Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18576

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Pittura
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

La Nave Argo

di Pittura


La Nave Argo
Mito, metafora e simbolo

Sabato 18 novembre '06 - alle ore 10.00 - si inaugurerà, presso la galleria espositiva dell'Istituto Tecnico per Geometri G.G. Marinoni di Udine (viale Monsignor Nogara n. 2) la seconda esposizione della mostra itinerante di pittura, fotografia e didascalia - con catalogo - La nave Argo (Mito, metafora e simbolo), presente anche in internet all'indirizzo www.anforah.artenetwork.net, degli artisti Fedele Boffoli e Massimo Rovereti (conclusa - con successo - da pochi giorni presso la galleria comunale ex Pescheria di Cesena, e prevista - per l'agosto 2007 - presso la sala d'arte S. Felice del Comune di Giovinazzo/Bari). La particolare rassegna, organizzata per promuovere gli aspetti universali e significativi - di immagini e narrazioni allegoriche - attivi in ogni tempo e forma d'arte, è patrocinata da: Associazione Culturale Comunicaria; Biennale D'Arte Contemporanea (Lecce), Club Unesco di Udine; Comuni di Cesena, Giovinazzo (BA), Trieste, Udine; Istituto Tecnico Statale per Geometri "G.G. Marinoni" di Udine; Provincia di Udine; Telefriuli (Il segno e il colore).
La mostra, aperta fino al 7 dicembre '06, sarà visitabile tutti i giorni in orario 8-21 (dal lunedì al giovedì) e 8-13 (il sabato).
Riportiamo, in proposito, alcune note esplicative dei critici d'arte Attilio Bazzani ed Eraldo Di Vita:
"""[...] Il Boffoli si distingue per quel segno particolare che è essenziale nell'attività artistica, l'inventività. Il mito, il simbolo, la metafora sono, per lui, soltanto degli archetipi, che devono essere decodificati e tradotti in immagini per diventare parlanti e rivelare i misteri della vita e della natura. L'archetipo è la prima forma dell'universo, il modello ideale, l'uno, che comprende il tutto, il contingente e l'eterno, l'intellegibile e l'enigmatico, il razionale e il passionale. E' l'archetipo il problema di fondo, il tema primario che il Boffoli affronta col suo lavoro d'indagine conoscitiva e rappresentazione immaginifica. Addentrarsi in questo mondo così complesso e variegato, coglierne i significati reconditi, è un'impresa difficile, perché richiede duttilità di pensiero e solida preparazione culturale, ma forse è ancor più arduo renderlo comprensibile ai fruitori mediante il discorso figurale. Per riuscirci bisogna avere due capacità congiunte: la mente del filosofo e l'estro del poeta [...] - A. Bazzani.
""[...] Massimo Rovereti ama la penombra, la nebbia fumosa degli incensi e degli interni. Nei suoi dipinti, tra sogno e realtà, si scoprono le verità che pochi di noi hanno il coraggio di ammettere: il mistero dell’amore per l’uomo, la fede che spesso lo sostiene e la speranza.

Le tele di Rovereti sono ricche di suggestioni, di intelligenza poetica e di ironia; le atmosfere sono ottenute opacizzando i colori, che appaiono come diluiti nel tempo e nello spazio (L’uva di Zeusi, Il giardino misterioso, La famiglia? Sta bene grazie).

Quella che l’artista dipinge è la società di oggi e il suo mondo parallelo, fatto di emozioni, di dolore e di gioia, di sentimenti nascosti e svelati, di ferite scoperte e rimarginate, il tutto presentato con grande poesia e sentimento [...]""".

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti