Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18576

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Teatro
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

LA GRANDE MAGIA e I GRANDI MAESTRI a Lugano

di Teatro

LUGANO – Stagione teatrale 2007-08


I GRANDI MAESTRI: il programma


Domenica 9 dicembre 2007 – ore 20.30
Palazzo dei Congressi
ARLECCHINO SERVITORE DI DUE PADRONI
di Carlo Goldoni; regia di Giorgio Strehler
con Ferruccio Soleri, Enrico Bonavera, Giorgio Bongiovanni, Francesco Cordella e la Compagnia del Piccolo Teatro di Milano
Il capolavoro del grande maestro Giorgio Strehler, che lo ha messo in scena, rivisto e riallestito ininterrottamente dal 1947. È il cavallo di battaglia di Ferruccio Soleri, da 44 anni l’Arlecchino più famoso del mondo. È uno dei gioielli della riforma teatrale di Goldoni.

Sabato 12, domenica 13, lunedì 14, martedì 15 gennaio 2008 – ore 20.30
Teatro Cittadella
ICARO
di e con Daniele Finzi Pasca
Un paziente da poco ricoverato in un ospedale conosce il suo eccentrico compagno di stanza. Per vincere l’insonnia e la solitudine, i due intraprendono un viaggio nell’immaginario, ribellandosi al destino che li relega tra le lenzuola di un letto. Un gioiello teatrale ideato, diretto e interpretato da un artista “nostrano” pluripremiato e affermato sulla scena internazionale.

Mercoledì 7 e giovedì 8 maggio 2008 – ore 20.30
Teatro Cittadella
SIZWE BANZI EST MORT
di Athol Fugard, John Kani e Winston Ntshona; regia di Peter Brook
con Habib Démbélé e Pitcho Womba Konga
Una bellissima e divertente pièce nata dalla vita che si fa nelle strade di città che non sono come le altre: le township, le città-ghetto dell’apartheid. Un’ennesima prova dell’eccezionale genialità di Peter Brook, il più grande regista teatrale vivente



_________________



LUGANO – Stagione teatrale 2007-08


LA GRANDE MAGIA - Stagione in abbonamento



Martedì 13 e mercoledì 14 novembre 2007 – ore 20.30
Teatro Cittadella
ARLECCHINO e DON GIOVANNI
da “Il convitato di pietra” di Domenico Biancolelli; regia di Roberto Cuppone e Michele M. Casarin
con la Compagnia Pantakin di Venezia
Una spassosa girandola di lazzi, linguaggi e personaggi all’insegna di un eccezionale virtuosismo teatrale, che mette in scena un travolgente Arlecchino servitore di Don Giovanni alla corte di Re Sole. Un spettacolo divertentissimo che gode della bravura di una Compagnia veneziana specializzata in Commedia dell’Arte, di cui si servì Goldoni per la sua riforma e da cui deriva tanto teatro e cabaret di oggi.

Martedì 27 e mercoledì 28 novembre 2007– ore 20.30
Teatro Cittadella
UN CERTO SIGNOR G
dall’opera di Giorgio Gaber e Sandro Luporini
con Neri Marcorè e musicisti; regia di Giorgio Gallione
Un viaggio teatrale e musicale nel mondo beffardo e paradossale di quella “maschera” di uomo comune genialmente inventata e interpretata da Giorgio Gaber: il Signor G, un personaggio senza data di scadenza, che tra ironia, imbarazzi e umorismo si interroga sui destini dell’uomo moderno, in bilico tra utopia, disillusione, slanci ideali, consumismo, paura e sogno.

Lunedì 17 e martedì 18 dicembre 2007 – ore 20.30
Palazzo dei Congressi
LA PAROLA AI GIURATI
di Reginald Rose; regia di Alessandro Gassman
con Alessandro Gassman e un cast di 12 attori
Una giuria popolare composta da 12 uomini di varia cultura e estrazione sociale è chiusa in camera di consiglio per decidere il destino di un ragazzo ispano-americano accusato di parricidio. Uno spettacolo intenso, coinvolgente, di grande attualità e di forte impatto!

Martedì 29 e mercoledì 30 gennaio 2008 – ore 20.30
Palazzo dei Congressi
SOLA ME NE VO…
di Vincenzo Cerami, Riccardo Cassini, Mariangela Melato, Giampiero Solari
con Mariangela Melato e Compagnia; regia di Giampiero Solari
Attrice ora drammatica e ora comica, ora ballerina (con tanto di “boys”) e ora cantante, Mariangela Melato regala al pubblico suggestioni, emozioni, poesia, divertimento in uno spettacolo che dimostra come il teatro possa ancora essere una grande magia!





Martedì 12 e mercoledì 13 febbraio 2008 – ore 20.30
Palazzo dei Congressi
LE STORIE DEL SIGNOR KEUNER
di Bertold Brecht; regia di Roberto Andò e Moni Ovadia
con Moni Ovadia e Compagnia e la Moni Ovadia Stage Orchestra
Un originalissimo tributo a Brecht a 50 anni dalla morte, un grande successo al Mittelfest 2006 e al Piccolo Teatro di Milano: una spettacolare, divertente e scanzonata incursione nel “caos” di questa nostra modernità.

Martedì 19 e mercoledì 20 febbraio 2008 – ore 20.30
Teatro Cittadella
LA BISBETICA DOMATA
di William Shakespeare; regia di Claudio Intropido e Valeria Cavalli
con la Compagnia Quelli di Grock
Il capolavoro comico di Shakespeare mette in scena le travolgenti ed esilaranti tensioni tra il misogino Petruccio e l’indomabile Caterina, cioè l’eterno conflitto fra uomo e donna e quel malizioso e strategico “gioco amoroso” spesso tenuto vivo proprio dai contrasti, dalle differenze e dall’esibizione del potere. Perché Shakespeare non è nato ieri…

Martedì 26 e mercoledì 27 febbraio 2008 – ore 20.30
Teatro Cittadella
DUE PARTITE
di Cristina Comencini; regia dell’autrice
con Chiara Noschese, Sara Bertelà, Stefania Felicioli, Susanna Marcomeni
4 donne sono colte in due epoche diverse a rappresentare due generazioni diverse e modi diversi di vivere la vita, il rapporto con la maternità, con il lavoro e con l’universo maschile. Lo spettacolo, deliziosamente divertente e attuale,è il riuscito debutto teatrale della figlia d’arte Cristina Comencini, una delle protagoniste più note e apprezzate del nuovo cinema italiano.

Martedì 4 e mercoledì 5 marzo 2008 – ore 20.30
Teatro Cittadella
LE LACRIME AMARE DI PETRA VON KANT
di Rainer Werner Fassbinder; regia di Antonio Latella
con Laura Marinoni e la Compagnia del Teatro Stabile dell’Umbria
Un simbolo della trasgressione come Fassbinder racconta la vibrante storia di un amore degno dei grandi miti classici. Eccezionale la prova d’attrice della strepitosa Laura Marinoni e grande prova di un collettivo di attrici splendidamente dirette da Antonio Latella.

Martedì 8 e mercoledì 9 aprile 2008 – ore 20.30
Teatro Cittadella
SVET- La luce splende nelle tenebre
di Lev Tolstoj; regia di Mario Sciaccaluga
con Vittorio Franceschi e la Compagnia del Teatro Stabile di Genova
Un testo fortemente autobiografico del grande scrittore russo diventa uno spettacolo stupendo: “Capita sempre più di rado in Italia di entrare in un teatro e trovarsi totalmente preso dallo spettacolo, sentendosi parte della tensione di un pubblico che si ritrova, come te, a un tempo spettatore e dentro la scena” (la Repubblica). Un capolavoro imperdibile, un’interpretazione maiuscola!



Martedì 15 e mercoledì 16 aprile 2008 – ore 20.30
Teatro Cittadella
LE INTELLETTUALI
di Molière; regia di Arturo Cirillo
con Arturo Cirillo e la Compagnia del Nuovo Teatro Nuovo e del Teatro Stabile di Napoli
Un divertimento irresistibile grazie all’accelerazione ritmica e all’inventiva gestuale di un cast eccellente che “evidenzia con garbo quei caratteri grotteschi che, ieri come oggi, contrassegnano un atteggiamento intellettualistico in cui la maniera trionfa sulla sostanza” (Corriere della sera).
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti