Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15885

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza
3 Giugno 2019
 


 

VI Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

PRESIDENTE DI GIURIA MOGOL

SCADENZA PROROGATA E DEFINITIVA AL
5 APRILE 2019

 



PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI GAZZÈ E ALETTI
A TORINO SABATO 4 E DOMENICA 5 MAGGIO 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Poesia
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

SARAJEVO 2008. Incontri internazionali di poesia

di Poesia

SARAJEVO 2008
Incontri internazionali di poesia


Il 3, 4 e 5 ottobre 2008 si svolgerà la settima edizione degli "Incontri internazionali di poesia di Sarajevo".

La magia che avvolge la capitale bosniaca produce ogni anno il miracolo di realizzare una delle più belle ed entusiasmanti manifestazioni poetiche del panorama internazionale.

Gli incontri sono dedicati ad Izet Sarajlic, grande poeta di Sarajevo, Presidente onorario di Casa della poesia, cittadino onorario della città di Salerno, poeta amatissimo in Italia, amico del nostro concittadino, Alfonso Gatto.

L'evento, nasce nel 2002, dopo la scomparsa di Sarajlic avvenuta nel maggio di quell'anno, per realizzare quello che negli ultimi anni era stato il sogno del grande poeta bosniaco, riportare, dopo la tragedia della guerra e dell'assedio, la grande poesia internazionale a Sarajevo. A pochi anni dalla fine degli orrori della guerra di Bosnia e dal terribile assedio della sua capitale, acquistava un valore simbolico e politico, ricollocare la città in un progetto che avesse come centralità la cultura dell'incontro, della conoscenza, dello scambio e della fratellanza.

Si trattava inoltre di una sorta di "elaborazione del lutto" da parte del circuito di Casa della poesia che aveva perso uno dei suoi rappresentanti più prestigiosi.

E ricordando che "anche i versi sono contenti quando la gente si incontra" (versi di Izet che hanno caratterizzato da sempre il lavoro della Casa della poesia) abbiamo pensato di portare nella sua città i poeti suoi amici e compagni di viaggio di tante avventure e di farli incontrare con gli altri poeti di Sarajevo e della ex-Jugoslavia.

Sarajlic, è stato un compagno di viaggio straordinario. È lui che ha sempre incoraggiato il lavoro di costruzione di quella "grande famiglia" che è il circuito di Casa della poesia. Sono indimenticabili le sue letture italiane a Salerno, Baronissi, Napoli, Amalfi, Pistoia, Trieste, Roma, Genova, Reggio Emilia. Sono per noi ricordi commoventi la sua gioia quando venne alla luce il suo libro italiano "Qualcuno ha suonato" tradotto con amore da Raffaella Marzano e Sinan Gudzevic, quando ha ricevuto a Roma il Premio Moravia 2001 e quando la città di Salerno ha voluto tributargli quella cittadinanza onoraria che lo ha reso orgoglioso e felice forse per l'ultima volta.

Lo ricordiamo quindi ogni anno nella sua città, con la poesia e con i poeti, provando a farlo senza retorica, come lui avrebbe voluto, ricordando la sua ironia e la sua malinconia, le sue poesie e le sue canzoni.
La manifestazione, curata da Casa della poesia (di Baronissi / Salerno), organizzata dall'Ambasciata italiana di Sarajevo, è resa possibile dalla collaborazione di enti italiani e stranieri e piccoli sponsor, che generosamente contribuiscono alla realizzazione dell'evento.

Come ogni anno due gruppi di "viaggiatori consapevoli" raggiungeranno Sarajevo, dall'Italia in bus (via Trieste) e in auto (via Bari), per vivere e condividere questa straordinaria esperienza.

Tanti i poeti che in questi anni hanno voluto onorarci della loro presenza. Per ognuno di loro dovremmo spendere parole di affetto, di amicizia, di gratitudine. Sono tutti insieme e con tanti altri quella "grande famiglia poetica" che Izet aveva nel cuore e che ci ha insegnato ad amare.

E ci auguriamo, che attraverso manifestazioni come quella di Sarajevo, si riesca sempre più ad ampliare questa rete di amicizia, stima, solidarietà, capacità di ascolto.

Il vecchio e glorioso cinema-teatro, ristrutturato dalla cooperazione italiana, il Kino-Teatar "Prvi Maj", ospiterà come ormai da alcuni anni, in un'atmosfera ed un'intensità inusuali per letture di poesia, segno di solidarietà, amicizia, affetto, scambio, gli Incontri internazionali di Sarajevo.

Tutta la manifestazione si svolgerà in due lingue, quella locale e l'italiano, grazie all'impegno di tanti e soprattutto all'enorme lavoro, dedizione, impegno di Sinan Gudzevic.

Nel corso dell'evento saranno proiettate come sempre alcune videoclip poetiche che vedono Sarajlic leggere le sue poesie.

La parte seminariale e collaterale della manifestazione è dedicata quest'anno al cinema di poesia di Pier Paolo Pasolini. Quindi, nei momenti pomeridiani e anche in qualche mattina saranno proiettati alcuni film di Pier Paolo Pasolini (tradotti e sottotitolati per l'occasione): "La terra vista dalla luna", "Che cosa sono le nuvole?", "La ricotta", ecc.

In serata invece il reading dei poeti invitati.

E naturalmente un grazie di cuore ai poeti straordinari per qualità e umanità che vengono selezionati con una sorta di intervento miracoloso che estrae ogni anno per Sarajevo il meglio in fatto di uomini e di poeti dal grande cilindro del circuito internazionale. Quest'anno possiamo orgogliosamente segnalare le presenze di Giuseppe Conte, Giancarlo Cavallo (Italia), Abdellatif Laabi (Marocco), Felix Grande (Spagna), Guadalupe Grande (Spagna), Cletus Nelson Nwadike (Nigeria/Svezia), Francis Combes (Francia), Kama Sywor Kamanda (Congo/Lussemburgo), Ivo Machado (Portogallo), Josip Osti (Bosnia/Slovenia), Pieter Boskma (Olanda), Rafael Courtoisie (Uruguay), Sinan Gudzevic (Serbia/Croazia), Miroslav Kosuta (Slovenia), Jasmina Ahmetagic (Serbia), Marko Vesovic (Montenegro/Bosnia), e altri che si stanno man mano aggregando.

Ci auguriamo che l'evento di Sarajevo, ormai riconoscibile e riconosciuto nel panorama internazionale dei festival di poesia prosegua e si consolidi come un indiscutibile, importante, momento "poetico", e come un ponte tra l'Europa e i Balcani, un momento di incontro, di conoscenza e di scambio tra culture, lingue, religioni.

Siamo certi che la magia di questa città ancora una volta attribuirà una sorta di valore aggiunto all'evento poetico, facendolo diventare, cosa diversa rispetto alle altre manifestazioni sulla poesia, che pure dispongono di altri mezzi finanziari, altre strutture organizzative, altri supporti tecnici. Questa magia costruisce la poesia come luogo d'incontro, che costruisce legami, amicizie, che diventa momento di scambio, che si sedimenta nel cuore e nella mente delle persone fino a diventare un'esperienza indimenticabile e inalienabile della propria coscienza.

Le tre giornate di solito consentono ai poeti e ai visitatori di poter apprezzare anche le bellezze della città e dei suoi dintorni, gustare le specialità gastronomiche e di vivere pur nel tempo ristretto tutte le proposte degli Incontri.


Per informazioni: 347/6275911
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti