Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18481

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

METROSEXUAL

di Comunicati Stampa

Galleria delle Battaglie
via delle Battaglie 69/A - 25122 Brescia
Tel. 030/3759033 - Cell. 335/5853121

Inaugura sabato 20 gennaio h 18.30

METROSEXUAL
di Luca Bertasso
a cura di Marco Meneguzzo con intervista di Chiara Canali

Ogni tribù possiede precisi segni di riconoscimento: l’appartenenza è segnalata da elementi chiari, visibili, quasi sempre ostentati. E non si tratta di questioni antropologiche o storiche, per ritrovare questo atteggiamento…basta passeggiare con una borsa di Prada per dichiarare la propria appartenenza alla tribù del gusto – di quel gusto – e del censo – di coloro che si possono permettere questo tipo di accessori –…anzi, il mondo occidentale, dopo una tendenza all’uniformità di un benessere standard, nell’ultimo quarto di secolo si è polverizzato in mille tribù.

Luca Bertasso è attratto da questa “galleria” di personaggi che indossano tutti la maschera di una tribù contemporanea: il rockettaro, il pusher, il metrosexual…non è solo, in questa passione, anzi, si potrebbe dire che è l’ultimo di un gruppo glorioso di intellettuali – letterati e artisti, soprattutto – che da secoli indagano sui “tipi psicologici”, e che su questa indagine costruiscono una propria visione del mondo. Di fatto, l’attributo che identifica l’appartenenza – che va dalla pelle di leone che ci dice che si tratta di Ercole, all’orecchino portato in abbinamento a un colore, che individua l’affiliato a una gang metropolitana…–, va di pari passo con la fisiognomica (l’arte di vedere il carattere di una persona dal suo aspetto fisico), e serve in ultima istanza a definire un “tipo”, che oggi definiamo psicologico, ma che potrebbe anche essere definito “morale”.
Non è un caso che tutti coloro che si sono cimentati in questa indagine – da Artemidoro a William Hogart, a Luca, appunto… - siano in fondo dei moralisti assoluti, che usano l’ironia per stigmatizzare un mondo che sostanzialmente non gli piace. Si può sorridere e riconoscere qualcuno nella serie di “tipi” che Luca Bertasso dipinge ormai da quasi un decennio, ma si sorride amaro quando si vede che nel quadro tutto ha una data di scadenza – una expiring date –, e che esiste una uniformità di espressioni, di atteggiamenti che assomiglia a quella di una maschera, una maschera tragica nella sua stolida, ottusa monotonia, da cui solo a tratti emerge un aspetto più profondo, una sorta di ricordo di quando esisteva la coscienza…

La mostra, arricchita da un catalogo con presentazione di Marco Meneguzzo e intervista di Chiara Canali è imperniata su una trentina di tempere su carta ed alcuni olii.

La mostra curata da Marco Meneguzzo prosegue fino al 7 marzo.

Luca Bertasso (Milano 1968) vive e lavora a Milano.



Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti