Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18576

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Pittura
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

CARMELO ZOTTI

di Pittura

CARMELO ZOTTI

Antologica
Potenza, Galleria Civica di Palazzo Loffredo
25 marzo - 3 giugno 2007


Vernice: 24 marzo 2007, ore 18.30 Teatro Stabile P.zza M.Pagano
Ulteriori informazioni ed immagini: www.comune.potenza.it e www.studioesseci.net


Dopo il successo ottenuto alla Permanente di Milano, la vasta antologica di Carmelo Zotti, uno dei casi più singolari e fervidi della figurazione italiana del secondo dopoguerra, sarà presentata a Potenza, nella sede espositiva della Galleria Civica di Palazzo Loffredo.

Oltre cento le opere del maestro riunite per questa grande rassegna, opere esemplificative di tutti i periodi della sua attività. La mostra, curata da Laura Gavioli, è stata promossa dal “Gruppo Euromobil per la cultura”, il gruppo trevigiano che in questi mesi è presente, come main sponsor, nelle mostre bresciane di Turner e di Mondrian al Museo di Santa Giulia e ad Arte Fiera Bologna 2007.


Cresciuto alla scuola di Bruno Saetti nella Venezia degli anni Cinquanta, vicino dapprima al clima informale, Zotti matura nel confronto/scontro con la Pop, affermatasi alla Biennale di Venezia nel 1964 che vede una sua fondamentale presenza.

Una pittura, la sua, a forte componente narrativa non lontana dai riferimenti al “nuovo racconto” italiano e a maestri internazionali come Rafael Canogar e Alan Davie, Wols e Pierre Alechinsky, Graham Sutherland e Philip Martin.

Tale atteggiamento si nutre dello studio del clima sospeso e oniric metafisico/surreale, e dell’iconografia straniata della grande arte centroamericana e indiana, dalle quali Zotti estrapola il proprio tipicissimo repertorio iconografico.

Scrive Flaminio Gualdoni nel saggio introduttivo: “La mano, la sfinge, l’elefante, la piramide, il magrittiano rubinetto/fallo, la mummia, l’angelo, e poi Salomé e Giuditta, Lazzaro e Orfeo, Venere e Cleopatra, Ganesha e Mosè… Più saviniano che dechirichiano appare in questi anni Settanta l’approccio di Zotti (e ben lo ha ribadito Enzo Di Martino, scrivendone nel 1995), per quel suo evitare la cristallizzazione lucida della visione in favore di un sentimento più oscuro e mutante dell’immagine, e soprattutto per una meno esibita, ma non meno retoricamente padroneggiata, teatralità”.

Negli ultimi anni la sua pittura, ha scritto Dino Marangon, si apre a “una più sensibile e immanente modulazione delle luci, dei timbri e delle tonalità cromatiche” e a “una più viva attenzione per la delineazione della consistenza plastica delle figure”. In altri termini, non l’iconografia mitica vi è dominante, ma la sua capacità di metabolizzarsi nell’esperienza della pittura e della vita, posto che i due termini siano per Zotti effettivamente distinguibili.

I dipinti di Carmelo Zotti a Potenza, nella bellissima ed accogliente Regione Basilicata, andranno ad incontrare un pubblico particolarmente sensibile al mito, al mistero e alle metafore evocate da una pittura di profondo contenuto, come quella selezionata per questa rassegna. Le opere potranno contare su un habitat naturale, non solo per la straordinaria vicinanza geografica al Mediterraneo, dal quale esse catturano la loro più essenziale linfa evocativa e visionaria, ma anche per la presenza del vastissimo patrimonio archeologico, ospitato nel Museo Archeologico “Dinu Adamesteanu” di Palazzo Loffredo, che non potrà lasciare insensibile l'attento visitatore alla scoperta di una magica concomitanza.

La pittura di Zotti, tanto pregnante di significati e di presagi, sarà una piacevole scoperta per tutti alla Galleria Civica di Potenza e si può perfino pensare che essa godrà di una nuova e imprevedibile vitalità nella luce forte del sud.




Carmelo Zotti. Antologica
Galleria Civica - Palazzo Loffredo, Largo Pignatari, Potenza
Vernice : 24 marzo ore 18.30 Teatro Stabile P.zza M.Pagano
24 marzo 2007– 3 giugno 2007
dal martedì alla domenica, ore 9.00 - 13.00 / 16.00 – 21.00
La mostra rimane aperta durante le festività
Ingresso Libero

Informazioni e prenotazione visite guidate: Tel./Fax 0971-27185

Organizzazione: Comune di Potenza - Città Cultura in collaborazione con gruppo Euromobil

Curatore: Laura Gavioli

Come arrivare:
Per chi viaggia in auto
autostrada A3 Salerno-Reggio Calabria,
uscita Sicignano-Potenza;
autostrada A16 Napoli-Bari,
uscita Candela e da qui superstrada Foggia-Potenza.

Per chi viaggia in treno
ferrovia dello Stato, linea Roma-Potenza

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti