Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18468

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

La mostra di Claudio Giacone

di Comunicati Stampa

GALLERIA ARTEINCORNICE
TORINO


CLAUDIO GIACONE
Antologica
Una risposta tramite il colore e la forma
Presentazione di Paolo Levi

10 febbraio – 24 marzo 2007
inaugurazione : sabato, 10 febbraio, ore 16.30

L’Antologica che la Galleria Arteincornice ha deciso di proporre copre l’intera attività di Claudio Giacone, dai primi esordi figurativi ma che già mostrano i segni dell’evoluzione del suo percorso fino all’opere che l’instancabile artista ha realizzato praticamente ieri. E nell’occasione del suo ottantesimo anno giusta visibilità va tributata all’artista che fa il suo lavoro, crea, sperimenta, innova con quel gusto sabaudo elegante e taciturno, mai strillato ma sussurrato pur nella grande rivoluzione. Ottanta opere per ottanta anni, un serie di cicli che permettono di apprezzare tutte le tematiche affrontate tramite la sua tecnica inconfondibile che attinge direttamente dalla madre terra con l’uso di sabbie, pietre, legni, materiali naturali, spesso grezzi, risemantizzati e ricontestualizzati al servizio di un significato univoco e unico, testimonianza di un’anima schietta e franca, senza fronzoli, onesta e inossidabile nella sua eterna ricerca. Silenziosa finchè non si coglie sul serio il messaggio universale che lancia, legato all’attenzione profonda per l’ambiente che ci circonda e il monito verso chi non se ne occupa a sufficienza e invece dovrebbe farlo.

“Questa mostra rappresenta l'autobiografia per immagini di un maestro di costruzioni poetiche, dal notevole impatto visivo. Egli ha sempre cercato, riuscendovi, di rivelare la mutabilità del misterioso contrappunto tra disegno astratto delle forme e linguaggio cromatico - cosciente che ogni suo parto compositivo rappresenta un unicum tale da potere "passare ad altro". Nel mondo poetico di Claudio Giacone vive, quindi, una dialettica delle coincidenze e delle divergenze , tra mondo oggettivo dei materiali e quello astratto di masse cromatiche in cerca di rivelazioni spaziali.
La necessità costante di coniugare pigmenti tonali e atonali a materiali spesso poveri , fanno di Claudio Giacone un artista che opera costantemente tra emozione e ragione. Nel mondo dell'arte piemontese degli anni cinquanta aveva fatto la comparsa questo pittore, nato a Rivoli nel 1927 : sin da allora si rivela artista incline a costruire non per contemplazione , ma per impulso, in un'espressività calda legata più al cosmo che all'esistenziale. Ieri come oggi si dedica - da poeta artigiano e da sapiente manipolatore della materia - a sortire con forte espressività dalle frontiere di una falsa e autoreferenziale sperimentazione. Egli non ripete mai se stesso , perché la poetica del suo inconscio muta e si ribella agli schemi prestabiliti ; assembla , guidata dal sentimento della ragione ; rompe gli equilibri visivi perchè i toni devono assurgere sino all'utopico infinito dello spazio , come in presenza del 1986 e in Greto con staccionata del 1988 : in questi e in altri lavori , egli dimostra di possedere un pensiero pittorico problematico, interrogante, antinaturalista ( vedere in questo contesto la forza infèra , di Bacheca del 1989 ). Il suo problema di artista non è quello , come tanti suoi contemporanei, di aggionarsi , ma di esprimersi con messaggi portatori di un mistero visivo , come nel caso delle esplosioni cristalline di Classicismo blu del 1984 o della composizione informale del 1987 Nello spazio. Da cinquant'anni , Claudio Giacone si dedica a un lavoro complesso, ostinato, e civilmente solitario. Egli ha la dote di essere aperto alle esperienze materiche e cromatiche , come fossero suoni, sinfonie tonali , vivendole sempre con intensità ; quelle che gli sono più necessarie le rivive con ulteriore forza interiore , trasformandole in una sostanza creativa del tutto autonoma ed originale. “
Paolo Levi



Dal 10 febbraio al 24 marzo 2007
Galleria Arteincornice - Via Vanchiglia 11/C - 10124 Torino
Tel/fax 011 885071 – info@arteincornice.it - www.arteincornice.it
Orari di apertura: 9 – 13 e 15 – 19 chiuso festivi e lunedì mattina

Catalogo in galleria

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti