Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18474

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

HERBERT HAMAK a Verona

di Comunicati Stampa

HERBERT HAMAK
Ultramarinblau dunkel PB 29.77007
Una installazione sui camminamenti del Museo di Castelvecchio
dal 19 marzo al 30 ottobre 2007


Inaugurazione: 18 marzo ore 11.30 Museo di Castelvecchio

Apertura al Pubblico: da Domenica 18 marzo dalle ore 13.30

Ulteriori in formazioni ed immagini: www.studioesseci.net


L’Assessorato alla Cultura del Comune di Verona, in collaborazione con la galleria Studio la Città, apre il Museo di Castelvecchio ad una nuova contaminazione, tra antico e contemporaneo.

“Appositamente pensata per sottolineare la riapertura dei camminamenti di ronda del castello scaligero e la collocazione nella torre dell’orologio della statua di Mastino II della Scala, l’installazione di Herbert Hamak intitolata Ultramarinblau Dunkel Pb 29.77007 afferma Paola Marini, direttrice del Museo di Castelvecchio - arricchirà le nostre percezioni materiche, cromatiche e luminose e rinverdirà, con linguaggio contemporaneo, il nostro spirito araldico.

Con ancora nella memoria la fantastica esperienza con la quale, tra il 2004 e il 2005 Peter Eisenman trasmutò il cortile interno del Castello nel Giardino dei passi perduti, il lavoro di Herbert Hamak ci porterà su sentieri più rarefatti, ma ugualmente poetici ed esaltanti”.

L’opera di Hamak per Castelvecchio è costituita da una serie di 18 lastre lunghe 4 metri ciascuna che saranno poste a cavallo delle merlature: sono strutture in resina e pigmento blu intensissimo, un blu oltremare utilizzato di frequente dall’artista tedesco nei suoi lavori. L'installazione si impone come presenza fortemente strutturata, rigorosa, trasparente e allo stesso tempo ambigua. Se la trasparenza è tale da catturare la luce e trattenerla, l'ambiguità riguarda la consistenza vitrea della materia tra il solido, il liquido e l'aereo, le perturbazioni e i turbamenti interni, come di modificazioni già avvenute, esiti di un processo (con le sue fasi e le sue reazioni) che fanno in modo che “lo spazio visivo diventa come un susseguirsi di fotogrammi in un film, un nuovo modo di guardare il cielo. il castello e il camminamento diventano un nuovo osservatorio del cielo”

Il procedimento con il quale Hamak giunge alla creazione di queste sue forme e colori è complesso e richiede lunghe sperimentazioni. E’ la risultanza di una fusione alchemica di pigmenti naturali e resine sintetiche, un lavoro a metà strada tra sperimentazione artistica e scientifica per un risultato che evoca contemplazione, intesa, luce, colori trasparenti.

L’opera è pensata per interagire con la luce naturale in un contesto architettonico e storico di altissimo rilievo com’è quello del castello scaligero. Ultramarinblau dunkel PB 29.77007 si misurerà, nel rispetto assoluto del monumento, con la maestosità di Castelvecchio, con la città e il fiume e con l’immaginario che su questi luoghi si è stratificato. A tale proposito così risponde Hamak a Luca Massimo Barbero in una recente intervista :”il [mio] lavoro non è ne simbolico ne astratto. Sono profondamente impressionato da questo edificio. Lo uso come un pittore più convenzionale utilizza la tela e il telaio, io dipingo sull'edificio nello stesso modo. Questo tipo di intervento si colloca nella linea tradizionale dell'affresco”.

Questa installazione è successiva a quella realizzata da Hamak sulla facciata romanica del Duomo di Atri, alla recente collocazione di una “colonna” appositamente pensata e realizzata per il giardino della Fondazione Peggy Guggenheim a Venezia, mentre precede l’ intervento annunciato allo Schnutgen Museum di Colonia.

Così come avvenne per Eisenman, all’intervento nello spazio esterno farà da contrappunto, all’interno del Museo, nella Galleria delle Sculture, la presenza negli interni, alcune opere dell’artista realizzate con i medesimi materiali ma di forme, colori dimensioni diverse, in un rimando esterno-interno che è anche cifra del restauro complessivo degli spazi di Castelvecchio firmato, quarant’anni fa, da Carlo Scarpa.

Proprio grazie a quel restauro, il Cortile di Castelvecchio è divenuto “luogo della forma” per eccellenza, usando l’espressione utilizzata da Gillo Dorfles e Licisco Magagnato per una loro memorabile mostra del 1981. Da allora questi straordinari spazi hanno accolto, tra gli altri, lavori di Piero Consagra, Gianfranco Pardi, Pino Castagna, Piera Legnaghi, Eliseo Mattiacci, tutti pensati per quel preciso contesto.

Herbert Hamak nasce nel 1952 a Unterfranken e vive e lavora a Hammelburg. Sue mostre o installazioni sono state proposte da istituzioni, musei, gallerie di tutto il mondo



L’installazione di Herbert Hamak
Ultramarinblau dunkel PB 29.77007

19 marzo – 30 ottobre 2007

a cura di Luca Massimo Barbero e Paola Marini
nasce dalla collaborazione con la galleria Studio la Città
Con il sostegno di
Regione del Veneto
Si ringrazia
Bitzer Group Companies
Studio Fidi S.r.l.
Viabizzuno
Brigitte Wagner-Halswick
Michael Knoche Architekt
Art Verona
Direzione dell’installazione
Paola Marini, Alba Di Lieto

Cura dell’installazione
Luca Massimo Barbero

Catalogo Marsilio
A cura di Luca Massimo Barbero e Paola Marini

Museo di Castelvecchio
Corso Castelvecchio 2, 37121 Verona
Tel. 045 8062611 fax 045 8010729, e-mail: mostre.castelvecchio@comune.verona.it
orario:8.30 – 19.30 - lunedì 13.30 – 19.30

Biglietti
Intero € 4.00
Ridotto € 3.00 per gruppi superiori alle 15 unità,
minori di 18 e maggiori di 65 anni
Ridotto € 1.00 per studenti delle scuole elementari, medie, superiori, disabili.
Gratuito per bambini fino a 6 anni, un accompagnatore per ogni gruppo , accompagnatori di disabili, due accompagnatori per scolaresca.
Verona Card: 1 giorno € 8.00, 3 giorni €12.00 - Valida 3 giorni al Museo di Castelvecchio e agli altri musei, monumenti.
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti