Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16354

-



4° Premio Letterario Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

Sezioni: Poesia, Narrativa, Teatro, Saggistica e Musica

Scadenza 27 Dicembre 2019
 


XX Concorso di Poesia Inedita "HABERE ARTEM"

Presidenti di Giuria: F. Gazzè G. Aletti



Scadenza
18 Novembre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

ANDREA BERNARDONI ( Gazzetta di Mantova 3/12/ 2006 )

di Rassegna Stampa

“Io, gay sposato e felice in Usa”

Andrea Bernardoni, da Poggio
alla California per amore

POGGIO RUSCO. Nel 2003 ha convinto il
suo compagno Brent Wakefield a ritornare
a San Diego, in California. Oggi vive felicemente
con lui come {legal domestic partner}
convivente legale, un istituto che riconosce
diritti e doveri simili al matrimonio.
E il prossimo anno convolerà a nozze
nello stato del Massachusetts, che accetta
pienamente le unioni omosessuali. Andrea
Bernardoni, 44 anni, di Poggio Rusco,
avvocato e scrittore non tornerebbe
in Italia {anche se a Poggio ho mantenuto
amici ed ho avuto un'accoglienza che mi
ha commosso}.

Andrea, dopo le superiori,
si è trasferito a Bologna dove
si è laureato in Giurisprudenza
iniziando poi ad esercitare
la professione forense. {Sono
gay da sempre - dice al telefono
dalla sua casa californiana
- e Bologna è una città tollerante
e amichevole con gli
omosessuali. Lì ho conosciuto
il mio compagno Brent}
Hai avuto problemi con
la tua famiglia o gli amici?
{Sono figlio unico ed i miei
sono morti giovani. Ma il fatto
di avere avuto una famiglia
aperta mi ha aiutato. Il libro
che ho scritto l'ho dedicato
a Brent ed ai miei amici}.
Oggi tu sei avvocato ed
hai iniziato a scrivere. Nella
carriera è discriminante
l'essere gay?
{Nel mio caso direi di no.
Mi sono imposto, bene o male,
come Andrea Bernardoni
e basta. Non ho mai ostentato
la mia situazione, ne però
l'ho mai nascosta. Credo che
questo aiuti nei rapporti umani
spiccioli. In America però
è tutto diverso. Vivo dal 2003
a San Diego dove a nessuno
interessa realmente la tua vita
sessuale. Si è una coppia
normale e basta}.
Tu hai voluto sposarti,
perché?
{Perché in California ai
conviventi sono riconosciuti
diritti molto forti, come l'eredità
dei beni o altro. Non però
il diritto di ricongiunzione
famigliare, come nel mio caso,
con una persona immigrata.
Per questo occorre essere
civilmente sposati}.
E tu come farai?
{Il prossimo anno credo
che ci sposeremo in Massachussetts,
dove esiste il matrimonio
gay}.
Qual è il tuo rapporto
con la Chiesa?
{Non frequento, ma mi ritengo
profondamente credente.
Don Giuliano me lo diceva
sempre ed ha voluto una copia
autografa del mio libro. Il
mio compagno lavora in un'Università
cattolica e spesso abbiamo
a cena religiosi, monsignori.
Qui è normale}.
Torneresti in Italia?
{L'Italia è bellissima, ma
sui diritti dei gay è troppo arretrata.
Non tornerei}.
Il tuo sogno irrealizzato?
{Quello di una persona normale:
avere dei figli in affido}.
Come è stato il tuo ultimo
rientro a Poggio?
{Mi ha commosso. Soprattutto
quando due anziani,
amici dei miei, sono venuti e
hanno fatto gli auguri a me e
al mio compagno in Usa. Non
me l'aspettavo, ma credo che
sia un segno che qualcosa sta
cambiando}.


di Francesco Romani


ARTICOLO USCITO SULLA GAZZETTA DI MANTOVA IN DATA 3 DICEMBRE 2006
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti