Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18468

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Valerio Saltarelli Savi a Solarolo

di Comunicati Stampa

Studio La Matta – Solarolo (RA)

Luck & Faith
Domenica 18 febbraio alle 17 inaugura
la personale di Valerio Saltarelli Savi


Luck & faith - fortuna e fede - è il titolo della mostra che inaugura domenica 18 febbraio, alle 17 allo studio La Matta di Solarolo (RA).

La mostra, a cura di Stefania Mazzotti, espone una selezione di sculture polimateriche di Valerio Saltarelli Savi, giovane artista piacentino. La parola chiave della sua arte è “contrasto”: tra materiali diversi, tra sacro e profano, tra icone antiche e contemporanee, tra fede e consumo, tra sogno e realtà.

“Bello come l'incontro di un ombrello e una macchina da cucire su un tavolo operatorio” avrebbe detto Man Ray, facendo l’eco al titolo di una sua celebre fotografia. Le vibrazioni sottese alle opere di Savi paiono essere le stesse del dadaismo e poi del surrealismo.

Oggetti sacri, ex –voto, crocefissi e angioletti sono giustapposti a cornetti napoletani, a dadi da gioco e a conchiglie. Gli oggetti, come se fossero stati trovati nella cantina di una vecchia signora borghese, vengono assemblati con altri materiali e impreziositi da cornici, piedistalli, bacheche di vetro e sfondi di tappezzerie damascate.

All’interno delle cornici gli oggetti sono accostati come rebus. Bisogna trovare la chiave che scioglie l’enigma. A differenza dei suoi antesignani Savi non indaga l’inconscio, non vuole raggiungere la poeticità dell’irrazionale attraverso l’associazione libera d’idee, ma racconta i paradossi del nostro vivere quotidiano. “Quello che vedi non è tutto quello che esiste” con questa frase si apre il catalogo che raccoglie le sue opere. La critica all’apparenza si traduce un cortocircuito all’interno dell’opera. Allora le posate impreziosite da gemme preziose diventano inutili: i cucchiai sono bucati, i denti delle forchette arricciati, i busti delle veneri hanno teste di animali cornuti e l’annunciazione è ridotta a un test di gravidanza. Le sue opere, che all’apparenza sembrano dei semplici motti di spirito, sottendono denuncie esplicite e amare al vivere quotidiano.

Il trittico di steli è forse l’opera più provocatoria. Nella prima “Questo è l’uomo” una testa in vetro trasparente è riempita di soldi e sotto un sacro cuore allude ironicamente all’importanza totalizzante del denaro nella nostra società.

Savi utilizza i significati archetipici degli oggetti per comunicare in maniera diretta con lo spettatore. Non è un caso che l’artista abbia, su sua iniziativa, realizzato alcune pubblicità per Amnesty international e Unicef e abbia in altri casi disegnato dei mobili.

Le tecniche cambiano, ma in fondo al percorso troviamo sempre la stessa indicazione di salvezza, il recupero della fede e della sacralità delle azioni.



Luck & Faith
Valerio Saltarelli Savi
a cura di Stefania Mazzotti
Studio La Matta, via Kennedy 18, Solarolo (RA)
domenica 18 febbraio 2007, ore 17
dal 18 febbraio al 18 marzo 2007
Info : 339.7279035; info@studiolamatta.com
Orari: dal lunedì al venerdì 15-19, sabato e domenica su appuntamento

www.studiolamatta.com


Biografia dell’artista

Valerio Saltarelli Savi, nato il 9 settembre del 1967, vive e lavora a San Giorgio in Piano (Pc)
Aprile 2005 Esposizione presso Galleria Rosso Tiziano - Piacenza
Gennaio 2005 Esposizione presso Galleria Amici Dell’Arte (PC)
Ottobre 2004 Esposizione presso Galleria Ricci Oddi - Rassegna Taboo & Totem (PC)
Febbraio 2004 Personale presso Galleria Fahrenheit 451 (PC)
Ottobre 2003 Esposizione presso Galleria Ricci Oddi (PC )in seguito a concorso
organizzato da Team Promo Arte/GAP.
Giugno-Settembre 2003 Esposizione presso chiesa di S. Rocco-Rivergaro (PC) nell’ambito
della collettiva organizzata dall’Istituto Artistico di Brera sul tema dell’Arte Sacra
Giugno 2003 Selezione e esposizione a concorso fotografico organizzato
da Amnesty International sul tema “Una foto per la discriminazione”
Marzo 2003 Mostra collettiva in Piacenza, S. Maria della Pace nell’ambito dell’attivitàorganizzata dall’Associazione Sine Tempore
Febbraio 2003 Esposizione presso Teatro Fraschini (Pavia) nella mostra dal titolo “Arte da mangiare”
Aprile 2002 Esposizione in Piacenza nell’ambito del concorso GAER – GAP
(Archivio Giovani Artisti Emilia Romagna – Piacenza) in seguito alla selezione
per la sezione SCULTURA
1995 – oggi Partecipazione a mostre presso e collaborazioni con:
Don’t Gallery - Carpaneto (PC)
Galleria I Quattro Gatti (Reggio Emilia)
Galleria Ferrari (Palazzo del Popolo. Rivergaro, Piacenza)
Galleria Catus (Bologna)
Spazio Arte - Castell’Arquato (PC)
Associazione Rosalei Piacenza
Sporting Club Circolo Nautico Oliveto (Lecco)


Realizzazioni

Ottobre 2005 Installazione temporanea manifesto in Stradone Farnese (PC) su sicurezza stradale
Agosto 2005 Installazione scultura in Chiesa di S.Anna – Morfasso (PC)
Dicembre 2004 Installazione temporanea manifesto in Stradone Farnese (PC) sul tema della memoria
Settembre 2003 Installazione temporanea in contesto urbano (P.le delle Crociate - PC)
in seguito a selezione Team Promoarte/GAP.
1998 – 2002 - Collaborazione con gruppo MEMPHIS per la realizzazione di progetti di Ettore Sottsass, Johanna Grawunder, Franz West, “Cristo” realizzato per il convento dei Frati Cappuccini di Loano e arredamento artistico d’eccezione per spazi privati (Bologna, Milano, Piacenza)

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti