Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18481

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

A 90 anni dalla Rivoluzione d'Ottobre

di Comunicati Stampa

Associazione culturale Russkij Mir
Via Cernaia, 30 - Torino - tel (+39) 011 54 71 90 - Fax 011 54 91 00
russkij@arpnet.it
www.arpnet.it/russkij


Le associazioni Russkij Mir e Liberipensatori Paul Valery in collaborazione con "Il Circolo dei Lettori" di Torino, il Museo di stato "V.V. Majakovskij" di Mosca, la Facolta' di Lingue e Letterature straniere dell'Università di Torino (sezione di Slavistica) e Austrian Airlines presentano

"BUON PROSEGUIMENTO!"
riflessione in forma di spettacolo su Vladimir Majakovskij
a 90 anni dalla Rivoluzione d'Ottobre

Il 90° anniversario della Rivoluzione bolscevica può essere, oltre che il momento del ricordo storico di uno degli eventi più rilevanti per le sorti dell’umanità intera, l'occasione per riflettere sulla figura di Vladimir Majakovskij. Capostipite di quell’intenso e innovatore fenomeno culturale che fu il futurismo russo, movimento che rifuggiva da quel nazionalismo che permeava l’omonimo movimento italiano, Majakovskij, autore tra l’altro di fulminanti testi teatrali, mise la sua opera al servizio di quella Rivoluzione che finì col tradirlo.

Oggi si usa spesso il termine “grande utopia” riferendosi a quel periodo, ma sarebbe più giusto parlare di un “trionfo dell’arte” in quegli anni, sebbene per l’arte di sinistra e per i suoi creatori, primo tra tutti Majakovski, si trattò di trionfo dell’arte e di tragedia dell’artista. “Buon proseguimento!”: queste le ultime parole che il poeta Majakovskij pose a sigillo della lettera lasciata il 14 Aprile 1930, giorno in cui, con un colpo di rivoltella al cuore, decise di porre termine alla propria vita. Così si intitola anche questo spettacolo, che ha la forma di un concerto per parole e musica.

L'attore Oliviero Corbetta (qui anche in veste di regista) darà voce e forza ad alcune delle poesie più celebri e intense di Majakovskij, a smentire il pessimismo del Maestro che sosteneva, riguardo alla sua opera: “Il mio verso, a fatica squarcerà la mole degli anni…”. La partitura musicale è stata composta appositamente da Giorgio Li Calzi, non nuovo a frequentazioni con la cultura russa, e sarà eseguita dal vivo dall'autore (live electronics e tromba); al suo fianco Marina Martianova, virtuosa violinista moscovita da anni trapiantata in Italia che fa parte, tra l’altro, del quintetto “Architorti” .

Faranno da cornice i video interventi di Daniela Vassallo, che ci introdurrà nel Museo Majakovskij di Mosca costruito attorno alla microscopica cameretta a due passi dalla Lubjanka, sede del KGB, dove il Poeta, “uomo del futuro”, lavorò e morì. Lo spettacolo sarà quindi immerso in un ambiente visibile in genere solo grazie ad un viaggio di migliaia di chilometri. Una suggestione che sarebbe senz’altro piaciuta a Majakovskij che, da buon futurista, amava bruciare le distanze con la folgorante intuizione poetica e “con un aeroplano, lanciato a trapanare le profondità del cielo”.

Il progetto è stato tracciato da Oliviero Corbetta e Anna Roberti, responsabili di due associazioni culturali tra le più attive in città, Liberipensatori Paul Valéry e Russkij Mir. Dopo avere incontrato freni e barriere, ha preso forma grazie all’incontro con Svetlana Strižnëva, Direttrice del Museo di Stato "V.V. Majakovskij" di Mosca, e sostenuto da Antonella Parigi, Direttrice del Circolo dei Lettori di Torino. E’ infine decollato grazie al prezioso supporto di Austrian Airlines e della Facoltà di Lingue e Letterature Straniere dell'Università di Torino (sezione di Slavistica).

La prima si svolgerà alla vigilia del 90° anniversario della Rivoluzione d’Ottobre, nella splendida cornice del Circolo dei Lettori di Torino, una delle poche città in cui si può ancora, nonostante la disgregazione di quella realtà geopolitica, percorrere un lungo viale denominato “corso Unione Sovietica”. Ospite d'eccezione della serata sarà Svetlana Strižnëva, Direttrice del Museo "Majakovskij" di Mosca.


MARTEDI’ 6 NOVEMBRE 2007 ore 21.00
Circolo dei Lettori – via Bogino 9 – Torino
Ingresso libero fino a esaurimento dei posti disponibili


Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti