Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18577

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Narrativa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

La collana "Raccontami una storia a cena"

di Narrativa

Raccontami una storia a cena
a cura di Anna Toscano

E alla fine le storie narrate a viva voce durante le edizioni di “Raccontami una storia a cena” tornano scrittura: diventano ciascuna un piccolo libro, lascito di queste serate letterarie.
Edizione dopo edizione ha infatti preso forma una collana, in vendita presso il bookshop della Fondazione Querini Stampalia.

Le immagini di copertina sono una piccola galleria d’arte: dettagli preziosi tratti dai dipinti del Fondo Giuseppe Mazzariol del Museo della Fondazione Querini Stampalia.



La collana Raccontami una storia a cena:

Annalisa Bruni
Langenwang
Raccontare una storia e contemporaneamente la Storia, quella con la esse maiuscola, attraverso un evento che ha toccato non soltanto i diretti protagonisti ma anche una comunità, anzi, la collettività tutta. Una storia fatta di tante piccole storie che si sono incontrate e intrecciate per saldarsi in modo inatteso, per sempre. Una storia di per sé forse poco interessante, che è diventata, suo malgrado, di risonanza internazionale.
Gli ingredienti narrativi ci sono tutti: un viaggio, una storia d’amore, un epilogo che romperà molti equilibri. E poi c’è il destino, che tocca molte vite, ne spezza alcune, cambia direzione ad altre. E ci sarà, alla fine, il tentativo di ricreare, nonostante tutto, un nuovo equilibrio.

in copertina: Gino Morandis, senza titolo, 1991 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol


Alberto Toso Fei
Orazione funebre alla Memoria
Morti e Misteri a San Michele in Isola
“Per anni ho pensato che l’estrema familiarità che prova chiunque venga a Venezia, anche una sola volta, si manifestasse per merito delle pietre. Per come Venezia, nel riassumere in maniera unica tutti gli stili conosciuti, offrisse a chiunque la maniera di potersi riconoscere, per quell’indistinto sentimento di benessere che si prova girando per le calli.
Invece chi viene qui si sente a casa perché trova parte della sua Cultura.
Nella sua incredibile mescolanza di stili, nomi, razze, lingue, Venezia ha ereditato qualcosa da ogni parte d’Italia, d’Africa, d’Oriente, d’Europa. Forse anche delle Americhe. E chi è portatore di questa cultura prismica, di queste migliaia di bagliori di bellezza e di ragione, se non i veneziani, le persone vive? Ma i veneziani, nella loro accezione più allargata di persone che arrivano qui per vivere e per lavorare – a dispetto di qualsiasi linguaggio di nascita o di nazionalità – sono sempre meno. E se mancano i veneziani manca la Memoria. Se manca la Memoria manca la Cultura”.

in copertina: Giovanni Soccol, Basilica VII, 1988 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol



Sabina Crippa
Cannibali della voce
Una storia suggestiva, ambientata nel Mediterraneo antico, dove sacerdoti e grammatici cercano di impossessarsi del suono e pietrificarlo.
Braccato, in fuga da luoghi e oggetti, il suono incontra chi riesce a comprenderne la natura multiforme, cangiante nel tempo e nello spazio: colui che vede i suoni, vi gioca e li sperimenta all’infinito.
Solo così, libero, il suono può avviarsi nuovamente a creare inesplorate architetture.

in copertina: Achille Perilli, Il suono nel tempo, 1959 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol



Alessandro Marzo Magno
L’orgoglio dell’impero
Maggio 1911, a Trieste si sta ultimando lo scafo della più grande nave da battaglia austroungarica, la “Viribus Unitis”, destinata a essere varata un mese più tardi. Un ufficiale irredentista dell'Imperialregia marina da guerra decide di compiere un'azione clamorosa sabotando quel varo. Per preparare l'attentato lascia la base militare di Pola e va a Venezia, dove si incontra in Arsenale con i suoi colleghi italiani.

in copertina: Léon Gischia, Disintegration en brun, 1962 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol


Gian Mario Villalta
Comeseciàma
Al fondo di questa storia un grande cambiamento nella vita di una persona; poi il dubbio, se questo cambiamento sia venuto dalle circostanze o se abbia avuto origine dall’indole del personaggio o se, piuttosto, in ognuno di noi ci siano tante possibilità e quella del fallimento e degli ostacoli sia utilizzata come forma di soluzione ad altre parti di noi stessi.

in copertina: Edmondo Bacci, senza titolo, 1961 ca. (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol



Anna Maria Carpi
Piccola Anna
Centro di Verona, inverno, seconda elementare, bambini intenti a disegnare e a raccontare una fiaba sotto la guida del giovane e sensibile “maestro del pomeriggio”, esule dal sud. Anna è figlia unica e tardiva di privilegiati: mamma vigile, papà intellettuale di successo che viaggia per il mondo. Però non per tutti l’infanzia è dorata, a scuola il contesto non è omogeneo, il conflitto di classe è latente ma cruciale, e un bel giorno il maestro fa o solo sussurra qualcosa d’incauto che resta indecifrabile. L’allarme pedofilia porta la mamma sull’orlo di una crisi di nervi. Ma, si spera, niente d’irreparabile.

in copertina: Mario Tudor, 1974 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol




Marco Franzoso
Quaderni d’amore (materiali di lavoro)
Perché i bambini si nascondono?
Non lo so. Forse per dare una possibilità ai grandi di andarli a cercare.
E perché i grandi li vanno a cercare?
Per trovarsi
Schizzi e disegni, che vanno a comporre il racconto dello smarrirsi sentimentale di una famiglia comune, sono ispirati al libro Tu non sai cos’è l’amore (Marsilio, 2006), trasposto anche in una versione teatrale e messo in scena.

in copertina: Fabrizio Plessi, Bronx, 1986 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol




Francesca Mazzucato
Los Cruces Blues
Un luogo estremo, ai confini del mondo, dove le persone fuggono o cercano di farlo in modo avventuroso tentando la scommessa di una vita diversa e migliore, perdendola a volte.
Restano le storie. Non è poco quando in un luogo restano le storie da raccontare, quelle che passano di bocca in bocca, che si abbelliscono col tempo, che vengono infiocchettate di dettagli, oppure modificate, plasmate
Ed è una storia narrata in prima persona questa. Non c'era altra strada. La storia di una ragazza selvatica come una pianta rampicante con una vita dura alle spalle e un presente di espedienti, la storia di lei e di suo fratello. Un rapporto di intimità al di sopra di tutto e di tutti. Un rapporto esclusivo, protetto. Corpi, odori, abbracci, un patto di ferro, un legame che vince. Fuori il mondo fatto di sussidi, di fatica, di capriole per arrivare alla fine del mese, di spesa divisa con gli amici e con la vicina…

in copertina: Ferruccio Bortoluzzi, Composizione n.95, 1962 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol




Antonella Cilento
Fonsino
Fonsino è l'ironico racconto della vita di un piccolo diseredato: illustratore di ex voto per desiderio materno e miracolo involontario,
Fonsino ha una carriera brillante fra chi deve farsi dipingere la grazia ricevuta, dagli infortuni sul lavoro a operazioni salvifiche ad incidenti evitati.
I suoi musei sono i santuari meridionali e Pompei su tutti: ma è proprio qui, fra mille altri ex voto, che scopre di non essere il più bravo e che qualcuno lo ha superato. L'invidia e la gelosia di mestiere lo porteranno fino a Venezia e alle Gallerie dell'Accademia, sulla tracce di un fantasma e di Tintoretto, fra tragicomiche avventure.

in copertina: Riccardo Licata, Invenzione, 1992 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol



Roberto Bianchin
Il mistero della diga lunata
Un'avventura insolita, un incubo, un sogno, che capita a un oscuro geometra incaricato, per il suo lavoro, di ispezionare giornalmente le strutture del grande sistema inventato dagli uomini per proteggere la grande città dalle grandi alluvioni. Naviga quieto, come ogni mattina, con la sua barchina sul mare di cartone azzurro, e controlla dighe, sbarramenti e manufatti. Un lavoro metodico, oscuro, sempre uguale, senza sorprese. Finchè, una mattina di nebbia, si accorge che qualcosa non va. Che alcuni pezzi importanti del grande sistema, tra cui la celebre diga lunata, sono misteriosamente scomparsi. Allora si immerge nelle acque per andare a vedere cosa diavolo può essere successo. E quale non sarà la sua sorpresa quando scoprirà, a sue spese, la chiave del mistero, e si imbatterà in una curiosa popolazione che frequenta quegli abissi.

in copertina: Armando Pizzinato, Omaggio a Mazzariol, 1990 (particolare)
Museo della Fondazione Querini Stampalia
Fondo Giuseppe Mazzariol




Maurizio Crema
L’uomo del confine
Un viaggio a cavallo di un confine di ferro e di ideologie sull'onda di un sogno incarnato in una batteria di macchine da scrivere degli anni '20, quando internet non esisteva e l'inchiostro sporcava ancora le mani. Tre giovani di romantiche speranze partono da Vienna per esplorare Budapest e l'Ungheria comunista e finiscono impigliati nella rete del potere e della burocrazia. Alla fine dovranno lasciare le loro preziose macchine davanti all'uscio di una casa di campagna per poter essere liberi di attraversare quel confine che l'uomo aveva sbarrato. Un racconto blues musicato con Francesco Boldini che è grigio ma non è triste.

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti