Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15885

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza
3 Giugno 2019
 


 

VI Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

PRESIDENTE DI GIURIA MOGOL

SCADENZA PROROGATA E DEFINITIVA AL
5 APRILE 2019

 



PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI GAZZÈ E ALETTI
A TORINO SABATO 4 E DOMENICA 5 MAGGIO 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Poesia
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Mauro Montacchiesi - QUANDO L'ANIMA PARLA

di Poesia

Aut insanit homo aut versus facit! L’uomo o impazzisce o scrive versi! La frase, di valenza stoica, è contenuta in una satira oraziana ed è pronunciata dal servo Davo durante una festa orgiastica in onore di Saturno. Davo la indirizza ad Orazio con valore di reprimenda. La frase, tra l’altro, tende a mettere in risalto la follia dei poeti come diretta derivazione e dono degli dei, di Dio.
Lo scrivere versi è comunque considerato l’unica difesa del poeta per non impazzire veramente, tenedo conto della diversa dimensione, (spesso astratta, spesso fantastica) in cui vive.
Ho anteposto questa isagoge, perché mi sento spesso in una diversa dimensione, ma senza la minima, arrogante, cinica presunzione che sia quella giusta! Ciò mi semplicemente accade! È terribile tentare di dialogare con qualcuno e non riuscire a comunicare, seppur nel più semplice dei modi! È altrettanto terribile essere attaccati, vilipesi da un mondo troppo assorto nel mero edonismo, per parole o assunti che poi il tempo dimostrerà azzeccati vaticini!
Certo, uno psicoterapeuta tenterebbe in tutti i modi di inficiare questi asserti, ma lui non è un poeta! E allora, quale animico, miglior palliativo se non il monologo interiore, che si trasforma poi in dialogo virtuale con entità terze? Ma anche questo sembra poi non bastare ed allora bisogna trasformare il dialogo interiore in esteriore, ovvero il palliativo in para-panacea e, questo, scrivendo.
L’auspicio è quello che il messaggio approdi ad anime che vivano nella stessa dimensione, ove regnino introspezione, sensibilità, sentimento, fantasia!
Concludendo, la poesia è per me una sorta schopenhaueriano Velo di Maya, ovvero l’illusione, il sogno, una rappresentazione del mondo che esiste, forse, solo nella mia coscienza, ma che dal prosaismo del mondo transitoriamente mi separa.



Collana "Gli Emersi - Poesia"
pp.96 €14.00
ISBN 978-88-7680-356-7


Ordinalo nella tua libreria di fiducia o direttamente dalla casa editrice
www.alettieditore.it
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti