Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18562

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Teatro
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

IL TEATRO DEGLI ARTISTI

di Teatro

IL TEATRO DEGLI ARTISTI

300 opere da Picasso a Calder da De Chirico a Guttuso

Dal 5 maggio al 28 ottobre 2007 si aprono le nuove gallerie espositive dei Musei Mazzucchelli di Ciliverghe di Mazzano (Brescia), con la mostra IL TEATRO DEGLI ARTISTI. 300 opere da Picasso a Calder da De Chirico a Guttuso, che presenta, per la prima volta al pubblico, una selezione di circa trecento opere tratte dal Fondo di bozzetti e figurini del Teatro dell’Opera di Roma.
Un corpus di materiale in gran parte inedito, unico a livello internazionale per ampiezza e valore, a testimonianza della fervida collaborazione tra alcuni dei maggiori artisti del secolo scorso e il Teatro dell’Opera romano. Oltre undicimila pezzi - tra costumi, disegni, bozzetti, fotografie, lettere e documenti di scena – che aiutano a ripercorrere la storia del teatro del Novecento, in cui si conferma, con le dovute differenze di posizione, l’unione tra Arte Visiva e Arte Teatrale: sotto l’influenza dell’arte contemporanea la scenografia abbandona le soluzioni più rigide e stilizzate a favore di una concezione più aperta e innovativa, dove si affida proprio al teatro e allo spettacolo il ruolo di collante tra le diverse arti.

E grazie ad alcuni momenti particolarmente fortunati della sua conduzione, il Teatro dell’Opera di Roma si rivela protagonista in prima linea nella storia di questo cambiamento, a partire dalla direzione di Emma Carelli, che tra il 1912 e il 1926 rivoluziona la programmazione invitando a collaborare la compagnia Les Ballet Russes di Sergej Pavlovič Diaghilev, in quegli anni impegnata a ridisegnare la scena del balletto internazionale grazie al coinvolgimento di importanti scenografi, fra i quali Benois, Braque, Picasso, Utrillo e compositori come Debussy, Poulenc, Prokofiev, Ravel, Satie, Respighi, Richard Strauss e Igor Stravinsky. E alla realizzazione del balletto russo de Le Tricorne-Il cappello a tre punte (1919-20), su musica di Manuel De Falla e con la coreografia di Leonide Massine, dobbiamo la collaborazione di Pablo Picasso quale responsabile delle scene e dei costumi. Il coinvolgimento di Picasso nella riuscita del balletto è totale: oltre 20 alternative per la scena, quattro varianti per il sipario e numerosi figurini per i costumi. Opere oggi suddivise tra il Victoria & Albert Theatre Museum di Londra, il Musée National Picasso di Parigi, varie collezioni private (New York, Parigi, Milano), il Wadsworth Athenaeum di Hartford, il Seagram Building di New York e il Teatro dell’Opera di Roma, che possiede ventinove interessantissimi pezzi (tecnica mista su lucido), copie di lavoro dei figurini originali ideati per il balletto nel 1919, e autorizzate dal Maestro per la ripresa dello spettacolo nella stagione 1953-54.

Ma la vocazione artistica del Teatro romano si conferma con coerenza e continuità solo in seguito al rinnovamento architettonico e politico del “vecchio” Teatro Costanzi, costituito Ente Pubblico e inaugurato come Teatro Reale dell’Opera nel 1928 con l’allestimento del Nerone di Arrigo Boito. Novità assoluta per Roma, l’opera presenta le scene e i costumi di Duilio Cambellotti, figura eclettica che testimonia quell’interesse per ogni forma d’arte tipico di inizio secolo nell’ideazione di cortei all’antica e architetture maestose, in cui risulta al tempo stesso pittore, architetto, scultore, scenografo, arredatore, decoratore, incisore e ceramista.
Con Enrico Prampolini si ha il vero rinnovamento scenografico in senso figurativo: l’interdisciplinarietà predicata dall’avanguardia futurista e il progetto di Balla sull’arte totale trovano piena adesione in uno dei massimi rappresentanti del secondo futurismo e nella sua visione del teatro come arte dello spazio. Ogni legame con la concezione tradizionale viene messo da parte, si ribadisce l’inutilità dell’attore, si rifiuta il realismo e l’idea di riprodurre il mondo esterno, la creazione della scena si basa su soli movimenti di luce, atti a suggerire forme e stati d’animo sul palcoscenico, come attestano la sua interpretazione per la stagione 1941-42 del balletto La Tarantola con musica di G. Piccoli e costumi e scene quasi possedute dalla dinamicità e dalle contrazioni della tipica danza pugliese, e l’allestimento de I Capricci di Callot, prima assoluta con musica e regia di Malipiero e coreografia di Aurel M. Milloss.

Ed è proprio grazie a quest’ultimo, che il Teatro dell’Opera di Roma si impegna in una programmazione sistematica di eventi creativi, anche di danza. Affascinato dalla grande pittura contemporanea e dalla statuaria classica, Millos collabora con il Teatro tra il 1938 e il 1969 nei ruoli più diversi - in veste di coreografo, primo ballerino e direttore del corpo di ballo – creando ben 67 produzioni di balletto, 2 opere-ballo e un’opera con ballo, con esiti a dir poco dirompenti.
Tra gli esempi più significativi delle scelte in senso pittorico di Milloss va certamente ricordato l’allestimento nella stagione 1942-43 del balletto La Rosa del sogno, novità assoluta con musica di Alfredo Casella, con scene e costumi di Filippo De Pisis, dove gli arredi ispirati a elementi naturali e le figure dei danzatori vestite di tutù-petali si fondono in una dimensione soave, onirica, di grazia assoluta, dominata da quel gusto per la bellezza che il pittore coltiverà lungo tutto il suo percorso.

Ma la prima metà del Novecento si chiude con una frangia di artisti che, durante il ventennio fascista, risponde al ritorno all’ordine e investe l’arte di connotazioni pedagogico-sociali che coinvolgono anche il teatro, trasformandolo in teatro di massa e di propaganda.
Dopo i forti scenari di Prampolini, incontriamo Felice Casorati, che inaugura la stagione 1934-35 del Teatro dell’Opera con l’Orfeo di Monteverdi e partecipa nel 1940-41 alla prima assoluta dell’Ecuba di Malipiero, in cui risponde al recupero del passato con l’impiego di una scenografia rigorosa, in totale armonia con la musica e l’ambiente circostante dove il paesaggio risulta essere quasi congelato, bloccato. Ma il personaggio più autorevole in tal senso è Giorgio De Chirico, il grande padre della Metafisica e con essa della riscoperta del passato, che per l’Otello di Rossini (1963-64), ultima sua realizzazione per il teatro, rivela le grandi potenzialità tecniche raggiunte in una lettura a metà tra la sospensione onirica e la citazione dell’antico.

Con la seconda metà del Novecento il Teatro dell’Opera vive una stagione molto dinamica, che apre le porte all’arte astratta e informale. A partire dalla straordinaria presenza di Alexander Calder che, durante un soggiorno romano nel 1967, disegna le immagini e la sequenza di eventi che danno vita a Work in Progress, una sorta di proiezione scenica del mondo fantastico, poetico e magico dell’artista. Il progetto - su musiche di arditi compositori della scena internazionale quali Nicolò Castiglioni, Aldo Clementi e Bruno Maderna - viene concepito nelle scene e nei costumi da Calder come uno spettacolo “tutto per sé”, un grande circo, dove i suoni e la scena sono al servizio di una performance visiva e dinamica dominata dai mobiles, da piume leggere e sagome piatte che librano nell’aria, in una sorta di evocazione astratta degli elementi naturali e del mistero dell’infinito Universo: un modo nuovo di occupare lo spazio, con elementi di minimo ingombro fisico, ma di grandi potenzialità suggestive.

Ma la cultura pittorica astratta entra definitivamente al Teatro dell’Opera nella stagione 1956-57 con il linguaggio forte e personale di Afro Basaldella, autore di scene e costumi per il balletto Don Chisciotte di Petrassi, novità per Roma, e per la prima assoluta Memorie dall’Ignoto su musica di Bela Bartok, con la coreografia ancora una volta di Milloss. Colore, emotività, assenza di definizione si possono scorgere nei bozzetti realizzati dall’artista che affida all’astrazione il compito di esprimere il mondo interiore dei personaggi, le loro idee, l’inesprimibile.
L’arte informale trova una delle sue massime espressioni nell’arte materica di Alberto Burri, che nella stagione 1972-73 lavora alle scene e ai costumi del balletto November Steps, novità assoluta, con la coreografia della moglie Minsa Craig su musica di Toru Takemitsu. Il fondale viene concepito come un grande Cretto proiettato, in cui si esprime genialmente la sua incessante interrogazione sui misteri della materia, complice una visione complessiva dai suggestivi effetti di silenzio, dove l’energia fluisce con naturalezza e forza, intervenendo sulle forme dei corpi e dello spazio di bianco vestiti.

Tra la fine degli anni Settanta e l’inizio degli Ottanta la scena artistica del Teatro dell’Opera si arricchisce anche delle invenzioni di due scultori italiani, che nel corso delle rispettive carriere sviluppano ulteriormente il rapporto spazio-natura: Mario Ceroli e Arnaldo Pomodoro, entrambi molto legati al mondo del teatro, ideatori di soluzioni sceniche tra le più suggestive degli ultimi anni.

Ma la vocazione artistica del teatro romano prosegue anche oggi, come dimostra il recente allestimento di Cordovano (2004), con musica di Goffredo Petrassi e scene di Gianni Dessì, artista tra i più interessanti dell’astrattismo contemporaneo, autore di alchemici impasti di luce, colore e materia, sperimentatore di un linguaggio intriso di simboli da decodificare. Un’esperienza, che prova la riuscita unione tra arte e scenografia, un percorso iniziato ai primi del Novecento, con il passaggio dall’atelier al teatro dell’artista, attirato dalla possibilità di creare soluzioni dirompenti, la cui forza si è rivelata ogni qual volta si è creata una magica corrispondenza di linguaggio tra i due ambiti: ogni qual volta cioè gli artisti abbiano saputo proporre le loro scelte e gli uomini di teatro siano riuscite a comprenderle.



Ai Musei Mazzucchelli per la prima volta esposte le opere realizzate dai maggiori artisti del Novecento per il Teatro dell’Opera di Roma

Musei Mazzucchelli, Ciliverghe di Mazzano (BS)
5 maggio – 28 ottobre 2007


Tale intensa attività artistica ha lasciato in eredità al Teatro un’ampia varietà di documenti e di testimonianze che oggi, dopo un lungo e attento riordinamento, sono stati messi a disposizione di studiosi e di appassionati.
E proprio dall’unione di queste due anime nasce il taglio curatoriale della mostra, ideata, in collaborazione con la Soprintendenza di Roma, da Massimiliano Capella, direttore dei Musei Mazzucchelli, il quale - dopo un’accurata selezione tra le circa 11.000 opere dei maggiori esponenti dell’arte italiana e straniera del Novecento - ha concepito l’allestimento in tre sezioni:

• Il Teatro dell’Opera di Roma. La storia. Di carattere introduttivo, presenterà la storia del Teatro attraverso materiale documentario, quali immagini, locandine, lettere e animazioni video.

• Artisti all’Opera. Il corpo centrale dell’esposizione comprende 231 bozzetti e figurini, 5 elementi scenici e 14 costumi creati da alcuni dei più grandi artisti, scenografi e costumisti del Novecento, quali Afro Basaldella, Agostino Bonalumi, Alberto Burri, Corrado Cagli, Alexander Calder, Duilio Cambellotti, Felice Casorati, Mario Ceroli, Fabrizio Clerici, Giorgio De Chirico, Filippo De Pisis, Renato Guttuso, Giacomo Manzù, Pablo Picasso, Arnaldo Pomodoro, Enrico Prampolini, Domenico Purificato, Toti Scialoja, Giulio Turcato, Pietro Zuffi, Nicola Benois, Luchino Visconti e Franco Zeffirelli.

• L’Arte del Canto e l’Arte della Danza. In mostra 34 costumi di scena indossati per il Teatro dell’Opera di Roma dalle più grandi personalità del mondo del canto e della danza, la cui presenza sarà evocata da suggestive gigantografie e da pannelli biografici: Beniamino Gigli, Giacomo Lauri Volpi, Maria Caniglia, Maria Callas, Renata Tebaldi, Anna Moffo, Magda Olivero, Giulietta Simionato, Montserrat Caballè, Alfredo Kraus, Luciano Pavarotti, Aurel Millos, Rudolf Nureyev, Carla Fracci, Zizi Jeanmaire, Alessandra Ferri e Roberto Bolle.

Musei Mazzucchelli, tel. 030. 2120975 -
www.museimazzucchelli.it
martedì-venerdì 10 -18; sabato, domenica e festivi 15 -18,
chiusura settimanale lunedì
Ingresso 8 € intero; 6 € ridotto; 3.50 € scolaresche;
8 € visite guidate fuori dall’orario
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti