Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18689

-



VII PREMIO LETTERARIO INTERNAZIONALE AL FEMMINILE

MARIA CUMANI QUASIMODO

SCADENZA
28 APRILE 2023

 

 



 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Pittura
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

ABU GHRAIB - ABUSO DI POTERE

di Pittura

ABU GHRAIB. ABUSO DI POTERE - Opere su carta di Susan Crile


17 novembre 2007 - 6 gennaio 2008
Museo di Palazzo Mocenigo – Androne al piano terra

Ventinove opere su carta di Susan Crile, artista statunitense, ispirate dall’orrore delle foto scattate nel carcere iracheno di Abu Ghraib nel 2004.
Immagini impeccabili, a un tempo durissime e lievi, che sapientemente ribaltano le intenzioni di chi aveva scattato quelle foto: non trofei di vittoria ma inqualificabili prove di brutalità, non degrado nelle vittime, ma dolente umanità.
La mostra è realizzata grazie alla collaborazione con il Comune di Roma e con le Associazioni ACAT Italia (Azione dei cristiani per l’abolizione della tortura) e FIACAT (Federazione internazionale azione dei cristiani per l’abolizione della tortura).
Catalogo Gangemi, Roma. Mostra e catalogo a cura di Maria Elisa Tittoni e Federica Pirani.

Susan Crile si era già imbattuta, nel suo percorso artistico, con le conseguenze della guerra: i suoi apocalittici Fires of War , realizzati dopo un viaggio di dieci giorni nelle zone del conflitto iracheno del 1991, restituivano panorami infuocati e sterili, allucinati, senza senso.
Ora, di nuovo, la guerra. Questa volta l’ insopportabile disgusto svelato al mondo intero dalle immagini dell’inferno di Abu Ghraib.
È perfetto, dal punto di vista formale, il lavoro di Susan, con quell’uso sapiente del gesso, dei diafani bianchi per le vittime, di colori saturi e opachi per i carnefici, con quell’essenzialità e maestria del segno, con quei monocromi dai contrasti drammaticamente eloquenti.
E potentemente capaci di evocare una partecipazione emotiva profonda, nel ritrovare in quei dipinti - evidenti, e palesemente richiamate - le foto di Abu Ghraib.
Le foto, come ricorda lei stessa in catalogo, sono documenti, sono prove. E, quel che è peggio, sono state scattate per dimostrare la sopraffazione e la violenza come valori positivi, l’umiliazione della vittima come segno di vittoria.
Questo è per noi intollerabile. Non solo per l’abominio dei gesti ma anche per la suprema, devastante idiozia che li determina.
L’arte di Susan è straordinaria perché, dell’intenzione di quei gesti e di quelle foto, a cui – pure- fa riferimento fedele, ribalta completamente il senso: restituisce umanità, identità e spessore ai corpi nudi e tormentati delle vittime. Sottolinea la greve stoltezza del carnefice pieno di orpelli – guanti, scarponi, tute mimetiche, opulenze diverse- e privo di volto.
Malgrado siano passati vent’anni dalla sua ratifica metà della popolazione mondiale vive in paesi in cui la tortura è ancora praticata.
“Ai fini della presente Convenzione il termine tortura designa qualsiasi atto con il quale sono inflitti a una persona dolore o sofferenze acute, fisiche o psichiche, segnatamente al fine di ottenere da questa o da una terza persona informazioni o confessioni, di punirla per un atto che ella o una terza persona ha commesso o è sospettata di aver commesso, di intimidirla od esercitare pressioni su di lei o di intimidire od esercitare pressioni su una terza persona, o per qualunque altro motivo basato su una qualsiasi forma di discriminazione, qualora tale dolore o tali sofferenze siano inflitti da un funzionario pubblico o da qualsiasi altra persona che agisca a titolo ufficiale, o sotto sua istigazione, oppure con il suo consenso espresso o tacito. Tale termine non si estende al dolore o alle sofferenze derivanti unicamente da sanzioni legittime, ad esse inerenti o da esse provocate.”
[“Convenzione delle Nazioni Unite contro la tortura” - Art. 1 - 26 giugno 1987]



Musei Civici Veneziani, Servizio Marketing, Comunicazione e Ufficio Stampa: Monica da Cortà Fumei, Riccardo Bon, Piero Calore, Silvia Negretti, Alessandro Paolinelli, Sofia Rinaldi
tel.++39 0412747607/08/14/18 fax /04
mkt.musei@comune.venezia.it
pressmusei@comune.venezia.it
www.museiciviciveneziani.it

ABU GHRAIB. ABUSO DI POTERE
Opere su carta di Susan Crile
17 novembre 2007 - 6 gennaio 2008
Museo di Palazzo Mocenigo – Androne al piano terra


Museo di Palazzo Mocenigo -
Centro Studi di Storia del Tessuto e del Costume,
Santa Croce 1992, 30135 Venezia


Inaugurazione: venerdì 16 novembre 2007
orario: ore10-16;
chiuso lunedì, 25.XII e 1.I

Ingresso gratuito



INFO
www.museiciviciveneziani.it
call center 0415209070
mkt.musei@comune.venezia.it


PRENOTAZIONI
www.museiciviciveneziani.it
call center 0415209070





SUSAN CRILE - BIOGRAFIA

Nata a Cleveland, Ohio, nel 1942, Susan Crile dopo la laurea al Bennington College nel 1965, si è trasferita a New York, dove tutt’oggi vive e lavora. Ha all’attivo cinquanta mostre personali. Dieci di queste sono state allestite in musei o gallerie universitarie: la Collezione Phillips a Washington D.C. (1975), il MoCa Cleveland (1984), il St Louis Museum of Art, la Blaffer Gallery dell’Università di Houston, e l’University Art Museum dello Stato della California (Long Beach), tutte nel 1994.
Nel 1995, la Crile ha esposto presso l’Herbert Johnson Museum della Cornell University e il Middlebury College Museum of Art. La sua mostra del 1996 a Kuwait City (Kuwait) si è tenuta presso il National Council for Culture, Art and Letters - Consiglio Nazionale per la Cultura l’Arte e la Letteratura, che sostituiva temporaneamente La Galleria Nazionale del Kuwait, all’epoca andata distrutta.
Nel 2003, ha esposto presso lo University Museum of Art dell’Arizona, a Tucson, Arizona.
Ha preso parte a più di 100 mostre collettive, sue opere sono nelle collezioni di diversi musei tra cui a New York, il Museo Solomon R. Guggenheim, il Metropolitan Museum of Art, il Museo di Brooklyn, il Museo Hirshhorn, la Collezione Phillips, la Galleria d’Arte Albright-Knox, oltre al Museo di Arte di Cleveland e al Museo d’Arte di Denver.
Dal 1985, la Crile è membro della Yaddo Corporation a Saratoga Springs, NY, ed è stata nel Consiglio di Amministrazione di Yaddo dal 1991 al 2004.
Ha inoltre fatto parte del Consiglio di Amministrazione del Bennington College e del consiglio del Lehman College Art Museum, CUNY.
La Crile ha una lunga carriera accademica: i suoi anni di insegnamento includono l’Università di Princeton, la Scuola di Arti Visive del Barnard College, il Sarah Lawrence College e l’Hunter College, dove è stata membro di facoltà dal 1982 ed è Professore ordinario dal 1996.
Tra gli scrittori che hanno trattato del suo lavoro sono da ricordare: Dan Bischoff, Michael Brenson, Susan Cheever, Holland Cotter, Mark Danner, Ruth Fine, Elizabeth Frank, Grace Glueck, Judith Goldman, Hayden Herrera, Ken Johnson, Diane Kelder, Hiton Kramer, Ann Lauterbach, Lucy Lippard, Linda Nochlin, Robert Pincus-Witten, Vivian Raynor, Barbara Rose, John Russell, Peter Schjeldahl, Mark Stevens, Jeremy Strick, Stephen Westfall and William Zimmer.
Il viaggio ha sempre avuto un forte impatto sul lavoro della Crile: ha passato moltissimo tempo in Italia e in India e ha viaggiato nell’Africa del Nord, in Etiopia e in quasi tutta l’Europa e in parte dell’Europa dell’Est. Al momento, sta lavorando ad un progetto sui tessuti (stampa su seta) a Calcutta, in India.

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.