Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18481

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

3 Festival Biblico

di Comunicati Stampa

3° Festival Biblico
"I tempi delle Scritture"

Vicenza, Bassano del Grappa, Valdagno,
San Bonifacio, Piazzola sul Brenta

30 maggio - 2 giugno 2007


Dal 30 maggio al 2 giugno, terza edizione del Festival Biblico, quest’anno dedicato a “I tempi delle scritture”.

Dalla sola città di Vicenza la manifestazione si è, anno dopo anno, andata allargando ai territori vicini e nell’edizione 2007 eventi saranno ospitati, oltre che nella città capoluogo, anche a Bassano del Grappa, Valdagno, in territorio vicentino, a San Bonifacio, nel veronese e a Piazzola sul Brenta, nel padovano.

Un filo continuo di eventi unirà le diverse località lungo i tradizionali 5 filoni del Festival “Parolacheparla”, “Parolatralemani”, “Paroladavedere”,
“Gustarelaparola”, “Profumodiparola”.

Ad essere nuovamente proposta è la cifra che da sempre caratterizza il Festival, ovvero l“Immersione”, la voglia, cioè, di vivere una esperienza non solo intellettuale ma globale, interpellante sensi e cuore, emozione e meditazione; offerta all’ascolto e alla vista, al tatto e al gusto, costituita quindi di parole e colori, silenzi e profumi, musiche e visioni. Tutto intorno alla Bibbia, codice simbolico nel quale tutti affondiamo le nostre radici.

Un centinaio gli eventi proposti a Vicenza e nelle altre sedi, un fiume di sollecitazioni intorno all’affascinante tema del “Tempo”, inteso come “splendore di Dio” ma anche come tempo dell’attesa, del silenzio, tempo della famiglia, del sociale, il tempo dei primi e quello degli ultimi, il giorno e la notte, il tempo del lavoro, sino al gioco del tempo, o al rapporto tra tempo e denaro. Sullo sfondo, la scansione del tempo proposta dagli strumenti scientifici ma anche quella della natura o delle feste e ricorrenze o la liturgia delle ore, tutti modi per consegnare all’uomo lo spazio che intercorre tra la nascita e la morte.

A misurarsi con questi tempi e confrontarsi con il pubblico saranno biblisti, scrittori, artisti, filosofi, sociologi ma anche sindacalisti, industriali, vescovi. Li si potrà incontrare nelle sale conferenze ma anche a pranzo, nel silenzio di una chiesa o sorseggiando un aperitivo, dentro palazzi o nelle vie e piazze della città, contemplando un’icona ma pure guardando un mimo o appassionandosi ai burattini o ascoltando un concerto o guardando un film o uno spettacolo di danza. In una continua interazione. Ecco perché l’autentico protagonista è il pubblico, che oltre a seguire i percorsi indicati nei differenti giorni del Festival articolerà un proprio personale percorso, a partire da curiosità, propensioni, interrogativi. Una formula che si è mostrata vincente. Sono stati più di 25 mila i protagonisti della scorsa edizione del Festival, per la prima volta provenienti veramente da tutto il territorio nazionale e persino dall’estero, a conferma della voglia di approfondire contenuti e attualità del Libro dei Libri, che si sia credenti o che non lo si sia.

Il via ufficiale alla manifestazione sarà dato, nel pomeriggio del 30 maggio, da una conferenza di Bruno Forte, teologo, su “Il tempo splendore di Dio”. Nella stessa sede, ovvero la Cattedrale di Vicenza, in serata, Gianfranco Ravasi guiderà un “Viaggio nelle Scritture tra tempi primi e ultimi”, affiancato da Claudia Koll, che leggerà dei brani biblici, e dall’organista Margherita Dalla Vecchia.

Da quel momento sarà un continuo susseguirsi di appuntamenti che impegneranno le giornate del Festival dalle 10 di mattino a notte fonda. Tra le molte iniziative spiccano quelle dedicate a “Il tempo del sociale in rapporto alla Bibbia”, organizzata dalla Cisl nazionale e a cui prenderanno parte Raffaele Bonanni, Massimo Calearo, Paolo Doni, Paolo Madron e Bruno Tabacci, o la tavola rotonda sul rapporto tra il tempo e il denaro con don Mazzi, Marina Salamon, Luca Bassanese e Renzo D’Arcano.

Anche la musica è protagonista del festival con il canto delle antiche Liturgie delle Ore, di gospel, di brani della tradizione ebraica ma anche con la prima nazionale de “Quatour pour la fine du temps” di Olivier Messiaen con commento di Pierangelo Sequeri (in collaborazione con le Settimane Musicali dell’Olimpico”) o la “Lauda di Francesco” con Angelo Branduardi, cui è affidata, la conclusione del Festival 2007.

Spettacoli teatrali, cicli cinematografici, incontri speciali con i giovani, completano gli interventi con i grandi teologi, gli esperti, gli uomini di chiesa o con scrittori o testimoni.

Come sfondo ai diversi appuntamenti, Vicenza propone una serie di importanti eventi espositivi tutti incentrati sul tema del tempo. Queste mostre, che inizieranno nei giorni del Festival, si protrarranno anche dopo il Festival stesso (sino al primo luglio). In diverse sedi della città e degli altri centri coinvolti dal Festival 2007 saranno allestite esposizioni di antichi strumenti di misura del tempo, di ceramiche d’arte, di antichi manoscritti, di icone “calendario” russe, mentre il museo Diocesano proporrà una grande esposizione (destinata a restare aperta al pubblico sino all’11 agosto) dedicata a “L’antico Testamento di Raffaello nelle incisioni di Nicolas Chapron” autore secentesco che trasse queste sue incisioni dagli affreschi delle Logge Vaticane.

Cultura ma anche divertimento, insomma, con l’obiettivo di stimolare tutti, credenti e non, a tirar fuori la Bibbia dal cassetto e riscoprirne la grandezza come opera letteraria e come testo sacro. Ben sapendo che se è vero che la Bibbia è il libro più noto al mondo è anche vero che in Italia non più del 4% delle persone prende in mano la Bibbia al di fuori delle celebrazioni liturgiche.

Enti Promotori: Diocesi di Vicenza - Centro Culturale San Paolo Onlus
Con la partecipazione di: Famiglia Cristiana
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti