Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16803

-



CONCORSO
LA PANCHINA DEI VERSI


Presidenti di giuria
Aletti, Haidar ed Ercole


SCADENZA
15 giugno 2020

 


TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano

 

*******************************


L'VIII Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500.

Ai primi 10 classificati saranno assegnati trofei e targhe personalizzate.





Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

oceano del proprio io: i versi di Liliana Arena

di Rassegna Stampa

L’oceano del proprio io: i versi di Liliana Arena


La presentazione dell’ Opera “L’Oceano del mio Io”, la raccolta di poesie scritta da Liliana Arena, prevede una mattinata all’insegna dell’arte.

Presente l’Architetto Giuseppe Viola, poeta satirico e il Dottore Franco di Capua, che ha firmato i quadri di natura introspettiva che saranno proiettati.

Quadri e poesie, un continuo rincorrersi e afferrarsi, continui scambi, contaminazione di generi e vere e proprie forme mutuate a vicenda. Identica la merce: l’anima e il suo tormento.
“Tra me e il mio mondo c’era l’oceano, e per trovare dove comincia il giorno, dovevo attraversarlo”. L’Oceano del mio Io è infatti il racconto del viaggio di una vita, il percorso interiore che noi tutti facciamo, un percorso fatto di domande e di paure, di aspettative e di cose concrete, di rabbia e di gioie, “ di desiderato e di agito”. Un viaggio che l’autrice, Liliana Arena, descrive con i suoi versi mettendo a nudo la sua anima, facendosi ambasciatrice di un messaggio consolatorio che fa da rimedio al sentirsi soli, inadeguati e disadattati. E lo fa servendosi del racconto in prima persona, una prima persona che raccoglie le esperienze altrui e se ne fa ambasciatore, che supera delle prove lungo un percorso che porta alla consapevolezza. E la consapevolezza giunge: terminata la lettura, ci si accorge che qualcosa è cambiato, terminato il viaggio attraverso il male di vivere ad aspettarci c’è l’amore: il motore del mondo.

Giovanna Satarace


METROPOLIS Quotidiano
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci Nuova Notizia

Nessuna notizia inserita

Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.