Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17889

-




XXII CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA

“HABERE ARTEM”

SCADENZA
29 OTTOBRE 2021


 

 



Tutto quello che sai su come si scrive una poesia NON è vero!

Il 99% dei Poeti scrive SOLO con le emozioni…

Ti rivelo il segreto che permette all’1% degli autori di scrivere VERE poesie, capaci di sorprendere i lettori!

È arrivato il momento di fare chiarezza:

Registrati alla Lezione Gratuita del 6 Dicembre 2021
La Nuova Era della Poesia sta per cominciare!

Clicca qui

* * * *

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autrice:
Polizzy Carbonelli M L
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

FONTANILE

di Polizzy Carbonelli M L



Vetusto fontanile, di durissima pietra a mezza Valle posto,
infra la selva scura sottostante ‘l bosco,
il viandante affascini e costringi a breve sosta,
dal vagar dei consunti pensieri la sua mente distogli.
L’ampio tuo letto divenuto ormai
dimora di galleggianti sfortunati insetti,
fra secchi rami e bacche colorate,
pur degli alti castani accoglie spurio fogliame
e ricci che mai matureranno frutto.
Il gocciolar esiguo della tua cannella
più non sa dar ricambio alle stagnanti acque,
dove, ormai rare, le miti bestie in te ristoro attingono
e intanto l’ombra delle lor lente moli
vanno affogando nel tuo specchio cupo.
Forse ancor odi, giù nel vischioso fondo vagar l’eco dei garbati accenti,
un po’ “cantilenanti” delle camune (1) genti.
Odi, tu, ancor il canto antico e il crepitar ingenuo di risate
di pazientissime donne che saponavano leste sul tuo duro corpo
le consunte vesti e i rozzi teli pe’ i loro pagliericci canterini ? (2)
D’esse ciarlando e, con sottil malizia, di lor comari assenti,
l’unghie limavano su scivolosa pietra.
Rammenti di spumose acque la carezza ardita che t’aggrediva
quando - nel risciacquo intente - i candidissimi panni
dimenavano con forza nel più limpido fondo?
Gelida la tua acqua i dolenti polsi - fin troppo adusi alla fatica -
gonfiava nel tempo e le contorte dita,
al fin dell’opra, rendea spugnose.

Nel silenzioso accumular degli anni deteriorando vai
e le sconnesse pietre, un tempo basamento che ti cingea la mole,
fanno incerto il terreno e, fra gli esigui spazi di terriccio e sassi,
pungenti ortiche prosperano, con cento erbe e umili fior di campo
e, fra di essi spuntano arditi i ciuffi rosati della saponaria
che - nell’antico gioco, ancor oggi -
vispi fanciulli strappano violenti dai lor siti
e nelle mani a morte li strofinano finchè non “schiumano”.
Quando nelle tue acque pigre vanno a risciacquarsi fra spruzzi e grida,
senti di nuovo la carezza antica scivolarti addosso?
Allor, insieme ad essi - io penso - torni a gioir al par di ieri,
ché l’utilità di esistere, sia pur pel gioco, per loro hai ritrovata.
Ma di li a poco, di nuovo avrai compagno il feral silenzio
che sol l’impetuoso vento può scrollarti di dosso,
abbattendosi ignaro sul martoriato tuo corpo.

Sempre ti vedo: nel mistero del Tempo che ti scivola addosso,
“statico e immortale”, seppur corroso,
vetusto Fontanile, di durissima pietra, a mezza Valle posto,
emblema d’un passato di cui sol menti divenute ormai “deboli e mute”
serbano in loro vivissima memoria.

_______________________________________________
1) camune genti: abitanti della Val Camonica
2) pagliericci canterini: materassi di foglie secche di granturco



in: “ANTOLOGIA”, Concorso Nazionale Letterario“Il senso puro della parola…”,
promosso dall’Associazione Culturale “IL CARDINE” di Roma, II^ Edizione,
30 Settembre 1999, Premiazione, in Roma Palazzo Valentini, 6 Marzo 2000
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti