Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18576

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Pittura
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Il Ramo d'oro

di Pittura

Il Ramo d'oro
Centro d'arte e cultura
Via Omodeo, 124, 80128 Napoli, tel. 0815792526, email: fyesbm@tin.it
http://galleries.absolutearts.com/galleries/ilramodoro

Dal 17 al 31/3/2007

Guido Della Giovanna
Yoshiko Ikeda
Setyo Mardiyantoro

ESOTICO NAPOLETANO

Inaugurazione sabato 17/3/2007 ore 18 con presentazione di Marco Di Mauro.
Visitabile tutti i giorni tranne giovedi e festivi dalle 16 alle 20.

Ci fu un periodo in cui tutti noi, sull’onda delle rivoluzioni del 1989, ci sentivamo partecipi di una lotta globale per la libertà e la democrazia. In quegli anni circolava un romanzo di Milan Kundera, dal titolo “L’insostenibile leggerezza dell’essere”, in cui le angosce personali dei protagonisti si legano alle angosce di un popolo intero, oppresso dalla dittatura sovietica. La leggerezza con cui Tomáš e Franz affrontano la vita li conduce all’esilio e poi alla morte, in un clima di accese tensioni politiche da cui invano cercano di evadere.

Diversamente, per Guido Della Giovanna e Setyo Mardiyantoro, la leggerezza è un’efficace strategia di sopravvivenza, che permette loro, quotidianamente, di superare le angosce e donare benessere al proprio spirito. Nella pittura di Guido, la leggerezza si esprime nei cromatismi accesi, nei toni luminosi, nella predilezione per le forme semplici, che riflettono una semplicità di contenuto e di messaggio: la pace, l’amore, l’armonia. Questa dimensione lirica è turbata dalle immagini in bianconero che si fanno largo tra i colori acrilici: sono le fotografie di Yoshiko Ikeda, che ritrae ossessivamente se stessa, assumendo il volto come oggetto della propria indagine. In una concezione centripeta del ritratto, l’occhio della fotografa non è rivolto all’esterno, ma dentro di sé, alla ricerca di quelle risposte che il mondo esterno non è in grado di dare.

Invece Setyo, immigrato dall’isola di Giava, si serve sapientemente del colore per reinventare le forme della natura, fino ai limiti dell’astrazione. Con un respiro lirico, una sensibilità onirica, un gusto sottile per l’ornato, Setyo dispiega su carta, legno o batik la sua nostalgia per un ambiente puro, dove l’equilibrio tra l’uomo e la natura non è ancora violato.
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti