Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18481

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Musica
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

RENÉE OLSTEAD in Italia

di Musica

ANTEPRIMA EUROPEA

Da Los Angeles la voce di

RENÉE OLSTEAD

in concerto
con l’Orchestra Jazz Siciliana

Palermo, Teatro Golden
Via Terra Santa, 62
Ore 21,35
Posto unico € 20,00

Un evento ospitato dalla
FONDAZIONE THE BRASS GROUP

Arriva a Palermo IN ANTEPRIMA EUROPEA la rivelazione delle nuove voci jazz al femminile: Renée Olstead, una diciottenne fenomenale, dalla voce morbida e sofisticata, abile nello swing e nell’intonazione, dai timbri sonori rotondi e accattivanti… Il 22 novembre al Teatro Golden di Palermo, Renèe, invitata dalla storica Fondazione The Brass Group ed accompagnata dall’omonima formazione orchestrale siciliana, darà vita ad un concerto piu’ unico che raro, proponendo dal vivo e perfettamente a proprio agio il songbook degli evergreeen più amati d’Oltreoceano.
Una grande occasione che conferma il carattere di originalità che contraddistingue da ben 34 anni la scelta artistica degli eventi targati THE BRASS GROUP.

La voce e la musica di Renée Olstead
La sua musica è interpretata con tutto il carisma, la classe e il fascino personale che risuonano nei repertori piu’ celebri del passato, da Billy Holiday a Judy Garland e dintorni…
Renée fa dei classici sua materia personale, come si evince dal suo album piu’ celebre targato Wea e prodotto da David Foster, il talent scout dal fiuto prodigioso cui si deve la fama internazionale di Michael Bublè e di Celine Dion (ma anche, parecchio tempo prima, quella di Barbra Streisand). L’album, realizzato col contributo di Humberto Gatica, è un disco molto elegante, forse perfino troppo adulto per una quindicenne che tuttavia non si tira indietro nell’affrontare classici di estremo impegno, una collezione dei piu’ amati standard del grande American Songbook, tra i quali Summertime, Someone To Watch Over Me, What a Difference A Day Makes, Sentimental Journey, etc.
Ora, sembra impossibile collegare in questi brani la voce che si ascolta con l’artista che li canta: eppure sono stati registrati da una quindicenne (ora diciottenne) che non si crea alcun tipo di problema davanti ad un microfono, superando brillantemente ogni tipo di emozione a favore di una calda interpretazione vocale. Il suo è un timbro risonante e rivelatore di una sensibilità stilistica e di un artigianato consumato dall’eredità texana.

Brevi cenni biografici
Nata a Houston, Renée ha cominciato la sua carriera all’eta’ di appena cinque anni attraversando con l’innocenza lo spietato mondo dell’entertainment. Non è quindi da stupirsi se appena adolescentem la Olstead ha superato gli esami delle piu’ spietate etichette “majior” americane..
Il primo Cd da cui ha tratto ispirazione è stato quello di Celine Dion, e il suo allenamento si è sviluppato costantemente alla radio, cantando mentre ascoltava la trasmissione Hit's of the day. Non molto tempo dopo era già alle prese coi palcoscenici dei teatri della regione, sviluppando anche doti caratteriali da attrice. Nel cinema ha partecipato in “The Insider” con Russell Crowe, End Of Days con Arnold Schwarzenegger e in 13 Going On 30 con Jennifer Garner; ma anche la televisione le è calzata a pennello, in partecipazioni nel ruolo della co-della sit-com targata CBS –che è ora alla sua terza stagione... Un’autentica “child actress” che la rende popolarissima con i film e i commercial messi in onda dalla tv statunitense fin dalle elementari…
Tra una performance e un corso scolastico Renèe trova il tempo per esibirsi con una swing band di los Angeles, dove nel frattempo si è stabilita, e canta nei celebri The Madison e The Derby. Questa esperienza è considerata da lei un capitolo a parte che non puo’ conciliarsi col resto della sua carriera e decide di commemorarla inserendo parte del repertorio che canta in un Cd. Ma di lì a breve il disco finisce sulla scrivania dell’artista plurivincitore Grammy David Foster che, nell’attimo esatto in cui ascolta la sua voce, la mette sotto contratto, complice il comune amico Jami Gertz, co-interprete in Still Standing …

Il lancio discografico
Alle orecchie di Foster Renée appare come una ragazzina dotata di un dono straordinario, capace di portare freschezza ed una personalità vivace nelle canzoni che richiedono generalmente un alto grado di interpretazione. ”. Il lavoro inizia con la selezione dei brani-cult del repertorio standard: Taking A Chance On Love, Is You Is Or Is You Aint My Baby, Meet Me, Midnight, Sunday Kind Of Love e A Slow Boat To China. E’ presente anche un duetto con Peter Cincotti in Breaking Up His Hard To Do, firmata da Neil Sedaka, Midnight At The Oasis scritta da Maria Muldaurs e A Love That Will Last, scritta esclusivamente per Renée da David Foster e sua moglie Linda Thompson.
Ma se l’album ottiene a livello internazionale uno strepitoso successo (anche in Italia, scoperta da Toni Renis, canto’ il leit-motiv del film Christmas in love tanto che Aurelio De Laurentis, per inserirla, fece rimontare la pellicola già chiusa) in America la filmografia di Renèe è certamente assai più conosciuta dei dischi da lei firmati a partire dal 2000: Stone Country per cominciare, seguito in rapida successione da altri hits planetari quali Unleashed; By Request; Renee Olstead e infine dall’imperdibile Skylark.

Dichiarazioni
“Mi piace recitare – dice Renée - ma sono molto piu’ appassionata nei confronti della musica. E’ determinante dare ad ogni album qualcosa che mi appartiene, e questo è cio’ che penso debba trasparire…”
“Nel mio disco volevo rendere giustizia ai piu’ grandi artisti e alle piu’ belle canzoni d’amore che mi ispiravano ed ero allo stesso tempo onorata di avere l’opportunità di portare alta e viva la loro fiamma facendo conoscere questa musica alla mia generazione e rinnovandola in sua funzione.”
“Ci sono persone che non mi prendono sul serio a causa della mia età ma non posso permettere che mi fermino. In fondo, è musica che appartiene a tutti…”

Fondazione The Brass Group – le anteprime europee
Da sempre The Brass Group, con sede a Palermo nella chiesa dello Spasimo, si è distinta per aver “precorso” i tempi musicali anticipando con storiche ospitate insieme all’Orchestra gli artisti piu’ famosi del panorama jazz internazionale. Anche quest’anno la programmazione non è da meno: oltre alla voce della bella e brava Renée che inaugurerà la stagione concertistica 2007/2008, sono attesi il trio di Benny Green (Giovedì 6 dicembre), le Puppini Sisters (Giovedì 10 gennaio), Tony Hadley con l’Orchestra Jazz Siciliana (Giovedì 24 gennaio), Maria de Buenos Aires in un’interpretazione su musiche di Astor Piazzola, costumi e regia di Laura Escalada Piazzolla (Giovedì 7 febbraio), Peter Erskine accompagnato dall’Orchestra Jazz Siciliana (Giovedì 21 febbraio), Phil Woods e la medesima Orchestra (Giovedì 13 marzo), Tom Harrell (Giovedì 27 Marzo), Wayne Bergeron & Orchestra Jazz Siciliana (Giovedì 3 aprile) e, dulcis in fundo, Florin Niculescu in uno speciale tributo a Stephane Grappelli (Giovedì 17 aprile).

Fondazione The Brass Group – la storia
Il Brass Group di Palermo è una delle maggiori realtà musicali nazionali. Ideato da Ignazio Garsia nel 1974 come gruppo di ottoni - da cui "The Brass Group" - è l'unico ente italiano di produzione di musica jazz e tra i più rari al mondo. La sua Orchestra Jazz Siciliana - al pari delle orchestre del Lincoln Center di New York e della BBC di Londra – ha avuto i più grandi direttori d'orchestra. In oltre 2000 concerti, la fondazione ha ospitato i maggiori protagonisti della storia della musica afroamericana: Dizzy Gillespie, Miles Davis, Art Blakey, Max Roach, Sun Ra, Ornette Coleman, Bill Evans, Michel Petrucciani, Dexter Gordon, Joe Henderson, Frank Sinatra,Pat Metheny, Sarah Vaughan. Per un'attività che in oltre trent'anni ha reso Palermo una delle capitali del jazz europeo. Tra loro Toshiko Akijoshi, Carla Bley, Francy Boland, Bob Brookmeyer, Eumir Deodato, Gil Evans, Frank Foster, John Lewis, Vince Mendoza, Bill Russo, Gunther Schuller. E tra i solisti, Patti Austin, Lester Bowie, Natalie Cole, Dianne Reeves, Sam Rivers, Arturo Sandoval, Archie Shepp, Diane Schuur, Toots Thielemans.

Fondazione The Brass Group – il direttore artistico e fondatore Ignazio Garsia
Precursore del cambiamento delle politiche musicali che oggi vede la musica dei neri anche nei programmi degli enti lirico-sinfonici, è uno dei più autorevoli protagonisti della vita musicale italiana avendo contribuito, in modo determinante, alla diffusione, alla crescita e allo sviluppo della musica afroamericana. In particolare, si attribuiscono a Ignazio Garsia le prime stagioni concertistiche promosse, negli anni ‘70 in Italia, in organici cicli in abbonamento e interamente dedicate a quei generi musicali allora esclusi dai circuiti d’arte; nonché, l’irradiazione in tutto il territorio siciliano delle medesime iniziative, favorendo la costituzione di vari organismi denominati The Brass Group.
Ad Ignazio Garsia va riconosciuto, soprattutto, il merito di avere innovato il vetusto sistema produttivo musicale italiano, invocando una legge attraverso diverse iniziative, alcune delle quali anche clamorose (un’ambulanza lo ricovera in ospedale dopo sette giorni di sciopero della fame vissuti incatenato al pianoforte in una pubblica via). Ciò lo porta a sostenere invano, dal 1991, un’impari lotta contro le più potenti lobby musicali del Paese per una legge regionale che riconosca, dal punto di vista produttivo, che “tutte le musiche sono nate uguali”. Quelle lobby, invero, sono le stesse che disinteressatamente sostengono che la musica “alta” necessita d’ingenti finanziamenti e la musica “altra” si finanzia da sé, poiché commerciale.
Vincitore del concorso nazionale per l’attribuzione delle cattedre di jazz nei conservatori di musica di stato, Ignazio Garsia è nominato nel 1999 docente nei conservatori “Giuseppe Verdi” di Milano, “Benedetto Marcello” di Venezia e “Giuseppe Tartini” di Bologna, a seguito del risultato conseguito nel 1993 nella graduatoria che lo ha visto primo in Italia, seguito da Franco D’Andrea, Bruno Tommaso e tutti gli altri maggiori musicisti italiani, aspiranti docenti di quelle cattedre. Già maestro sostituto al Teatro Massimo di Palermo e pianista stabile dell’Orchestra Sinfonica Siciliana (vincitore di un concorso nazionale per un posto), dal 1972 è docente al Conservatorio “Vincenzo Bellini di Palermo. Presidente e direttore artistico dell’Associazione The Brass Group di Palermo, è presidente, anche, dell’Istituto Siciliano Musica Jazz (un organismo di ricerca musicologica che, tra l’altro, ha pubblicato il periodico Jazz Not Jazz) e direttore principale dell’Orchestra Jazz Siciliana.

Per info sui concerti della Fondazione The Brass Group:
http://www.thebrassgroup.it

Info, ascolti e video di Renée Olstead:
http://www.reneeolstead.com/
http://www.myspace.com/reneeolstead

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti