Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16069

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza
3 Giugno 2019
 



PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI QUASIMODO E ALETTI
VENERDI 10 MAGGIO E SABATO 11 MAGGIO
OPPURE
SABATO 11 E DOMENICA 12 MAGGIO 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

OST - Programma

di Comunicati Stampa

OST - Original sound track

Festival di musica & cinema - seconda edizione
Reggio Emilia, piazza Prampolini, ore 21.30

_____________
PROGRAMMA
_____________

Domenica 15 luglio, ore 21.30
Concerto di apertura

Una notte italiana
NICOLA PIOVANI, CONCERTO IN QUINTETTO

Nicola Piovani pianoforte
Marina Cesari clarino/sax
Pasquale Filastò violoncello/chitarra
Cristian Marini batteria/percussioni/fisarmonica
Gianluca Pallocca contrabbasso
Musiche Nicola Piovani

Il “Concerto in quintetto” propone brani scritti per il cinema, per il teatro, per concerto, appositamente rivisitati, riarrangiati da Nicola Piovani in versione da piccolo gruppo di solisti, fra i quali spicca innanzitutto il ruolo del pianoforte, suonato dall’autore.
Il repertorio è quello che viene dal cinema dei Taviani, di Moretti, di Benigni, di Fellini. Rispetto ai concerti di ampio organico orchestrale, il “Concerto in quintetto” è anche una riflessione più intima e flessibile, un concerto che molto punta sulla cantabilità dei singoli strumenti - il sassofono, il violoncello, la fisarmonica - ma anche sulla duttilità ritmica di un organico agile, che permette all’invenzione solistica di rivelare lati nascosti fra le pieghe di partiture destinate all’origine a un repertorio corale, collettivo.



Sabato 21 luglio, ore 21.30

La Notte del Cinema Francese
Omaggio ad Antoine Duhamel
ORCHESTRA DELLA FONDAZIONE A. TOSCANINI
Direttore Leonardo Gasperini – Regia video Riccardo Sai

Una serata dedicata al grande cinema francese di Truffaut, Godard, Tavernier, con le musiche di uno dei più grandi compositori per il cinema d’Oltralpe: Antoine Duhamel.
Antoine Duhamel, nato nel 1925 a Valmondois Val-d’Oise, ha scritto musiche per i film di Francois Truffaut, Jean-Luc Godard, Bertrand Tavernier, Patrice Leconte. Nella sua lunghissima filmografia, ricordiamo: Pierrot Le Fou (1965) Il Bandito delle Undici (1965) Trappola per l’Assassino (1966) Baci rubati (1968) La mia droga si chiama Julie (1969) Il ragazzo selvaggio (1969) Domicile coniugal (1970) Un uomo da abbattere (1972) La morte in diretta (1980) Daddy nostalgie (1990) Belle Epoque (1992) Ridicule (1996).



Martedì 24 luglio, ore 21.30

Visions
ATERBALLETTO con STEFANO BOLLANI e il Quintetto “I Visionari”
Musiche Stefano Bollani – Coreografie Mauro Bigonzetti

Per la prima volta, due grandi artisti, il pianista e compositore Stefano Bollani e il coreografo Mauro Bigonzetti, si incontrano, per una notte dedicata al cinema e alle sue suggestioni.
Stefano Bollani è oggi uno dei jazzisti italiani più apprezzati da critica e pubblico. Ha collaborato con molti grandi musicisti, come Gato Barbieri, Lee Konitz, Pat Metheny, Michel Portal, Enrico Rava, Paolo Fresu, Richard Galliano, Han Bennink e Phil Woods. La collaborazione più importante e prolifica è quella col suo mentore, il trombettista Enrico Rava.
Nel 1998 Bollani vince il premio della rivista Musica Jazz come miglior nuovo talento, premio conferitogli anche dalla rivista giapponese Swing journal (New Star Award) nel 2003, anno in cui la rivista inglese Mojo segnala il suo disco Smat Smat come uno dei migliori dell’anno. Il suo stile è particolarmente eclettico e ricchissimo di citazioni musicali, ama scherzare ed improvvisare con il pubblico, e non disdegna collaborazioni originali come quelle coi cantautori Massimo Altomare e Bobo Rondelli (con il quale ha inciso l’album Disperati intellettuali ubriaconi da Bollani personalmente arrangiato), spettacoli teatrali con l’attore David Riondino e la Banda Osiris, apparizioni televisive (Meno siamo meglio stiamo con Renzo Arbore) e radiofoniche (Caterpillar, su Radio Due; Il Dottor Djembe; via dal solito tam tam, su Radio Tre).

Mauro Bigonzetti, nato a Roma, si diploma alla Scuola del Teatro dell’Opera ed entra direttamente nella compagnia della sua città. Dopo 10 anni di attività presso l’Opera di Roma, nella stagione 82-83 entra a far parte dell’Aterballetto sotto la direzione artistica di Amedeo Amodio dove interpreta tutti i ruoli del repertorio della Compagnia. Nella stagione 92-93 lascia l’Aterballetto e diventa coreografo free lance ed è in questo periodo che stringe un’intensa collaborazione con il Balletto di Toscana, fucina in quegli anni di molti coreografi italiani.
In seguito le collaborazioni più importanti sono con le seguenti compagnie internazionali: English National Ballet Londra, Ballet National di Marsiglia, Stuttgarter Ballett, Deutsche Oper Berlino, Staatsoper Dresda, Ballet Teatro Argentino, Balè da Cidade de Sao Paulo (Brasile), Ballet Gulbenkian Lisbona, New York City Ballet, State Ballet di Ankara, Ballet du Capitole Toulouse ed, inoltre, crea balletti per molte compagnie italiane fra cui Balletto Teatro alla Scala di Milano, Opera di Roma, Arena di Verona, Teatro San Carlo di Napoli.
Per le sue creazioni collabora con artisti come: Claudio Parmiggiani, Fabrizio Plessi, Bruno Moretti, Elvis Costello, Danilo Grassi, Beni Montresor. Nel 1997 diventa Direttore Artistico e principale coreografo della Compagnia Aterballetto.



Martedì 31 luglio, ore 21.30

La Notte degli Oscar – Con un omaggio a Ennio Morricone
LUIS BACALOV e L’ORCHESTRA SINFONICA G. VERDI DI MILANO


Un concerto sinfonico con le grandi musiche e i compositori che hanno meritato l’Oscar, da John Williams a Nino Rota. Con un omaggio speciale al premio Oscar alla carriera Ennio Morricone.
Il pianista e compositore Luis Bacalov è nato a Buenos Aires. Inizia giovanissimo l’attività concertistica in Argentina, come solista, in duo con il violinista Alberto Lisy ed in vari gruppi di musica da camera. In Italia e in Francia, a partire dagli anni ‘60, è molto attivo come compositore per il cinema, collaborando tra gli altri con registi quali Lattuada, Damiani, Scola, Petri, Faccini, Giraldi, Wertmüller, Kurys, Stora, Lefebvre, Borowczyk, Greco, i fratelli Frazzi, Pasolini, Fellini, Radford e Rosi. E’ stato recentemente l’autore delle musiche di “Il cielo cade” con la regia dei fratelli Frazzi con i quali collaborerà ancora per “Almost American”.
Per le musiche de “Il Postino”, con la regia di Michael Radford, ha avuto numerosi premi e nomination: il Davide di Donatello, il Globo d’Oro della Stampa Estera in Italia, il Nastro d’Argento dell’Associazione dei Critici Cinematografici. E soprattutto il Premio Oscar della Academy of Motion Pictures Arts and Science. È anche autore di composizioni per chitarra, violino, per vari gruppi strumentali e per pianoforte e orchestra. La sua composizione per soli, coro e orchestra intitolata “Misa Tango”, e registrata dalla D.G.G. sotto la direzione di Myung-Whun Chung con Placido Domingo, Ana Maria Martinez e Hector Ulises Passarella, è stata eseguita a Roma con l’Orchestra della Accademia di Santa Cecilia durante il Festival di Pasqua 1999. Per la D.G.G. Luis Bacalov ha eseguito nella rielaborazione per pianoforte e orchestra i tanghi di Piazzolla e il suo “Tangosain”. Tra i futuri impegni vi è la composizione di un’operatango tratta dal suo racconto Gardel y el compadrito.



Venerdì 3 agosto, ore 21.30

OLLI AND THE BOLLYWOOD ORCHESTRA

Una notte dedicata al cinema indiano. Suoni, danze, luci, colori, immagini del meraviglioso immaginario della “Hollywood sul Gange”.
Olli and the Bollywood Orchestra è il primo grande show dedicato all’universo di Bollywood, una contrazione di Bombay e Hollywood che designa la più tipica industria
cinematografica del continente indiano. Promossi da due fra i più importanti festival musicali francesi, quello di Carhaix e quello Rennes (“Tombées de la Nuit”), Olli and The Bollywood Orchestra si sono esibiti di fronte a circa 20000 persone nell’estate 2004. Ogni volta la reazione del pubblico è stata entusiastica. Combinando il romanticismo colorato delle grandi musiche popolari che accompagnano le storie
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti