Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18576

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Pittura
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

MEMORIA E OBLIO DEL RAZZISMO E DEL COLONIALISMO ITALIANO

di Pittura

MEMORIA E OBLIO DEL RAZZISMO E DEL COLONIALISMO ITALIANO
CENTRO CULTURALE CANDIANI
MARZO 2007


Al Centro Culturale Candiani si celebra nel mese di marzo il Giorno della Memoria con una serie di iniziative e riflessioni sul colonialismo e razzismo italiano che vede, intorno a una mostra originariamente sostenuta dalla Regione Emilia Romagna, operare insieme il Comune di Venezia, il Candiani, la Comunità Ebraica, l’Ateneo Veneto e l’Università Ca’Foscari, in collaborazione con il Coordinamento cittadino per il Giorno della Memoria

Domenica, 11 marzo, alle ore 11, sarà inaugurata la mostra documentaria L’offesa della razza. Razzismo e antisemitismo dell’Italia fascista: un percorso di sintesi didattica che guarda soprattutto a due destinatari: lo studente delle superiori e il cittadino interessato al passato collettivo, attraverso un’analisi che permette di collocare il fascismo nel lungo corso del razzismo mondiale. La mostra è suddivisa in tre sezioni: immaginario, ideologie e persecuzioni; si apre con i pannelli dedicati alla “costruzione dei diversi” e procede con quelli dedicati all’ideologia in cui vengono presentate, in forma semplificata, le correnti di pensiero alla base del fascismo. La terza sezione analizza le persecuzioni razziste messe in atto dal regime nelle colonie e in Italia e la persecuzione degli ebrei.

Sempre al Candiani, prenderà poi il via un ciclo di incontri che intendono sollevare criticamente alcuni interrogativi. Giovedì 15, alle ore 17.30 è in programma Memorie e amnesie del colonialismo italiano in Africa, incontro nel corso del quale con Gianni Dore e Shaul Bassi si cercherà di capire come mai noi italiani non ci ricordiamo di essere stati colonialisti. Si prosegue Giovedì 22, ore 17.30, con Eredità del colonialismo nella cultura italiana oggi: insieme a due scrittrici italiane di origine etiope e somala, a confronto con due studiose di cultura italo-africana, ci chiederemo: quali sono i riflessi del colonialismo sulla società italiana contemporanea, che si avvia faticosamente a una coscienza multiculturale? E infine, giovedì 29 marzo, ore 17.30, nel corso di Storia e memoria coloniale nel cinema europeo, Liliana Ellena e Michele Gottardi dialogheranno per chiedersi: come ha trattato il colonialismo un’arte, quella cinematografica, ormai centrale per la storia e la memoria collettiva?

Per capirne di più una breve rassegna cinematografica: lunedì 26, ore 21.00 Squadrone bianco (italia, 1936, 96’) di Augusto Genina, archetipo italiano del cinema di finzione con il compito epico di parlare delle gesta eroiche dei soldati; mercoledì 28, ore 21.00 Tempo di uccidere (Francia/Italia, 1989, 110’) di Giuliano Montaldo, tratto da uno dei più bei romanzi di Flaiano, premio Strega del ‘47, ancora sullo sfondo dell’Etiopia appena conquistata. Ma la voce meno uniforme resta il film di Moustapha Akkad (1981) dedicato al Leone del deserto Omar Mukhtar, in programma venerdì 30, ore 21.00, eroe della resistenza anti-italiana in Libia dopo la prima guerra mondiale, che fu duramente repressa e finì con la morte di Mukhtar, un film che ancor oggi non ha mai avuto una distribuzione commerciale
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti