Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18481

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Nasce 'Opificio', rivista 'corsara' con spirito ottocentesco

di Comunicati Stampa

Comunicato stampa

Nasce 'Opificio', rivista 'corsara' con spirito ottocentesco

ROMA - Intende essere una "nave corsara" nel dibattito culturare
contemporaneo, manifestando senza reticenze la propria nostalgia per le
riviste letterarie dell'ottocento. E' l'ambizione del nuovo prestigioso
periodico bimestrale "Opificio", edito dall'Iri Management spa,
società leader nella formazione ed eredità dello storico Gruppo Iri,
per oltre mezzo secolo la principale realtà industriale italiana.
Il primo numero di "Opificio", monografico, è dedicato all'anomia,
cioè alla mancanza di regole. Per affrontare il complesso tema la
rivista ha chiamato a raccolta filosofi come Ubaldo Nicola e Lucio
Saviani, studiosi della comunicazione come Donatella Pacelli della
Lumsa di Roma, magistrati come Massimiliano Atelli, consigliere
giuridico del presidente del Consiglio dei ministri e Tommaso Parisi
della Corte dei Conti, affiancandoli al più irregolare dei poeti,
Pasquale Panella (paroliere - tra gli altri - di Battisti, Mina e
Zucchero, nonché della versione italiana del musical di Riccardo
Cocciante "Notre dame de Paris", al designer Enrico Parisio, ai
giornalisti Claudio Carabba, Giampiero Castellotti, Mino Fucillo, Licia
Granello e Mario Sconcerti. A chiudere una ricerca sull'anomia nella
sessualità, a cura di Stefano Ciccone, coordinatore del Parco
scientifico dell'Università di Roma Tor Vergata e un'intervista con lo
scrittore Sandro Veronesi, autore di "Caos calmo".
Da segnalare, in particolare, un'attenzione per la realtà della
provincia italiana, letta in una chiave aulica. Nel primo un dossier di
12 pagine è dedicato a Siena, la "meno anomica delle città italiane".
"La nostra rivista offre voce a nomi noti ma anche a perfetti
esordienti, proprio come le riviste letterarie del primo novecento -
spiega Claudio Panella, vulcanico direttore di "Opificio". A noi
interessa principalmente il sapere delle tante Italie, quello che
esiste ma non trova spesso via di diffusione. Quello, ad esempio, che
nasce dall'impresa e là resta relegato per mancanza di via d'uscita.
L'ambizione è stimolare chi fa impresa a riconquistare un ruolo
trainante in quella cultura del gesto, della manualità e del sapere che
sono da sempre il vero marchio forte dell'Italia".
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti