Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18469

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Esempi di stile

di Comunicati Stampa

Esempi di stile: poltrone, sedie e sgabelli italiani dal XV al XX secolo

Bologna, 17 marzo – 5 aprile 2007
Inaugurazione sabato 17 marzo ore 18,00



L’appuntamento primaverile con l’attività espositiva della Galleria Antiquaria di Maurizio Nobile in Via Santo Stefano 19/A prende il via quest’anno il 17 Marzo alle ore 18.00 con l’inaugurazione della mostra Esempi di stile: poltrone, sedie e sgabelli italiani dal XV al XX secolo che si protrarrà fino al 5 Aprile con catalogo a cura di Enrico Colle.
Il tema monografico è affrontato, con il consueto raffinato ed espressivo impegno caratteristico dell’antiquario bolognese, attraverso un’accurata selezione di “sedute” delle più rappresentative regioni italiane dal XV secolo fino alla produzione del design industriale del XX secolo. Il soggetto della mostra ha due illustri precedenti: l’esposizione al Musée des Arts Décoratifs di Parigi nel 1947 “Chaises françaises du Moyen Age à nos jours” e la celebre mostra, curata da Licia Collobi Ragghianti “La sedia italiana nei secoli” tenutasi alla Triennale di Milano nel 1951, importante esperienza che ha prodotto in Italia, diversi studi sul tema, negli anni ’50 e ’60, confluiti nella catalogazione storica di questo genere di arredo da parte di alcune case editrici, prima fra tutte la Görlich di Milano. Dopo questi episodi, praticamente nessuno ha più affrontato il tema fino all’attuale occasione bolognese.
Lo sviluppo del genere “seduta” ha seguito, lungo i secoli, l’evoluzione stilistica delle arti decorative raggiungendo le altissime espressioni toccate, ad esempio, dai fastosi modelli romani e veneziani della seconda metà del Settecento, testimonianze dell’enfasi che la poltrona aveva presso le grandi Corti, distinguendosi nella propria funzione secondo i ranghi sociali. Dalla poltrona papale, riservata esclusivamente al Massimo Pontefice, spesso appartenente alla stessa nobile famiglia, passando per le poltrone di rappresentanza, per le più semplici sedie fino ai tabourets (sgabelli) conservando tuttavia in ogni grado la stessa impronta stilistica e decorativa. Con il Neoclassicismo la “seduta” si allinea con la rigida compostezza e il richiamo al lessico ornamentale dell’antichità classica, che sarà poi protagonista del successivo Impero, celebrazione della grandezza dell’Impero romano. Con il XIX secolo, la rivoluzione industriale inserisce nuovi concetti nel mondo delle arti decorative come la serialità e il comfort espresso dagli “imbottiti” ottocenteschi; nel XX secolo l’industria dovrà nuovamente piegarsi all’idea creatrice del singolo designer e così ci avviciniamo alle creazioni di Giò Ponti, Muzio e altri architetti dell’epoca.
Per realizzare la mostra Maurizio Nobile ha richiesto la collaborazione di alcune gallerie antiquarie italiane che hanno prestato le loro opere per questa importante occasione, realizzando, come in un concerto polifonico, un insieme espositivo di grande fascino, dove le singole voci partecipano dell’insieme finale, mettendo da parte i singoli protagonismi che caratterizzano, in genere, l’ambiente dell’antiquariato.
Il XV secolo è rappresentato dalla sedia snodata con schienale intagliato (Sandro Morelli, Firenze), il XVI e XVII dai rari modelli in scala forniti da Antichità Vaccarino (Torino). Il momento d’oro dell’ebanisteria italiana del XVIII secolo trova la sua poliedrica manifestazione in una rara dormeuse Luigi XV in legno laccato (Maurizio Nobile), nelle poltrone genovesi dorate con satiri, (Luca Vivioli, Genova) e nella poltrona dorata Luigi XV romana (Ida Benucci, Roma) per passare al Luigi XVI delle sedie napoletane con schienale in forma di cuore (Antichità Iermano, Napoli) o delle poltrone à la reine provenienti dalla collezione del Principe Alliata (Sergio Baroni, Milano). Il Neoclassicismo si riflette, invece, nelle eleganti ed essenziali sedie realizzate per il Caffè Pedrocchi di Padova (Diego Gomiero, Padova) per avvicinarci alla produzione del design industriale rappresentato da un’originale poltrona girevole di Giò Ponti, realizzata nel 1939 per gli uffici EIAR (ora Rai) in corso Sempione a Milano (Daniela Balzaretti, Milano).
L’esposizione comprende anche opere pittoriche sul tema realizzate sia da artisti contemporanei come Camilla D’Afflitto, sia di antichi dipinti forniti da Tiziana Sassoli (Fondantico, Bologna).





Esempi di stile: poltrone, sedie e sgabelli italiani dal XV al XX secolo


Galleria Antiquaria Maurizio Nobile
Via Santo Stefano 19/a – 40125 Bologna
Tel. 051 238363 – Fax 051 225276
www.maurizionobile.com - maurizionobile@libero.it

dal 17 marzo al 5 aprile 2007
Inaugurazione:
sabato 17 marzo dalle ore 18,00

Aperta dal lunedì al sabato 10.00-13.00 e 16.00-20.00
Domenica chiuso

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti