Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18469

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

III edizione del Salone dell'Agroalimentare Ligure

di Comunicati Stampa

Dal 16 al 18 marzo 2007 torna l’atteso appuntamento con il Salone Regionale dedicato alle eccellenze agroalimentari provenienti da tutta la Liguria: il Salone dell’Agroalimentare Ligure. La manifestazione si svolgerà, anche in questa edizione, a Finale Ligure Borgo (SV), nel borgo medievale, una delle perle del Club dei Borghi più belli d’Italia, presso il prestigioso Complesso Monumentale di Santa Caterina.

La Liguria vanta un grande patrimonio agricolo e gastronomico, costituito da piccole realtà produttive, le cui caratteristiche organolettiche sono fortemente connesse con le peculiarità del territorio di origine, produzioni di nicchia di alta qualità, ma la cui quantità è piuttosto limitata.
Il consumo di prodotti enogastronomici è divenuto negli anni sempre più attento e consapevole. Grazie alla ricerca da parte di consumatori consapevoli le produzioni agricole di tipicità e di qualità hanno cominciato a competere e a trovare un proprio spazio commerciale.
Il valore aggiunto dai prodotti tipici della tradizione è alla base di una richiesta di mercato sempre più significativa.

La Regione Liguria sta portando avanti un programma di promozione del territorio attraverso la valorizzazione delle produzioni agroalimentari liguri di qualità, le stesse produzioni che rendono la cucina ligure una tra le più apprezzate, non solo tra il turista-consumatore, ma anche tra gli addetti ai lavori. Si pensi all’olio extra vergine d’oliva, al pesto, alla focaccia: tre prodotti che hanno reso celebre la Liguria non solo a livello europeo, ma anche oltreoceano.

La manifestazione è nata per valorizzare le peculiarità enogastronomiche regionali attraverso l’esposizione, la vendita e la degustazione di prodotti tipici.

Il Salone si svolgerà in una cornice molto suggestiva e la struttura medievale, che ospita il Salone dell’Agroalimentare Ligure, verrà suddivisa in aree tematiche: Carruggio del Pesto, Largo dell’Olio, la Cantinetta, Largo del Dolce, Largo degli Orti, Via dei Sapori ed altro ancora.
In ogni settore il pubblico potrà trovare le migliori produzioni del territorio ligure.

Le novità 2007
√ Il 2007 vedrà potenziate sia le aree espositive, ricordiamo che gli espositori della passata edizione sono stati più di 130, sia le aree dedicate agli eventi collaterali. Nella Sala delle Capriate e nella Sala Liguria saranno organizzati incontri didattici, corsi di degustazione, laboratori, seminari e convegni, tutti dedicati alle peculiarità dei prodotti liguri.
√ Sarà allestita un’Arena Eventi dedicata ai laboratori a cielo aperto.
Nell’Arena Eventi si susseguiranno corsi di composizione floreale - durante i quali un maestro dimostratore si cimenterà nelle creazioni floreali più creative - , corsi di cucina, dimostrazioni sulla produzione dei più svariati prodotti della tradizione ligure.
√ Inoltre nell’edizione 2007, all’interno del giardino botanico del Complesso Monumentale di Santa Caterina, sarà allestito “il Giardino dei Sapori e dei Profumi”, un’area dedicata alle degustazioni gastronomiche con la preparazione di farinata, panissa, le biscette di Solva ed altre specialità della cucina della tradizione ligure.
In questo settore il pubblico avrà l’occasione di degustare piatti tipici preparati secondo le antiche ricette della tradizione.
√ Un altro settore introdotto nell’edizione 2007 sarà quello dedicato alle aziende agrituristiche della Liguria sviluppato in collaborazione con le Associazioni di Categoria. Questo settore rappresenterà una vetrina dedicata agli agriturismo ed ai servizi offerti ai turisti dalle numerose aziende agrituristiche liguri.
√ il 2007 sarà l’anno dedicato al “business to business”. Una sezione workshop ricavata nella secolare “Cappella Oliveri” sarà l’area dedicata agli espositori del Salone dell’Agroalimentare Ligure che intenderanno incontrare i loro clienti acquisiti e/o potenziali in una sala dedicata alle trattative.
√ Un'altra novità per il pubblico sarà la navetta gratuita, sabato 17 e domenica 18 dalle ore 15.00 alle ore 19.00, che porterà il pubblico dalla stazione ferroviaria di Finale Ligure all’ingresso della manifestazione.


Inoltre verrà allestita la mostra del Parco del Basilico di Prà, all’interno della quale il pubblico potrà scoprire tutti i segreti del quartiere genovese dove si produce il famoso basilico.

Il Salone dell’Agroalimentare Ligure vuole rendere omaggio a tutte le produzioni presenti sul territorio che si sono distinte per il recupero delle tradizioni enogastronomiche liguri.

Il Salone dell’Agroalimentare Ligure è una manifestazione ricca di attrattiva con una rassegna espositiva -costituita da un’ampia area di spazi espositivi suddivisi tra l’Auditorium, l’Oratorio de’ Disciplinanti e negli splendidi chiostri quattrocenteschi di Santa Caterina -, in cui i produttori presenteranno prodotti della tradizione ligure caratterizzati da elevati livelli qualitativi.
Tra le produzioni presenti possiamo citare: il pesto, la focaccia di Recco, la focaccia classica genovese, la panissa, la farinata, le biscette di Solva, l’olio extravergine d’oliva, i formaggi, i dolci, pane allo zafferano, il chinotto di Savona, l’aglio di Vessalico, i fagioli di Badalucco, di Conio e di Pigna, le salse liguri (pesto, patè di olive, machetto, pasta d’acciughe, crema di carciofi, ecc.), i formaggi, gli insaccati, le castagne, il miele, i vini della tradizione ligure, la birra artigianale ed altro ancora.

Un fitto programma di laboratori, seminari e corsi sarà a disposizione dei visitatori e degli espositori.
Tra i laboratori citiamo quelli dedicati alla valorizzazione di olio extravergine d’oliva, allo sciroppo di rose, al miele, vini liguri, albicocche di Valleggia, pesto e basilico, fagioli di Badalucco, Conio e Pigna ed altri prodotti della tradizione enogastronomica ligure.

Dopo il taglio del nastro che si terrà venerdì 16 alle ore 15.00 si svolgerà il convegno inaugurale dal titolo: “Origine, tipicità e qualità dei prodotti: un’opportunità per il territorio”. Interverranno Giancarlo Cassini – Assessore all’Agricoltura della Regione Liguria, Margherita Bozzano – Assessore al Turismo della Regione Liguria, Carlo Scrivano – Assessore al Turismo della Provincia di Savona, Giancarlo Grasso – Presidente della Camera di Commercio di Savona, Giuseppe Morro – Presidente Comunità Montana Pollupice, Flaminio Richeri Vivaldi Pasqua - Sindaco di Finale Ligure; per quanto riguarda gli interventi tecnici interverranno Luca Fontana, Filippo Russo e Marco Capurro del Settore Servizi alle Imprese Agricole, Francesco Bruzzo – Presidente Consorzio Tutela Olio Dop Riviera Ligure, Aldo Alberto –Presidente CoopIntesa, Bruno Cordazzo –Presidente Coop Liguria e Giorgio Rocca – Direttore Nordiconad.

Le associazioni di categoria: Coldiretti, Confagricoltura, Confederazione Italiana Agricoltori proporranno eventi divulgativi.

Il Salone dell’Agroalimentare Ligure seguirà i seguenti orari:
 venerdì 16 marzo dalle ore 15.00 alle ore 20.00
 sabato e domenica 17 e 18 marzo dalle ore 10.00 alle ore 20.00
Il Salone sabato e domenica farà orario continuato.

La filosofia dell’evento si può sintetizzare nei seguenti punti:
Privilegiare la dimensione culturale delle produzioni agroalimentari liguri, intese come momento di scoperta, confronto e conoscenza;
Riconoscere l’esigenza di un consumo responsabile dei prodotti agroalimentari;
Porsi come una risposta credibile alle esigenze di un pubblico che non si percepisce come “consumatore tradizionale”, ma che sa “degustare” i prodotti che acquista;
Valorizzare il territorio attraverso l’esposizione dei suoi prodotti.

16-17-18 marzo 2007
Complesso Monumentale di Santa Caterina – Finale Ligure Borgo (SV)

La terza edizione del Salone dell’Agroalimentare Ligure è organizzata dalla Regione Liguria e da Unioncamere Liguria con la collaborazione della Provincia di Savona, la Camera di Commercio di Savona, il Comune di Finale Ligure e la Comunità Montana Pollupice.
La manifestazione è organizzata con la collaborazione ed il sostegno delle associazioni di categoria: Coldiretti, Confagricoltura e Confederazione Italiana Agricoltori.
La manifestazione è ad ingresso libero
Segreteria organizzativa: Piazza S. Caterina 14, 17024 Finale Ligure SV tel. 019 6898607 – fax 019 5293112

www.saloneagroalimentareligure.org


La Liguria vanta un grande patrimonio agricolo e gastronomico e di produzioni di nicchia di alta qualità, fatto di piccole realtà produttive, le cui caratteristiche organolettiche sono fortemente connesse con le peculiarità del territorio di origine ma la cui quantità è piuttosto limitata.
E in un mercato globale, dove però il consumo è sempre più attento e consapevole, le produzioni agricole possono competere e trovare un proprio spazio commerciale solo se emergono quei valori di tipicità e di qualità che le diversificano e contraddistinguono dal resto della produzione.
La vocazione turistica della Liguria e il forte legame dell’agricoltura con le tradizioni locali, le risorse naturali e le bellezze paesaggistiche del territorio possono avere un ruolo positivo per la vitalità delle realtà rurali, offrendo all’agricoltura stessa un’importante opportunità di sviluppo.
L’intento è quello di incentivare un turismo alternativo, che acquisisce le connotazioni del “viaggio”, sviluppando il desiderio di conoscere in modo più profondo un luogo, espressione di cultura, ambiente e tradizioni enogastronomiche, e la possibilità di gustare o reperire i prodotti di alta qualità nei loro territori di origine.
Venerdì 16 marzo si inaugura la terza edizione del Salone dell’Agroalimentare Ligure, una manifestazione che riesce a sintetizzare il concetto di territorio legato ai suoi prodotti.
Il Salone fa parte di un calendario di quattro eventi legati alla valorizzazione dell’enogastronomia Ligure promossi dagli Assessorati Regionali all’ Agricoltura e al Turismo. Si tratta di quattro eventi organizzati nelle quattro province liguri: il Salone dell’Agroalimentare Ligure in provincia di Savona, Liguria da bere in provincia di La Spezia, Pesto e dintorni in provincia di Genova e Olioliva in provincia di Imperia, che si aggiungono al tradizionale Festival dei Fiori di Sanremo.

Giancarlo Cassini
Assessore all’Agricoltura
Regione Liguria
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti