Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16069

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza
3 Giugno 2019
 



PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI QUASIMODO E ALETTI
VENERDI 10 MAGGIO E SABATO 11 MAGGIO
OPPURE
SABATO 11 E DOMENICA 12 MAGGIO 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Musica
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

“FUGA A TRE” IL PROGRAMMA

di Musica

“FUGA A TRE”
Viaggio nell’arte dell’improvvisazione

I L P R O G R A M M A


5 nov. lun.= WORLD
MOHSSEN KASIROSSAFAR (Iran)
SARAWAN-tamburi d'Iran
Simonetta Imperiali: zarb, daff
Luigi Marino: zarb, daff
Mohsen Kasirossafar: zarb, daff, voce

8 nov. Giov.= ELETTRONICA
FRANCESCO D’ERRICO (Campania)
Slow food music3
Francesco D’Errico: pianoforte e live elttronics
Daniele Esposito: contrabbasso
Salvatore Tranchini: batteria

9 nov. ven. = ETNO/JAZZ
LUTTE BERG Ensemble (Svezia/Italia)
Lutte Berg: chitarra, ch.fretless
Alessandro Gwiss: pianoforte,tastiere,live electronics
Luca Pirozzi: basso elettrico contrabbasso
- Aprono il concerto i napoletani SERPENTE NERO = BLUES (Alfredo Vitelli: chitarra - Eugenio Lucrezi: basso, voce - Geremia Terno: batteria) con il progetto Blues talks / talkin' blues.

10 nov sab. = CLASSICA
FRANCESCO VENERUCCI (Lombardia)
Goldberg "InJazz" Suite
Francesco Venerucci: pianoforte
Alessandra d'Andrea: flauto in do, in sol e ottavino
Daniele Basirico: basso elettrico e contrabbasso

11 nov. dom.= FOLK/JAZZ
ROCCO DE ROSA (Lucania)
Rocco De Rosa: pianoforte
Pasquale Laino: fiati
Antonio Franciosa: percussioni
- Apre il trio del pianista LORENZO DI LORENZO = FREE JAZZ (Lorenzo Di Lorenzo: pianoforte - Manuel Timperi: basso - Alessandro Grasso: percussioni)

12 nov. lun.= POPOLARE(greco-balcanica, araba, indiana e persiana)
CARLO COSSU (Puglia)
Balkan Free
Carlo Cossu: violino, viola, dejeridoo, canto armonico
Angelo Olivieri: tromba
Antonio Iasevoli: chitarra






MOHSSEN KASIROSSAFAR - Iran
(SARAWAN-tamburi d'Iran)
Simonetta Imperiali: zarb, daff
Luigi Marino: zarb, daff
Mohsen Kasirossafar: zarb, daff, voce


“Immaginate le steppe dell,Asia, immaginate una mandria di mille cavalli selvaggi che corrono liberi dovunque, immaginate il soffio morbido del vento di maggio che libera il rumore degli zoccoli come dei ritmi irregolari nell,aria ,sentite una voce speranzosa e
malinconica che spera di catturare almeno uno dei cavalli ecco che siete arrivati a SARAWAN , sorgenti di vita eterna, ritmi antichi, canti ora pagani ed eremiti ora mistici e religiosi ,un po' allegri un po' malinconici, siete arrivati a SARAWAN tamburi d'Iran "SARAWAN stupirà dunque, se ne può stare certi: sarà la loro attitudine, la loro pratica con il materiale, il messaggio che portano; sarà il fatto che i componenti abbiano differenti origini
culturali. Di sicuro rimane la loro facilità a comunicare, senza eccesso, senza rumore aggiunto."

Mohssen Kasirossafar
Nasce a Mashad ( Iran) nel 1955. Inizia a studiare lo Zarb nel 1980. Dal 1983 in poi incontra i Maestri K. Kalhor, M. R. Lotfi, H. Alizadeh, B. Kamkar e M. Aayan con i quali comincia a perfezionare la tecnica, per completare poi la sua formazione con il grande musicista
Nasser Farhângfar. Dal 1976 vive a Roma dove collabora tra gli altri con musicisti e compositori come Ennio Morricone, Giancarlo Schiaffini, Giorgio Battistelli, Angelo Branduardi, Mauro Pagani, Paolo Vivaldi,Andrea Morricone,Rita Marcotulli, Daniele Sepe, il duo Antonello Salis e Alessandro Satta e molti altri. Ha al suo attivo numerosissime incisioni discografiche e ha partecipato a svariati festival musicali Italiani ed europei e programmi radiotelevisivi. E' parte integrante di gruppi come Giancarlo Schiaffini Quintet, Mish Mash Quartet, Trio Alesini, Compagna Felix, Sarawan Tamburi d"Iran e Cadira con una collaborazione che si svolge tra la musica persiana d'arte e popolare, musica medievale e rinascimentale e quella contemporanea e sperimentale,teatro e collonne sonore . da molti anni oltre alla carriera liutaio e musicista si dedica all'insegnamento dello zarb e del daff


Simonetta Imperiali
Nasce a Roma nel 1969. Dopo essersi diplomata all'Accademia delle Belle Arti di Roma frequenta il dottorato presso l'università di Tenerife in Spagna e inizia lo studio dello zarb presso Mohssen Kasirossafar. Nell'ambito musicale ha collaborato con Sara Modigliani, Paolo Vivaldi e con diverse compagnie teatrali. Attualmente fa parte dei Sarawan con i quali ha collaborato a innumerevoli festival musicali e trasmissioni radiotelevisive registrando diversi cd dalla musica medievale a quella contemporanea.

Luigi Marino
Nato a Roma il 2/3/1984. Ha studiato percussioni persiane con il M° Mohsen Kasirossafar (privilegiando la tecnica dello zarb) e tamburello italiano con il M° Massimo Carrano. Si avvicina alla musica elettronica da autodidatta e prosegue sotto la guida del M° Giorgio
Nottoli, specializzandosi nella composizione aleatoria e nell'interazione tra suono e ambiente. Svolge attività concertistica dal 2002, ha collaborato occasionalmente con svariati gruppi spaziando dalla tradizione persiana al pop, dalla musica antica a quella contemporanea.



FRANCESCO D’ERRICO - Campania
(Slow food music3)
Francesco D’Errico: pianoforte e live elttronics
Daniele Esposito: contrabbsso
Salvatore Tranchini: batteria


“Il progetto slow food music ha già al suo attivo due pubblicazioni per l’editore YvP music (slow food music5 e 4).Il progetto fa propria l’idea che la musica non va consumata rapidamente ma con attenzione e curiosità.
Con slow food music3 il percorso musicale si radicalizza il suo sottotitolo è “Places were the future is waiting before coming”(i luoghi dove il futuro attende prima di presentarsi). Tali luoghi potrebbero essere intesi in musica come quegli spazi mentali in cui le idee via via si focalizzano attraverso i processi dell’improvvisazione, definendosi poi su cd o nei concerti. Il trio lavora su tracce originali e su frammenti di diverse tradizioni musicali per esplorarle e reinventarle in tempo reale. Di prossima pubblicazione slow food music3.”

Francesco D’Errico,
Ha studiato in Italia(Siena jazz), in Francia ed a New York .Tra i suoi maestri : Franco D’Andrea, Mike Longo, Steve Khun , Enrico Renna ed Antonio De Rosa.
D’Errico oltre ad esibirsi in numerosi jazz festivals e clubs in Italia ed all’estero, compone musiche per il cinema ed il teatro. Tra il 1990 ed il 2000 ha prodotto nove album come leader: Lunaria; Tartana; Le Mille e una Notte; Riflessi e Ideati; Av. Of the Americas , Napoleetana e “Specchio per le Nubi” Slow food music5, slow food music4. Tra le altre sue collaborazioni artistiche ricordiamo quelle con: Mark Ribot, Don Moye, Eddie Gomez, Bob Moses, David A. Gross, Markus Stockausen, Norma Winstone, Claudio Lugo,il gruppo Dissonanzen, Giulio Martino, Ares Tavolazzi, Fabbrizio Sferra, Franco Battiato, Daniele Sepe, Paolo Innarella, Salvatore Tranchini, Daniele Esposito, Leonardo De Lorenzo.
Collabora come direttore artistico e docente con l’ISMEZ (Istituto Nazionale per lo Sviluppo Musicale del Mezzogiorno), insegna presso l’ ISFOM di Napoli (scuola di formazione per musicoterapisti). Attualmente è docente di jazz presso il Conservatorio di musica “Carlo Gesualdo” di Potenza.

Daniele Esposito,
nato il 22/4/76 inizia i suoi studi musicali presso il conservatorio S. Pietro a Maiella di Napoli. In seguito si avvicina al jazz intraprendendolo con i contrabbassisti T. Ronga ed A. Vigorito.
Nel 1994 vince la borsa di studio presso l'associazione Siena Jazz per accedere ai corsi di Alta Qualificazione Professionale, iniziativa finanziata dal Fondo Sociale Europeo,in collaborazione con la Regione Toscana, e ha così l’opportunità di studiare con maestri quali Furio Di Castri, Paolo Fresu, Stefano Zenni e Roberto Rossi.
Ha partecipato al "Philip Morris Jazz Festival" a Torino in trio con Giacomo Aula ed Eliot Zigmund.

Salvatore Tranchini,
Studia con Walter Scotti per sei anni. Durante questi anni frequenta stages con grandi maestri tra i quali: Jimmi Cobb, Elvin Jones,Peter Erskine. Dai 18 ai 20 anni segue i seminari organizzati da Siena jazz e Umbria jazz. Ha collaborato con numerosi artisti internazionali tra i quali ricordiamo: Eddie Lkj Davis, Earl Warren, Al Cohn, Enrico Rava, Larry Nocella, Chet Baker, Micheal Breker, Jerry Bergonzi, David Pike, Al Gray, Enrico Pierannunzi, Franco D’Andrea, Massimo Urbani David Freedman e molti altri. Dal 2004 è docente al Conservatorio di NAPOLI. Dal 2005 partecipa alla ”Orchestra Napoletana di Jazz”.



LUTTE BERG Ensemble - Svezia/Italia
Lutte Berg: chitarra, ch.fretless
Alessandro Gwiss: pianoforte,tastiere,live electronics
Luca Pirozzi: basso elettrico contrabbasso


“….. Lutte è stato direttore artistico di un teatro di Stoccolma e ha scritto colonne sonore cinematografiche, finché sedici anni fa è tornato in Italia e ha suonato con Paul McCandless, Pino Daniele, Mick Goodrich, Antonello Salis e tanti altri. Da allora non fa che “vagabondare” con il suo Ensemble alla ricerca del mix musicale adatto al suo doppio background, alla sua creatività, al suo modo di usare la chitarra, e l’ultima formula che ha messo a punto è a dir poco inconsueta: ci sono dentro il jazz e la musica popolare svedese, il calore del sud e il freddo del nord, il gusto dell’improvvisazione e la lirica di chi guarda orizzonti lontani. Provate anche voi a chiudere gli occhi e viaggiare con questo album. Probabilmente vedrete molti paesaggi bianchi di neve del Grande Nord, ma avrete anche la precisa sensazione che da qualche parte ci sia sempre un fuoco acceso per riscaldarvi lo spirito.” Fabrizio Zampa

Lutte Berg
Nato in Svezia, studia al Liceo Musicale Södra Latin di Stoccolma e alla Skurups Musikfolkhögskola diventando a 20 anni direttore artistico del Teatro Roj di Stoccolma. Nel 1990 firma la colonna sonora del film "Linnea" prodotto da Svenska Filminstitutet.(l'ente statale svedese di produzione cinematografica) e distribuito su scala internazionale e incide il suo primo album "Mountains Breath", prodotto da Pino Daniele per la Freeland. Registra un mini CD con Mick Goodrick. Nel 1993 pubblica il secondo album "Santa Sofia" con le collaborazioni di Paul McCandless (Oregon) e Antonello Salis. Nel 1998 l'etichetta Equipe pubblica il suo terzo CD "Mascarò". Nel 2004 esce per la Wide il quarto lavoro di Lutte Berg “Ensemble” insieme ad Alessandro Gwis, Luca Pirozzi e Massimo Manzi. Ha inoltre collaborato con musicisti quali Roberto Gatto, Ettore Fioravanti, Javier Girotto, Fabrizio Sferra, Paolo Innarella, Armando Corsi, Mario Arcari, Baba Sissoko, Ares Tavolazzi, Marco Zurzolo, Gianluca Ruggeri,Walter Paoli e molti altri. Incide in Svezia con Lars Demian.
Dal 1994 svolge una intensa attività didattica, è docente al Conservatorio di Bari e di Cosenza.

Luca Pirozzi
Studia privatamente armonia e solfeggio in giovane età e continua gli studi da autodidatta partecipando a vari seminari. Musicista sensibile, ha sempre indirizzato la sua ricerca musicale verso le situazioni più aperte ed improvvisate, curando contemporaneamente le sonorità ritmiche proprie dello strumento. Bassista eclettico, la sua attività ha spaziato e spazia tutt’ora in diversi settori: concertistica, didattica e discografica. Ha collaborato e registrato con Umberto Fiorentino, Roberto Gatto, Area 2, Massimo Urbani, Antonello Salis, George Garzone, Stefano Di Battista, Paul McCandless, Riccardo Fassi, Francesco Bruno, Javier Girotto, Aires Tango, Eddie Henderson (dal ‘96 vari festival e CD nel ‘98), e molti altri tra i maggiori musicisti del panorama nazionale ed internazionale.

Alessandro Gwis
Ha iniziato lo studio del pianoforte classico all' eta' di 8 anni; nel 1979 si esibisce per la prima volta dal vivo, in occasione del festival "estate romana". A 16 anni si avvicina al jazz e alla musica improvvisata; nello stesso periodo comincia ad approfondire l'uso del sintetizzatore e delle tastiere elettroniche. Dal 1988 svolge un' intensa attivita' professionale sia nell'area della musica pop che in quella jazzistica. Collabora con Aires tango (dal 94 a tutt'oggi), Antonello Salis, Enrico Rava, Paolo Fresu, Gianni Coscia, Gege' Telesforo, Ben Sidran, Stefano di Battista, Flavio Boltro, Paolo Damiani, Peppe Servillo (la voce degli Avion Travel), Massimo Ranieri, Sandro Satta e molti altri. Nel Maggio 2000 e' finalista dell'audizione europea per l'orchestra nazionale francese di jazz.



FRANCESCO VENERUCCI - Lombardia
(Goldberg "InJazz" Suite)
Francesco Venerucci: pianoforte
Alessandra d'Andrea: flauto in do, in sol e ottavino
Daniele Basirico: basso elettrico e contrabbasso


“Come nelle 30 variazioni incastonate dall'Aria che Bach scrisse per il suo allievo clavicembalista, così il concerto si apre con il celebre tema delle Goldberg variations. Il programma si sviluppa attraverso citazioni mozartiane, improvvisazioni, imprevedibili accostamenti e movenze di tango fino a ri-approdare al tema bachiano dell'inizio.
Ideazione, coordinamento artistico e arrangiamenti di Francesco Venerucci
musiche da Bach a Venerucci, passando per Brubeck, Mozart, Piazzolla, Satie...”

Francesco Venerucci
Diplomato in Composizione, "Ecriture", contrappunto, e pianoforte. In Francia frequenta i corsi di Brochot e Poindfer in direzione d'orchestra. In italia frequenta le master classes di composizione con Ivan Fedele, Luca Francesconi e Fabio Vacchi. Al Conservatorio di Bologna musica elettronica con Alvise Vidolin e Adriano Guarnieri e a Roma musica per il cinema con il premio oscar di Luis Bacalov. Vincitore di vari concorsi internazionali quali Barga Jazz 2005-1° premio per Folk Dance n.1, "Dimitri Mitropoulos” di Atene-3° premio per Sogno di una notte di mezza estate e Adrian L. premiata da RAI-Radio 3. La sua poliedrica attività lo ha portato a lavorare con artisti ed ensemble di tutto il mondo come l’Orchestra of Colors di Atene, i Danish Saxophone Quartet di Copenhagen, il Quartetto Ludwig di Bonn, Claude Delangle, il Clarion Ensemble di Manila. Tra le realizzazioni discografiche segnaliamo Goldberg Variation’s e Astor Piazzolla-Tango dei Danish Saxophone. Svolge un’intensa attività concertistica che lo ha visto esibirsi negli ultimi 2 anni in Italia, Inghilterra, Belgio, Israele, Germania e Olanda.. Nel 2007 ha pubblicato il suo ultimo cd Tango fugato che ha riscosso una calorosa accoglienza e grande interessamento dei media.

Alessandra D’Andrea
Si diploma al Conservatorio di S. Cecilia con il massimo dei voti in flauto (‘91) e musica da camera (‘96). Si è perfezionata in seguito con solisti internazionali come Maxence Larrieu, Raymond Guiot, Peter-Lukas Graf e Conrad Klemm. Interessata al repertorio cameristico, ha collaborato con diversi artisti e gruppi: Ennio Morricone, Goffredo Detrassi e molti altri. Nel ‘93 è stata premiata al “ Concorso Internazionale di Stresa “ e nel ‘95 ha ricevuto la medaglia d’ oro al “ Foyer International des Artistes “.Dal ‘91 al ‘93 è stata I° flauto nell’ Orchestra Stabile del Conservatorio di S. Cecilia, come flauto solista ha registrato nell’ Orchestra Ritmica della RAI (‘92-’93). Ha suonato come I° flauto nell’ Orchestra Regionale del Lazio nel ‘99, come II° flauto nell’ Orchestra “A.Toscanini ” di Parma nel ‘98, come II° flauto e piccolo nell’ Orchestra Sinfonica delle Baleari nel ‘99. Nell' agosto del 2000 ha suonato come I° flauto al Teatro dell' Opera di Roma, per il concerto trasmesso da RAI 1 in occasione della “ Giornata Mondiale della Gioventù ”.
Daniele Basirico
Diploma conseguito presso l'Università della Musica di Roma. Suona nell’Orchestra sinfonica dell’Associazione musicale Eretina. Ultimamente si sta dedicando anche allo studio del violoncello. Nel 2004 costruisce il basso "Basirico" a 6 corde Fretless. Nel 2004 partecipa al Festival di Barga Jazz con il gruppo "Speakin' Jazz Project", classificandosi al primo posto nella Sezione D del concorso.Svolge un intensa attività concertistica collaborando con noti musicisti quali: M. Rosa, M. Davola, A. Vannucchi, A. Beneventano, Fabiana Rosciglione, Pino Iodice, G. Rosciglione, P. Tombolasi e molti altri.



ROCCO DE ROSA - Lucania
Rocco De Rosa: pianoforte
Pasquale Laino: fiati
Antonio Franciosa: percussioni

Musicalità più strettamente legata alla cultura mediterranea attraverso un particolarissimo incrocio tra minimalismo, jazz e musica popolare. Un percorso che insegue ritmi e melodie appartenenti alla memoria sonora del Sud Italia nel contempo attuale e moderno. “Esiste un confine molto sottile che separa il mare dal cielo, una linea quasi impercettibile, un punto oltre l'infinito, che cerchiamo sempre di individuare, di tracciare idealmente quando guardiamo, in lontananza, l'orizzonte. Ecco, aria, acqua e spazio senza fine, elementi impalpabili… questo il filo conduttore nella musica di Rocco De Rosa” E. Sacco


Rocco De Rosa
Compositore in diversi ambiti artistici in particolare cinema ( Moretti, Olmi, Reali. Miniero,Genovese, La Nubile, Astuti etc) documentari,televisione, teatro e danza. Come pianista dirige per molti anni il gruppo multietnico “Hata”, un progetto nato in seguito alla pubblicazione nel 1996 del cd “Trasmigrazioni” curato dallo stesso De Rosa con Daniele Sepe e Paolo Fresu. “Hata” è anche il titolo del cd pubblicato nel ’98,da cui la Putumayo World Music di New York ha scelto il brano “Malonghi”, (scritto da Rocco De Rosa e cantato da Martin Kongo) per inserirlo nella compilation “One World,Many Cultures”dove sono presenti artisti quali Alan Stivell ,Youssou N'Dour, Cheb Mami .Ziggy Marley Il suo penultimo lavoro “Rotte Distratte” della fine del 2002 ha rappresentato un ritorno alle sonorità e alla musicalità più strettamente legate alla cultura mediterranea attraverso un particolarissimo incrocio tra minimalismo, jazz e musica popolare, un discorso musicale che si è ancor più precisato nell’ultimo cd “Trammari”.

Pasquale Laino
si diploma al conservatorio di Perugia nel 1991
nel 1993 fonda con Mario Raja, Pietro Tonolo e Rossano Emili il quartetto di sassofoni ARUNDO DONAX; è membro fondatore del gruppo KLEZROYM dal 1996;
dal 2004 è docente presso il Conservatorio di musica di Perugia nell’ambito del II livello di istruzione superiore in “laboratorio di improvvisazione e composizione per strumenti a fiato”;
collaborazioni: Orchestra Sinfonica della RAI di Roma, teatro dell' Opera di Roma, Franco Piersanti, Paolo Buonvino, Carlo Cecchi, Paolo Rossi, Egisto Marcucci, Angela Pagano, Ulderico Pesce, Mango, Matia bazar, Carmen Consoli, Ascanio Celestini, Marco Presta e Antonello Dose.

Antonio Franciosa
Antonio Franciosa è un percussionista marcatamente “mediterraneo”, i suoi studi sui ritmi tradizionali del Sud Italia, nordafricani, arabi e spagnoli lo hanno portato a seguire corsi e laboratori con musicisti come Badù N’Djaie, Antonio Hereida, Arnaldo Vacca, Mohammed Abdallah, Raffaele Inserra, …
Nel tempo ha sviluppato una approfondita conoscenza delle tecniche per tamburello italiano, rik, pandeiro, bodrhan, tar, cajon, djembe e darabbukka. Il suo set spesso si avvale di queste ed altre percussioni dando vita ad una personalissima ed accattivante “batteria etnica”.






CARLO COSSU - Puglia
( Balkan Free)
Carlo Cossu: violino, viola, dejeridoo, canto armonico
Angelo Olivieri: tromba
Antonio Iasevoli: chitarra



“La proposta del trio è volta all'esplorazione delle tradizioni musicali balcaniche fortemente caratterizzate da profonda espressività melodica e da grande fantasia ritmica. Il tutto viene rielaborato nel momento dal libero interplay dei musicisti secondo la tradizione jazzistica e più in generale secondo una concezione di libera improvvisazione senza schemi”.

Carlo Cossu
Dopo aver compiuto studi classici di VIOLINO e VIOLA si dedica dall’86 allo studio e pratica dell’improvvisazione sia in ambito occidentale che in ambito orientale approfondendo in particolare lo studio dei sistemi musicali modali greco arabo e persiano.
Parallelamente pratica lo studio di alcuni strumenti tradizionali quali il BOUZUKI greco il DIDJERIDOO australiano, la DILRUBA indiana ed il NEY turco.
Approfondisce inoltre la tecnica del “canto diplofonico” di derivazione mongola-Tibetana (emissione contemporanea di due suoni di altezza differente) con David Hykes e Roberto Laneri. Dopo aver partecipato a vari progetti musicali di diversa estrazione fra cui la tourne’ del 2004 di Teresa De Sio, attualmente fa parte di numerose formazioni del panorama etno-world italiano fra cui: Acustimantico, Tamburi del Vesuvio e molti altri.

Angelo Olivieri - tromba/flicorno
Attivo da anni nel panorama della musica improvvisata. Nel 2004 incide l’album “Oidé” con l'Oidé ensemble, pubblicato nel 2005 per Terre Sommerse – collana JèI. Con la stessa etichetta pubblica nel 2006 “Nadir” e nel 2007 “Echoes” con William Parker e Hamid Drake. Ha partecipato all'incisione del CD Provvisorio (Splasc(h)Records) con l'Alea Ensemble di Paolo Damiani. Recentemente ha curato con Marco Ariano la realizzazione del documento di musica estemporanea INEDITI (CD in uscita per l'etichetta discografica NED). Ha partecipato a molte importanti rassegne di musica improvvisata tra cui Terra di Maremma-Prima Gita; improvvisazioni ispirate ad opere di pittura e scultura contemporanea; Roccella Jonica 2003 , Friuli Venezia Giulia Jazz (2005), Orsara Jazz 2005, CeglieJazz Open Festival 2006, Valdarno Jazz 2006, Ciampino Jazz 2007.

ANTONIO IASEVOLI - chitarra
Musicista napoletano, suona per molti anni in contesti pop e rock, partecipando a vari dischi e tournee'. Successivamente si interessa al jazz e compie un lungo percorso nella pratica dell'improvvisazione, dal be-bop alle forme più contemporanee suonando con vari artisti della scena internazionale (Kenny Wheeler, Tony Scott, Steve Grossman, Ernst Reiseger, Massimo Urbani, Danilo Rea, Roberto Gatto, Bruno Tommaso, Gianluigi Trovesi, Paolo Fresu, Paolo Damiani, Carl Anderson, Amii Stewart, Antonello Salis, Don Moje...).
Contemporaneamente studia musica classica diplomandosi in chitarra. Si dedica ad un lavoro di ricerca sull'uso dell'elettronica applicata alla chitarra, perfezionando un particolare set up di tecniche suoni ed effetti.La sua formazione eterogenea lo ha portato a sviluppare uno stile basato fondamentalmente sulle contaminazioni, sia nella composizione che nella pratica improvvisativa, in ambito acustico ed elettrico.
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti