Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18560

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Cinema
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Torino Film Festival 2007

di Cinema

fonte: http://cinema.dada.net/


Torino, 23 novembre – 1 dicembre 2007

Ci siamo, il Torino Film Festival compie quest’anno 25 anni e li festeggia con Nanni Moretti alla direzione e Lorenzo Ventavoli alla Presidenza. Dal 23 novembre al 1° dicembre, quindi un po’ più tardi del solito per fare posto alla Festa di Roma, le sale del Cinema Massimo, del Greenwich Village e dell’Ambrosio di Torino ospiteranno un Festival senza alcuna manifesta intenzione di rompere con le passate edizioni.

“Quando dieci mesi fa accettai, dissi che avrei voluto un festival insieme allegro e serio e spero che lo sarà”, ha dichiarato il novello direttore in conferenza stampa, sottolineando poi che il lavoro di preparazione è stato lungo e faticoso.

1200 i lungometraggi visionati 12 dei quali sono stati selezionati per partecipare al concorso internazionale che vedrà in gara opere prime (ben sette), seconde e terze. Chi lamenti l’assenza di un titolo italiano in concorso potrà trovare consolazione nelle varie sezioni interamente dedicate al cinema nostrano: Italiana.corti, Italiana.doc e Panorama Italiano. Nell’ambito di quest’ultima potremo vedere Vogliamo anche le rose di Alina Marazzi, Signorina Effe di Wilma Labate, In Fabbrica di Francesca Comencini, Nelle tue mani di Peter Del Monte e Lascia perdere Johnny di Fabrizio Bentivoglio a cui sarà anche consacrata una serata musicale in compagnia degli Avion Travel, protagonisti del suo primo lungometraggio da regista.

A Torino vedremo film incentrati sui più disparati temi d’attualità tra cui non mancherà quello del lavoro caro ad un Festival che dodici anni fa istituì ad hoc il Premio Cipputi che quest’anno si avvale anche del patrocinio del Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale.

L’attenzione per il cinema fatto dai giovani troverà posto in una sezione nuova intitolata L’amore degli inizi nell’ambito della quale potremo vedere le opere prime dei fratelli Taviani, di Francesco Rosi, di Florestano Vancini, Tinto Brass e Gian Franco De Bosio i quali pare che saranno presenti per una serie di incontri a cui dovrebbe prendere parte lo stesso Nanni Moretti.

Alla sperimentazione sarà dedicata la sezione "La zona" in cui potremo vedere lungometraggi come The man from London di Béla Tarr e Ghiro Ghiro Tondo di Yervant Gianikian e Angela Ricci Lucchi oltre a una trentina di medio e cortometraggi. Altra nuova sezione è Lo stato delle cose che quest’anno ospita tra gli altri l’ultimo Julien Temple dedicato al compianto Joe Strummer e La voce umana di Pappi Corsicato.

Fuori concorso sfileranno tra gli altri Actrices di Valeria Bruni Tedeschi, Aleksandra di Aleksandr Sokurov e The Princess of Nebraska di Wayne Wang e molto attese sono le anteprime italiane di Irina Palm la cui protagonista Marianne Faithfull sarà a Torino, di My blueberry nights di Wong Kar Wai e di Eastern Promises di David Cronemberg che chiuderà il festival.

Sponsor


Le due retrospettive vedranno protagonisti Wim Wenders di cui saranno proiettati 50 film come regista e 2 documentari sul suo cinema e John Cassavetes in doppia veste di regista (18 lavori proiettati) e attore (11 film). Giovedì 15 novembre alle ore 18 alla FNAC di via Roma 56 saranno presentati i due volumi a loro dedicati e una serie di altri eventi arricchiranno i due omaggi durante il periodo festivaliero.

Per quanto riguarda Wenders che sarà a Torino con la moglie Donata e con l’amico attore Rüdiger Vogler, il 22 novembre alle 19 inaugura alla Fondazione Merz di via Limone 24 la mostra di fotografie “Wim e Donata Wenders – Still Images of Moving Pictures”, il 24 il regista incontrerà il pubblico alla Sala 1 del Cinema Massimo e il 26 alle ore 11 sarà nell’Aula Magna del Rettorato dell’Università.

John Cassavetes, che fu insieme attore e autore di cinema, teatro e televisione, sarà celebrato, scoperto e riscoperto attraverso la versione integrale dei suoi lavori. Vedremo i cinque episodi da lui diretti della serie televisiva Johnny Staccato che gli permisero di produrre quel primo, dirompente Shadows datato 1960, fino agli ultimi Gloria (1980) e Il grande imbroglio (1986).

Per finire, ricordiamo i due eventi speciali organizzati in collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema che si terranno nella Sala Uno del Cinema Massimo. Il 26 alle ore 21,30 la band Marlene Kuntz accompagnerà dal vivo la proiezione di Maciste nella gabbia dei leoni (1926) di Guido Brignone e il 29, nel decennale della morte di Marco Ferreri, il museo celebra l’acquisizione dell’archivio personale del regista con un omaggio che culminerà alle ore 20,30 con la proiezione della versione restaurata di Dilinger è morto per cui si prevede la presenza in sala della vedova Jacqueline Ferreri e di Michel Piccoli.

220 in tutto i titoli in programma a cui si sommano le conferenze stampa, gli incontri e le presentazioni di libri che avranno luogo presso il Circolo dei Lettori di via Bogino 9 che sarà aperto ogni sera fino alle 22,30.
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti