Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17889

-




XXII CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA

“HABERE ARTEM”

SCADENZA
29 OTTOBRE 2021


 

 



Tutto quello che sai su come si scrive una poesia NON è vero!

Il 99% dei Poeti scrive SOLO con le emozioni…

Ti rivelo il segreto che permette all’1% degli autori di scrivere VERE poesie, capaci di sorprendere i lettori!

È arrivato il momento di fare chiarezza:

Registrati alla Lezione Gratuita del 6 Dicembre 2021
La Nuova Era della Poesia sta per cominciare!

Clicca qui

* * * *

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


Info sull'Opera
Autore:
Iacopone da Todi
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

O papa Bonifazio, moltíŗi iocato al mondo

di Iacopone da Todi

O papa Bonifazio, molt’ài iocato al mondo;
pensome che iocondo non te ’n porrai partire!

Lo mondo non n’à usato lassar li sui serventi,
ched a la scivirita se ’n partano gaudenti.
Non farà lege nova de farnete essente,
che non te dìa presente, che dona al suo servire.

Bene lo mme pensai che fussi satollato
d’esto malvascio ioco, ch’al mondo ài conversato;
ma poi che tu salisti enn ofizio papato,
non s’aconfà a lo stato essere en tal disire!

Vizio enveterato convertes’en natura;
de congregar le cose granne n’à’ auta cura;
or non ce basta el licito a la tua fame dura,
messo t’èi a ’rrobatura, como asscaran rapire.

Pare che la vergogna dereto agi iettata,
l’alma e lo corpo ài posto a llevar to casata;
omo ch’en rena mobele fa grann’edificata,
subito è ’n ruinata, e no li pò fallire9.

Como la salamandra sempre vive nel foco,
cusì par che llo scandalo te sia solazzo e ioco;
dell’aneme redente par che ne curi poco!
Là ’ve t’accunci ’l loco, saperàilo al partire.

Se alcuno ovescovello pò covelle pagare,
mìttili lo fragello che lo vòl’ degradare;
poi ’l mandi al cammorlengo, che se deia acordare;
e tanto porrà dare che ’l lassarai redire.

Quando nella contrata t’aiace alcun castello,
’n estante mitti screzio enfra frat’e fratello;
all’un getti el braccio en collo, all’altro mustri el coltello;
se no n’assente al tuo appello, menaccili de firire.

Pènsite per astuzia lo mondo dominare;
ciò ch’ordene l’un anno, l’altro el vidi guastare.
El mondo non n’è cavallo che sse lass’enfrenare,
che ’l pòzzi cavalcare secondo tuo volere!

Quando la prima messa da te fo celebrata,
venne una tenebria per tutta la contrata;
en santo non remase luminera apicciata,
tal tempesta levata là ’ve tu stavi a ddire.

Quando fo celebrata la ’ncoronazione,
non fo celato al mondo quello che c’escuntròne:
quaranta omen’ fòr morti all’oscir de la masone!
Miracol Deo mustròne, quanto li eri ’n placere.

Reputavi te essare lo plu sufficïente
de sedere en papato sopre onn’omo vivente;
clamavi santo Petro che fusse respondente
s’isso sapìa neiente respetto al tuo sapere.

Punisti la tua sedia da parte d’aquilone,
<es>cuntra Deo altissimo fo la tua entenzione.
Per sùbita ruina èi preso en tua masone
e null’o<m> se trovòne a poterte guarire.

Lucifero novello a ssedere en papato,
lengua de blasfemìa, ch’el mondo ài ’nvenenato ,
che non se trova spezia, bruttura de peccato,
là ’ve tu si enfamato vergogna è a profirire.

Punisti la tua lengua contra le relïuni,
a ddicer blasfemia senza nulla rasone;
e Deo sì t’à somerso en tanta confusione
che onn’om ne fa canzone tuo nome a maledire.

O lengua macellara a ddicer villania,
remproperar vergogne cun granne blasfemìa!
Né emperator né rege, chivelle altro che sia,
da te non se partia senza crudel firire.

O pessima avarizia, sete endopplicata,
bever tanta pecunia, no n’essere saziata!
Non ’l te pensavi, misero, a ccui l’ài congregata,
ché tal la t’à arrobata, che no n’eri en pensieri.

La settemana santa, ch’onn’omo stava ’n planto,
mandasti tua famiglia per Roma andare al salto;
lance giero rompenno, faccenno danz’e canto;
penso ch’en molto afranto Deo <’n> te deia ponire.

Intro per Santo Petro e per Santa Santoro
mandasti tua famiglia faccenno danza e coro;
li pelegrini tutti scandalizzati fòro,
maledicenno tu’ oro e te e to cavalieri.

Pensavi per augurio la vita perlongare!
Anno dìne né ora omo non sperare!
Vedem per lo peccato la vita stermenare,
la morte appropinquare quand’om pensa gaudere.

Non trovo chi recordi papa nullo passato,
ch’en tanta vanagloria se sia sì delettato.
Par ch’el temor de Deo dereto agi gettato:
segno è d’om desperato o de falso sentire.
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti