Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18469

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Pierre Klossowki a Venezia

di Comunicati Stampa


Pierre Klossowski
Il Bafometto

Galleria di piazza San Marco 71/c, 30122 Venezia
dal 2 febbraio al 26 marzo 2007

Inaugurazione:
giovedì 1 febbraio alle ore 18.30 nella galleria di piazza San Marco

A cura di:
Raffaella Baracchi, Angela Vettese

Ingresso: Intero 3 euro, Ridotto 2
Tutti i giorni dalle 12.00 alle 18.00
Chiuso il Martedì

La Fondazione Bevilacqua La Masa mostra per la prima volta al pubblico un momento saliente della collaborazione e della profonda amicizia tra Carmelo Bene e Pierre Klossowski, cioè il ciclo completo, 17 disegni e 4 studi che quest'ultimo dedicò a una commedia su Bafometto di cui lui stesso aveva scritto il testo, e che Carmelo Bene avrebbe dovuto mettere in scena in occasione della Biennale Teatro da lui diretta: un sogno rimasto chiuso, dal momento che l'istrione italiano decise di abbandonare bruscamente l'incarico.
Appena dopo la celebrazione di Klossowski offerta dalla Whitechapel di Londra, nonchè prima di quella che gli tributerà il Centre Pompidou di Parigi, la BLM di Venezia è fiera di potere portare a conoscenza del pubblico anche questo nucleo compatto e inedito di disegni.
Affilato mistico e religioso, paura dell'omosessualità , del desiderio erotico perverso; omaggia Sade e a Foucault, due diversi maestri della liberazione dal potere e dalle sue catene; gioventù e suicidio questi e altri temi scandalosi sono al centro della mostra.
Il soggetto attorno a cui si svolgono i grandi cartoni a matita, infatti, in cui le figure hanno quasi sempre dimensione reale, è quello di un giovane attraente, un efebo vestito alla medievale ,la vicenda è ambientata nel Medioevo più oscuro come metafora dell'inconscio e del represso. Il giovane è continuamente preda dei Templari medesimi, che lo adorano ma al contempo lo torturano e lo inducono all'impiccagione. A ispirarli è Bafometto, il loro idolo e la divinità delle streghe, il centro del Sabbat. Il nome è composto di tre abbreviazioni, che insieme significano - Il padre del tempio della pace universale tra gli uomini -. Alcuni teologi pensarono che Bafometto fosse una figura allegorica e magica dell'Assoluto. Simboli come la triade, i corni, la torcia ne sottolineano l'intelligenza. Per altri aspetti, quelli più legati alla materialità , esso sembra anche legato al regno animale e al mondo della riproduzione. Le sue mani bianche mostrano la santità del lavoro. Figura androgina, ci parla della rivelazione che ciascuno può avere attraverso l'uso dell'intelligenza.
Molti templari confessarono di aver visto questo idolo, dalla testa deforme e dagli occhi fiammeggianti. Altri hanno detto che si accompagnava a un teschio umano. Per tutti , e di qui il suo scandalo , egli era la rappresentazione di un sapere che poteva raggiungere la divinità tramite il solo pensiero, o comunque soltanto l'uso di facoltà umane. Era il simbolo di quei misteri che l'uomo è in grado di trovare per decifrare il mondo, privando così della maggior parte del loro potere i sacerdoti e i potenti che pensano di detenere la verità.
Attraverso questa vicenda torbida, in cui l'oscuro serve a portare alla luce ciò che è nascosto, Klossowski/Bafometto ci mostra allora tutta la nostra capacità di ricerca spirituale, da un lato, e di ribellione dall'altro.

La mostra è stata ideata da Raffaella Baracchi e Angela Vettese.




Informazioni:
Fondazione Bevilacqua La Masa
Dorsoduro 2826, 30123 Venezia
Tel. +39 041 5207797 – Fax +39 041 5208955
www.bevilacqualamasa.it
press@bevilacqualamasa.it
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti