Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18563

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Teatro
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Samuel Beckett a Terranuova B.ni

di Teatro

Comune di Terranuova B.ni
Istituzione Le Fornaci
Auditorium Centro Culturale Le Fornaci
Associazione Culturale KanterStrasse

presentano

SABATO 17 FEBBRAIO ORE 21
L'ULTIMO NASTRO DI KRAPP

di Samuel Beckett
regia di Giancarlo Cauteruccio
costume di Massimo Bevilacqua
scene di André Benaim
luci di Trui Malten
con Giancarlo Cauteruccio

Compagnia Kryptom

Al suo quartoBeckett, Giancarlo Cauteruccio torna nel 2003 a “L’ultimo nastro di Krapp” dopo dieci anni con una lettura inedita e completamente diversa rispetto a quella della fortunata edizione del 1993 che vedeva in scena un doppio Krapp: il vecchio, interpretato da Massimo Verdastro e il giovane, a lui speculare, interpretato da Fulvio Cauteruccio. Nel 2004 il regista entra nella terna finale del Premio UBU come miglior attore dell’anno proprio per l’interpretazione di questo personaggio. Per il progetto “1906BECKETTCENTOANNI2006” Cauteruccio presenta una nuova edizione dello spettacolo. La pièce, scritta nel 1957, mette in scena un solo personaggio: il vecchio Krapp che, rintanato nella sua stessa stanza in compagnia di un registratore e un numero cospicuo di scatole ben ordinate, sperimenta un viaggio nel suo passato. Tanti nastri, registrati ogni compleanno per tramandare brandelli di vita e di esperienza, vengono riascoltati e mescolati per poi dichiarare il fallimento. Una resa dei conti di un vecchio triste e ridanciano insieme, ironico e autoironico, spesso con venature patetiche, sentimentali, struggenti che alla fine si adegua consapevolmente allo scacco. Il monologo dialogante tra Krapp e la sua voce registrata su un allora avveniristico magnetofono corredato di bobine - quindi il rapporto tra memoria umana e memoria magnetica, il conflitto tra uomo e macchina, natura e tecnologia, tematiche intorno a cui sorgono alcuni tra gli interrogativi più drammatici e problematici del ‘900 - per Cauteruccio, qui regista e attore, diventa un importante momento di autoanalisi. In questo ritorno a Krapp, Cauteruccio attinge al suo passato di sperimentatore di un “teatro tecnologico” per generare spazi scenici dove inserire le caratteristiche fisiche ed espressive sue e del suo personaggio. Uno spettacolo sofisticatissimo sul piano acustico, vocale e visivo in cui è forte la necessità di creare una coincidenza tra attore e personaggio. Così in un luogo “siderale” prende vita il noto rituale e il vecchio Krapp si esibisce con vere e proprie performances fisiche tra chiavi, bobine, banane e registratori per intrattenere il pubblico. Poi pause, solitudine e l’elogio al buio e al silenzio.



CENTRO CULTURALE LE FORNACI
VIA VITTORIO VENETO, 19 TERRANUOVA B.NI

INFO: 0559194722 - 0559737524
www.kanterstrasse.it

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti