Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18576

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Teatro
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

IL TEATRO DELLA VITA

di Teatro


IL TEATRO DELLA VITA
Performance e azioni nei luoghi dell’organizzazione
Nuove performance
Ho Tzu Nyen
0100101110101101.ORG
Gareth Moore

Riprende, dopo la pausa natalizia, il ciclo Il teatro della vita: performance e azioni nei luoghi dell’organizzazione (16 novembre 2006 – 25 febbraio 2007), organizzato dalla Galleria Civica di Arte Contemporanea di Trento. Il progetto propone una serie di azioni nei luoghi della vita quotidiana della città, come punti di incontro (bar, pub), ambienti lavorativi (uffici, fabbriche), centri di studio (università), o i cosiddetti non-luoghi (stazioni dei treni, aeroporti), zone neutre in cui i performers si mescolano al pubblico ed ai normali fruitori degli spazi, cimentandosi con un uso di questi sovversivo e differente.
Dopo Anibal López, Roman Ondák, Lara Almarcegui, William Pope.L è ora la volta dell’artista di Singapore Ho Tzu Nyen, degli italiani 0100101110101101.org e del canadese Gareth Moore, le cui performance si svolgeranno il 30 e 31 gennaio ed il 1 febbraio a Trento.

Ho Tzu Nyen (Singapore, 1976) ha esordito in Australia, dove ha studiato presso il Victorian College of the Arts di Melbourne, con Jacques Derrida Exhibition and Prize (1999), un pacchetto di sigarette “falso” composto con materiale promozionale impiegato per pubblicizzare il tour del filosofo francese. Interessato alle possibilità delle immagini mediatiche in The Cave (2001) ha costruito uno spazio-stanza, tappezzato con monitor di video-sorveglianza, mentre in A Possible Line of Flight (2003) ha presentato una serie di fotografie scattate da macchine fotografiche lanciate dal 25° piano di un edificio. Nel 2005 nell’opera 4x4:Episodes of Singapore Art (2005) ha deciso di riscrivere la storia dell’arte di Singapore attraverso le opere di quattro artisti, e nel 2006 ha realizzato Bohemian Rhapsody, nel quale interpreta un personaggio camaleontico che rimette in scena visivamente il processo di registrazione della composizione originale dei Queen.
In occasione del Teatro della vita Ho Tzu Nyen presenterà al pubblico trentino la performance Utama-Every name in History is I, già proposta alla 26° Biennale di San Paolo e alla Triennale Fukuoka Asian Art. Il lavoro consiste in una lezione di storia che vuole riportare all'attenzione generale le origini mitologiche della sua città di origine, la cosiddetta Città del leone (Singapore). Alter ego dell’artista sarà Bruno Vanzo, che interpreterà uno Storico di Culture Occidentali Occulte e Segretario Generale dell’Istituto for Utama Studies (Dipartimento italiano), tracciando le complesse vicende legate all’origine di Utama, mitico fondatore pre-coloniale di Singapore.
All’incontro l’artista presenzierà nelle vesti di Fondatore della Confraternita Internazionale dei Discepoli di Utama. La performance prevede inoltre la presentazione di un video e una serie di diapositive.


Il nome 0100101110101101.ORG sta per la lettera “K” nel codice binario: i giovani artisti che si nascondono dietro al nome infatti, gli italiani Eva and Franco Mattes (nati entrambi nel 1976), realizzano performance e operano nel campo della web art giocando con l’imperscrutabile, kafkiano potere dei mezzi mass media. Per la loro prima personale a New York, hanno presentato degli elementi di una campagna pubblicitaria per un inesistente film d’azione in stile hollywoodiano, United We Stand. Nel 1998 hanno invece aperto il sito web vaticano.org, clonando interamente il sito ufficiale del Vaticano e aggiungendovi progressivamente improbabili commenti dalla Santa Sede, comprendenti affermazioni eretiche e una lunga citazione di una pop band italiana.
Fino ad oggi, il loro intervento più famoso rimane comunque Nike Ground, del 2003, in cui hanno diffuso, attraverso brochure, un sito web e un chiosco informativo, la notizia che la piazza più famosa di Vienna, Karlsplatz, era stata acquistata dalla Nike e avrebbe presto mutato il suo nome in Nikeplatz.
L’azione che 0100101110101101.org propongono per Il teatro della vita, sarà una riedizione virtuale di performance artistiche storiche (Shoot di Chris Burden, Tapp und Tastkino di Valie Export, Seedbed di Vito Acconci) visibili su Ars Virtua Gallery al sito www.secondlife.com. Si potrà assistere alle azioni direttamente in Galleria Civica, oppure dal proprio personale computer provvedendo a scaricare il programma (gratuito) direttamente dal sito. Una volta costruito il proprio alter ego (avatar) sarà possibile viaggiare nel mondo virtuale di second life e presentarsi, in prima persona, all’appuntamento su Ars Virtua Galleria.

Il canadese Gareth Moore (Matsqui, 1975) fa parte di una giovane generazione di artisti di Vancouver giunti alla ribalta di recente. Il suo lavoro è altamente ludico e collaborativo e ad un primo impatto non mostra similitudini con la scena della West Coast canadese. La sua opera fino a questo momento più significativa è St. George Marsh (2005-06), realizzata con il collaboratore Jake Gleeson. I due artisti hanno rilevato un vecchio negozio affacciato sulla strada nella parte est di Vancouver e l’hanno trasformato in una grande opera d’arte. L’idea alla base del progetto nasce dal desiderio di creare un’opera destinata alla comunità al di fuori delle zone commerciali, situate invece in ambienti tranquilli e residenziali. Si tratta di una sorta di Wunderkammer in cui è possibile scoprire cose curiose e sorprendenti in ogni angolo, e in cui si possono trascorrere ore a frugare tra gli oggetti più disparati.
L’artista americano realizzerà per Il teatro della vita una performance inedita. Grazie alla collaborazione con un noto panificio cittadino verranno “sfornati” una serie di pani particolari, con svariate, originali e divertenti forme che saranno regolarmente messe in vendita al pubblico. Il gioco risiede proprio nell’effetto sorpresa sulle persone che di punto in bianco si troveranno di fronte a questi inediti pani.

Ho Tzu Nyen _________________
31 gennaio, h 17.00
Sala della Tromba, Via Belenzani 54, Trento
1 febbraio, h 11.00
Istituto Istruzione Don Milani - Depero, Auditorium, via Balista, Rovereto
1 febbraio, h 17.00
Facoltà di Lettere e Filosofia, Aula 3, via S.Croce 65, Trento

0100101110101101.org ________
31 gennaio, h 21.00
Ars Virtua Gallery su www.secondlife.com

Gareth Moore ________________
1 febbraio, h 7.30 – 12.30 / 16.00 – 19.00
Panificio Pulin, via Cavour 23, Trento
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti