivelo il segreto che permette all’1% degli autori di scrivere VERE poesie, capaci di sorprendere i lettori!

È arrivato il momento di fare chiarezza:

Registrati alla Lezione Gratuita del 6 Dicembre 2021
La Nuova Era della Poesia sta per cominciare!

Clicca qui

* * * *

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autrice:
Polizzy Carbonelli M L
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

STRAGI

di Polizzy Carbonelli M L



Vorrei orecchie attente al disperato urlar della mia voce
pel dilaniar che s’opra di troppi miei fratelli,
presi nell’improvvisa, orribil stretta d’iniqua morte!
Selvaggia sorte, che atrocemente, entro fugace attimo
strappa d’un colpo all’Anima le vesti lacerandole con indecente impegno!
I martoriati, nudi corpi lascia fra mille frantumate cose!

Come, mio Dio!, tutto ciò consenti al disumano ingegno,
senza frenar l’istinto insano che troppe menti annebbia,
se l’Uomo, Tu, creasti simile a Te nei tratti e non a jena eguale?
Le divine Tue mani, stupefacente un macchinario in sen gli posero
per sublimi intenti: or, tanto odio vomita, arido muscolo
e. arrugginito ferro, stride per lucida pazzia!
Serra - qual orrida benda - gli occhi dell’innocente su cui s’avventa;
dove egli sputa la sua fredda rabbia, fetor di morte espande!

Come consenti, Dio di Giustizia immensa!,
la devastante, scandalosa ingiuria
che si perpetua per mano di creature cui Vita desti
ed or seminan Morte sulle lor stesse membra?
Ché tali ci creasti: “Figli di un solo Padre; unica carne d’un immenso Corpo”!
Come placar l’enorme sdegno
che m’attanaglia ‘l petto per troppo atroce scempio,
ch’entro al mio seno va insinuando l’odio più sordo?

Un sol pensiero m’attenua l’enorme indignazione:
“che l’innocenti Alme - liberate alfin dal sentir terreno -
non vadano errando, attonite e sconvolte, su martoriati resti,
in tormentosi spasmi di vendetta,
ma vadano anelando da Te consolazione per sì cocente dolo!”

Se, dal profondo, salgono a Te disperate le grida di tanto affranti figli,
che l’oltragioso e disumano gesto annientò in eterno,
donami orecchie attente alla pacata Tua divina Voce,
che m’assicuri, con paterno accento,
che l’Alme di sì diletti figli a vagar non indugeranno, attonite e sconvolte,
ché la “Via diretta” in volo prenderanno, come leggiadre rondini,,
e sarai “Li” ad accoglierle per rivestirle di risanate, sfolgoranti vesti
e cingerle, qual Martiri, di profumati serti.

Allor, di nuovo, Amoroso Dio:
donami orecchie attente al sublime canto
che Cherubini a schiere leveranno al giungere
di troppi miei Fratelli presi nell’improvvisa orribil stretta
d’iniqua morte - frutto d’ingegneria perversa -
ma che, Tu solo, Onnipotente Iddio!,
sai trasformare in sempiterna Gloria!
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti