Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18396

-



Premio Internazionale Dostoevskij®

Terza Edizione Straordinaria per le Celebrazioni dei 200 Anni dalla Nascita.


SCADENZA PROROGATA DEFINITIVAMENTE

21 NOVEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

ANDREA BERNARDONI ( Gazzetta di Mantova 3/12/ 2006 )

di Rassegna Stampa

“Io, gay sposato e felice in Usa”

Andrea Bernardoni, da Poggio
alla California per amore

POGGIO RUSCO. Nel 2003 ha convinto il
suo compagno Brent Wakefield a ritornare
a San Diego, in California. Oggi vive felicemente
con lui come {legal domestic partner}
convivente legale, un istituto che riconosce
diritti e doveri simili al matrimonio.
E il prossimo anno convolerà a nozze
nello stato del Massachusetts, che accetta
pienamente le unioni omosessuali. Andrea
Bernardoni, 44 anni, di Poggio Rusco,
avvocato e scrittore non tornerebbe
in Italia {anche se a Poggio ho mantenuto
amici ed ho avuto un'accoglienza che mi
ha commosso}.

Andrea, dopo le superiori,
si è trasferito a Bologna dove
si è laureato in Giurisprudenza
iniziando poi ad esercitare
la professione forense. {Sono
gay da sempre - dice al telefono
dalla sua casa californiana
- e Bologna è una città tollerante
e amichevole con gli
omosessuali. Lì ho conosciuto
il mio compagno Brent}
Hai avuto problemi con
la tua famiglia o gli amici?
{Sono figlio unico ed i miei
sono morti giovani. Ma il fatto
di avere avuto una famiglia
aperta mi ha aiutato. Il libro
che ho scritto l'ho dedicato
a Brent ed ai miei amici}.
Oggi tu sei avvocato ed
hai iniziato a scrivere. Nella
carriera è discriminante
l'essere gay?
{Nel mio caso direi di no.
Mi sono imposto, bene o male,
come Andrea Bernardoni
e basta. Non ho mai ostentato
la mia situazione, ne però
l'ho mai nascosta. Credo che
questo aiuti nei rapporti umani
spiccioli. In America però
è tutto diverso. Vivo dal 2003
a San Diego dove a nessuno
interessa realmente la tua vita
sessuale. Si è una coppia
normale e basta}.
Tu hai voluto sposarti,
perché?
{Perché in California ai
conviventi sono riconosciuti
diritti molto forti, come l'eredità
dei beni o altro. Non però
il diritto di ricongiunzione
famigliare, come nel mio caso,
con una persona immigrata.
Per questo occorre essere
civilmente sposati}.
E tu come farai?
{Il prossimo anno credo
che ci sposeremo in Massachussetts,
dove esiste il matrimonio
gay}.
Qual è il tuo rapporto
con la Chiesa?
{Non frequento, ma mi ritengo
profondamente credente.
Don Giuliano me lo diceva
sempre ed ha voluto una copia
autografa del mio libro. Il
mio compagno lavora in un'Università
cattolica e spesso abbiamo
a cena religiosi, monsignori.
Qui è normale}.
Torneresti in Italia?
{L'Italia è bellissima, ma
sui diritti dei gay è troppo arretrata.
Non tornerei}.
Il tuo sogno irrealizzato?
{Quello di una persona normale:
avere dei figli in affido}.
Come è stato il tuo ultimo
rientro a Poggio?
{Mi ha commosso. Soprattutto
quando due anziani,
amici dei miei, sono venuti e
hanno fatto gli auguri a me e
al mio compagno in Usa. Non
me l'aspettavo, ma credo che
sia un segno che qualcosa sta
cambiando}.


di Francesco Romani


ARTICOLO USCITO SULLA GAZZETTA DI MANTOVA IN DATA 3 DICEMBRE 2006
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti