Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18474

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA
29 DICEMBRE 2022

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Comunicati Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Pattern Room - fotografie di Roxanne Lowit e Giuseppe Varchetta

di Comunicati Stampa

Pattern Room
fotografie di Roxanne Lowit e Giuseppe Varchetta
con un testo di Marco Belpoliti

30 aprile - 25 maggio 2008
Inaugurazione mercoledì 30 aprile ore 19.00


Mercoledì 30 aprile 2008 alle ore 19 aprirà la mostra fotografica Pattern Room. Fotografie di Roxanne Lowit e Giuseppe Varchetta, con un testo di Marco Belpoliti, presso la Collezione Maramotti in via Fratelli Cervi 66 a Reggio Emilia.
Il titolo dell’esposizione è aperto, volutamente evocativo.
Richiama inoltre l’antica funzione dei locali in cui la mostra è allestita: l’ideazione e la realizzazione di prototipi e modelli, quando l’edificio era fabbrica di produzione Max Mara.

La mostra si inserisce all’interno della manifestazione Fotografia europea, organizzata dall’amministrazione cittadina, che quest’anno è alla sua terza edizione e ha come tema il corpo nel suo aspetto multisensoriale.
Le immagini di Roxanne Lowit e di Giuseppe Varchetta sono due diversi sguardi che documentano, interpretandole, le intriganti relazioni tra il corpo delle opere, degli artisti e dei visitatori nello spazio espositivo, scatti realizzati in occasione dell’opening della Collezione. La mostra vuole evidenziare questo complesso sistema di relazioni di forze e di energie che si potenzia nei reciproci rispecchiamenti.
Un testo critico di Marco Belpoliti accompagna e commenta il lavoro dei due fotografi, proponendo una riflessione sulla triangolazione autore, opera, visitatore e sul ruolo del fotografo.

Gli scatti di Roxanne Lowit rendono protagonisti i corpi, trasformando in icona l’artista dinnanzi al proprio lavoro oppure “rubando” insolite confidenze fra artisti e opere in un gioco di libere ed eleganti narrazioni. Lei stessa dichiara: “Le nove fotografie scelte mostrano non solo gli artisti, i loro lavori e le proprie muse, ma anche gli spettatori che interagiscono con le opere, immortalando lo spirito del momento –l’interazione tra macchina fotografica e soggetto, tra artista e musa, tra me e voi.
Sono ora completamente ritornata ai “patterns” (“modelli”, “fantasie”, “disegni”), avendo io cominciato la mia carriera disegnando fantasie come designer tessile. Fui felicemente fuorviata da una macchina fotografica che mi ha oggi riportato alla “modelleria” in cui una volta i modelli venivano tagliati e dove il percorso della creatività continua”.

Le immagini rigorosamente in bianco e nero di Giuseppe Varchetta riprendono spazi rarefatti, ma densi di significato e fissano le energie sottili che corrono tra corpi che si tangono: quelli dei visitatori e quelli delle opere, consegnandoci identità inedite delle opere stesse, ogni volta rinnovate dalle differenti percezioni di chi guarda.


Info:
Durante la settimana della manifestazione, dal 30 aprile al 4 maggio 2008, la mostra è a ingresso libero e gratuito; dal 6 al 25 maggio 2008 è aperta ai visitatori della collezione permanente.

Orari:
30 aprile 2008: 19,00 - 22,00
dal 1° al 4 maggio 2008: 10,00 – 13,00 e 14,30 – 18,00
dal 6 al 25 maggio 2008: giovedì e venerdì 14,30 - 18,30; sabato e domenica 9,30 - 12,30 e 15,00 – 18,00

Collezione Maramotti:
Via Fratelli Cervi 66, 42100 Reggio Emilia
tel. 0522 382484
info@collezionemaramotti.org
www.collezionemaramotti.org



Roxanne Lowit ha ottenuto i primi riconoscimenti come fotografa agli inizi degli anni Ottanta, raccontando, attraverso gli occhi dei suoi protagonisti, la vita notturna internazionale. Il suo lavoro attraversa e indaga molti mondi, offrendoci fugaci visioni al loro interno: dall’arte alla moda, dalle drag queen alla vita di personaggi ricchi e famosi. E’ stata la prima grande fotografa a focalizzare le atmosfere elettrizzate del backstage delle sfilate di moda. I suoi scatti sono immediatamente riconoscibili grazie alla sua capacità di catturare l’euforia del momento. Il suo primo libro è infatti intitolato Moments. Le opere della Lowit sono state esposte al Metropolitan Museum of Art e al Whitney Museum a New York e al Victoria and Albert Museum a Londra. Ha esposto inoltre a Parigi, Montecarlo, Amsterdam, Düsseldorf e Berlino. La collezione permanente del Kobe Fashion Museum raccoglie alcune sue fotografie.

Giuseppe Varchetta, psicosocioanalista, ha operato a lungo in ambito aziendale occupandosi di sviluppo organizzativo e gestione delle risorse umane.
La sua attitudine professionale all’ascolto delle esperienze e alla notazione è stata riversata nella sua precoce passione per la fotografia. Ininterrotte nel corso degli anni le sue esplorazioni fotografiche all’interno di musei e gallerie sia in Europa che negli Stati Uniti. Soprattutto attratto dalla straordinaria relazione, nell’arte contemporanea, tra visitatore e opera, ha saputo documentare e restituirci, in tal modo, prospettive inedite di visione delle opere stesse.

Marco Belpoliti, scrittore e saggista, insegna Sociologia della Letteratura all’Università di Bergamo. Collabora con giornali e riviste. Ha pubblicato di recente: L'occhio di Calvino (Einaudi 2006), La prova (Einaudi 2007), La foto di Moro (Nottetempo 2008).
Si occupa del rapporto tra letteratura e arti visive e in particolare della fotografia contemporanea. Nella pubblicazione Doppio Zero (Einaudi 2003) ci offre un’insolita e appassionata mappatura sulla contemporaneità con interessanti riflessioni sull’alfabeto del corpo e i linguaggi artistici.

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti