Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 18560

-



VIII Premio Internazionale Salvatore Quasimodo.

Premio Nobel per la Letteratura.


SCADENZA DEFINITIVA
28 FEBBRAIO 2023

 


 

 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Cinema
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Amos Gitai al Reggio Parma Festival 2008

di Cinema

Il regista Amos Gitai al Reggio Parma Festival 2008

6 maggio, ore 21:00 - Cinema Astra, Parma
7 maggio, ore 21:00 - Cinema Rosebud, Reggio Emilia



Doppio grande appuntamento al Reggio Parma Festival 2008 - Progetto Israele con il regista Amos Gitai: il 6 maggio a Parma presso il Cinema Astra (appuntamento organizzato in collaborazione con Ufficio Cinema - Comune di Parma) e il 7 maggio a Reggio Emilia presso il Cinema Rosebud (appuntamento organizzato in collaborazione con Ufficio Cinema - Comune di Reggio Emilia), il regista israeliano incontrerà il pubblico in occasione della proiezione in anteprima assoluta in Italia, dopo il Festival del Cinema di Venezia, del suo ultimo lavoro "Disengagement" (film interpretato tra gli altri da Juliette Binoche e Jeanne Moreau).
In quest'ultima opera offre uno spaccato, partendo da una storia di relazioni familiari, della liberazione degli insediamenti israeliani della striscia di Gaza da parte del governo Sharon. Un evento non ancora completamente metabolizzato dall'intera società, colto con drammaticità e contraddizioni, a cui Gitai guarda quasi con lucidità ed analisi storica. Senza lasciare in secondo piano la storia di Ana e Uli, fratello e sorella che si ritrovano dopo molti anni dalla separazione a ricucire un filo teso, ma mai spezzato. Una storia di nostalgia, ricordi dolci e brucianti, scelte dopo le quali la vita non è più la stessa.
Amos Gitai, regista tra i più prolifici, polemici e premiati del cinema israeliano, è nato nel 1950 ad Haifa, Israele. Tra il 1971 e il 1975 studia architettura. Durante la guerra del Kippur entra a far parte di un corpo di soccorso aereo e durante alcune riprese il suo elicottero viene abbattuto. Dopo la guerra prosegue gli studi a Berkeley e continua a girare film e documentari che trattano dell'esilio, dell'emigrazione e della situazione politica israeliana. Dal 1977 gira documentari per la televisione israeliana; Political Myths e House vengono censurati dalle autorità e Field Diary, girato durante la guerra del Libano, scatena molte polemiche. Gitai lascia allora Israele e si trasferisce a Parigi, dove continua la sua ricerca sui temi dell'esilio e dell'emigrazione, realizzando film come Esther (1985), Berlin Jerusalem (1989), presentato a Venezia, Golem - The Spirit of Exile (1992). Dopo il suo ritorno in Israele, avvenuto nel 1993, Gitai ha girato una decina di film, attraverso i quali osserva i destini incrociati di coloro che compongono la storia antica o recente di Israele. Nel 1994 presenta al Lido, nella sezione Finestra sulle Immagini - Video Documentario, Au Pays Des Oranges - Conflicts et Réconciliation, Parcours Politique - Tuyau, Paroles d'ecrivains - Culture de l'Est Mediterranéen, Théâtre pour la vie - Donnons une chance à la paix; nel 1995 Zihron Devarim nella sezione Corsia di sorpasso; nel 1996 Milim; nel 1997, in Officina Veneziana, War And Peace in Vesoul; Yom Yom, nel 1998, in Prospettive e Tsion, Auto-emancipatcie, nel 1999, in Nuovi Territori. Kadosh (1999) e Kippur (2000) hanno partecipato al Festival di Cannes. Nel 2001 ha diretto Eden, tratto da un romanzo breve di Arthur Miller, che è stato presentato in Concorso alla 58. Mostra di Venezia e Wadi Grand Canyon in Nuovi Territori. Nel 2003 è nuovamente in concorso al Lido con Alila. Regista dell'impegno, nel 2002 ha partecipato al film corale 11 settembre 2001 (11'09''01 - September 11) (2002) (evento speciale della 59. Mostra) firmando il segmento "Israele". Nel 2004 Terra promessa (Promised Land) è in Concorso a Venezia, e nel 2006 gira Free Zone e il documentario News from Home/News from House.


Informazioni:

Reggio Parma Festival
Va Garibaldi, 16/a - 43100 Parma ITALY
tel. +39 (0)521 039351
fax. +39 (0)521 039350
HYPERLINK "http://www.gnamfestival.it/"www.reggioparmafestival.com
HYPERLINK "mailto:info@gnamfestival.it"segreteria@reggioparmafestival.com

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti