Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18562

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Fotografia
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

MAX HAMLET SAUVAGE

di Fotografia

Max Hamlet Sauvage
100 fotografie - "Il corpo nudo"(Metafore del desiderio: omaggio all'universo femminile)

LA CASA DEGLI ARTISTI contenitore d'arte e di ospitalità
via Lepanto, 1/9 - 73014 Gallipoli (LE) - Tel. 0833/26.18.65
www.lacasadegliartisti.it

Curatori: Toti Carpentieri / Eugenio Giustizieri
Inaugurazione: Dal 7 al 30 Aprile 2007 - Vernissage ore 18.30
Dalle 17.30 alle 22.00
Ingresso: Libero

Con il patrocinio della Regione Puglia, della Provincia di Lecce e
della Città di Gallipoli


AUTODICHIARAZIONI DI MAX HAMLET SAUVAGE SULLE FOTOGRAFIE DI NUDO

Questi miei nudi ,metafore del desiderio, assumono significati
simbolici a volte allusivi.
I richiami alla condizione umana emergono quasi in ogni immagine:
dominate dall'erotismo e dalla sensualità del corpo, siano esse in interno o in
esterno o che si trovino secondo una precisa percezione che coglie
l'attimo fuggente del modello spontaneo o casuale nel muoversi, queste
fotografie hanno anche una relazione autobiografica ed epidermica, e nel contempo, sono uno specchio dei propri innamoramenti o l'equivalente di una collezione di farfalle, non nascondendo la tensione passionale nel riprendere
centinaia di immagini. La bellezza del corpo umano è anche una necessità di appagare lo sguardo sull'intimità. Guardare e conoscere: nudo per artisti, studio
anatomico, indagine scientifica. e la pornografia che non ha bisogno di
giustificazioni, perché per esistere risponde ad una esigenza primordiale
(sesso), componente dell'essere e della sopravvivenza. "Il mondo nudo
non è un soggetto bensì una forma d'arte", e qualsiasi nudo, per quanto
astratto sia, non deve mancare ! di suscitare in chi lo guarda un vago sentimento erotico, sia pure lievissimo. il desiderio di stringersi e unirsi a un altro corpo costituisce una parte fondamentale della natura umana. C'è una simbiosi tra la mia pittura e la fotografia e s'incrociano come un'osmosi, la macchina
fotografica non è un semplice congegno che risponde meccanicamente
secondo la sensibilità del fotografo, ma plasmando la luce sul corpo umano con
la propria fantasia, e immaginazione sensoriale e psichica, capta una
vastissima gamma di emozioni e sentimenti. Naturalmente qui si parla di
nudo nell'arte della fotografia nelle sue espressioni formali, e non
strumentalizzazioni del corpo femminile a scopo pubblicitario, ormai in
visione quotidiana, che esplodono dai cartelloni stradali, alla TV, ai
giornali, alle locandine sui tram, nelle diverse aree geo-culturali. Il
mio interesse per la fotografia nasce nel lontano 1967; allora comprai un
apparecchio piuttosto buono, una Canon 24x36, e cosi partì l! a mia avventura con la fotografia. Le mie prime immagini fotografiche furono una serie di autoritratti realizzati in uno stile cubista, ottenute con la sovrapposizione di due immagini. Successivamente eseguii delle istantanee di teatro drammatico da spettacoli di T. Kantor, E. Barba, M. Montagna, ecc. Una serie di nudi raccolti nella rassegna "Le metafore del corpo" e un ciclo dal titolo "Le mani nel quotidiano" furono proposti in una mia mostra personale al Centro Artecultura di Milano, presentata dai critici Giuliana Scimè e Giuseppe Turroni. Quando si comincia a fare delle fotografie, si acquista una coscienza acuta della luce, e così mi sono reso conto che essa era la condizione essenziale dell'immagine, senza la quale non esiste la fotografia. La mia pittura (sono fondamentalmente un pittore-scultore) ha recuperato anche questa scoperta, e così fra i miei quadri e la fotografia si è creata una specie dì simbiosi che continua ancora oggi. La mia passione per la fotografia ritorna ad intervalli, e
si è riaccesa dopo i miei viaggi nella Provenza, dove ho trovato una nuova ispirazione ed una stupefacente luce magica. Da quel momento il mio interesse è aumentato, con la pratica fotografica. Questa antologia di immagini che presento dopo un lungo periodo di riflessione, mi dà l'opportunità di confrontarmi con la critica ed il pubblico e con i limiti stessi di un lavoro che considero un laboratorio in progress. In fondo io non sono fotografo: mi capita semplicemente di scattare delle fotografie.
MAX HAMLET SAUVAGE
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti