Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16841

-



Premio internazionale
IL FEDERICIANO XII


Presidente di giuria
Giuseppe Aletti, Dato Magradze,
REDDAD CHERRATI.

SCADENZA
3 agosto 2020

 


TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano

 

*******************************


L'VIII Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500.

Ai primi 10 classificati saranno assegnati trofei e targhe personalizzate.





 
Info sull'Opera
Autore:
Presentazioni Aletti
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Andrea Siniscalchi presenta LUCE D'UMANITA' RESIDUALE

di Presentazioni Aletti

Venerdì 24 Ottobre 2008

alle ore 17.00

presso la biblioteca Rugantino

via del Rugantino, 113 (00169 - RM)

Livia de Pietro presenta

per la collana 'GLI EMERSI – POESIA' Aletti Editore

il testo

''Luce d'umanità residuale''

di

Andrea Siniscalchi




Lo spirituale è un essere che si manifesta come tale: dell'essere ha l'obiettività, la coesione, la permanenza e l'identità. Ma quest'essere ha in sé come una sorta di ritegno; non è interamente; una profonda discrezione gli impedisce non già di manifestarsi, ma d'affermarsi... al modo di un ciottolo; si caratterizza per una sorta d'essenza, non è mai completamente qui, né del tutto visibile: resta in sospeso fra il nulla e l'essere per una discrezione spinta all'estremo. Si può goderne, non si sottrae; ma codesto godimento contemplativo ha come una leggerezza segreta; si gode di non godere abbastanza. Va da sé che una tal leggerezza metafisica... vuol esprimere l'esistenza stessa. (J. P. Sartre).

Essa, a sua volta, si manifesta come pazienza della carne, senso dell'accadere del tempo. La sua verità si compie come toglimento dello spirituale dall'inascosità del verbo. Quest'atto di sottrazione tuttavia, lascia una pista indelebile nel terreno; un sentiero segreto di godimento contemplativo: un godimento della perdita di senso -riacciuffato per essere nuovamente smarrito. Il linguaggio poetico, è l'unica pista a non possedere la certezza rassicurante del sentiero battuto: la sola carne a possedersi come pazienza della perdita. Questa carne riacquista lo spirito, ritrovando nella mano del poeta quella creatura ilemorfico-linguistica, agnizione dell'unità tra natura intramondana e natura spirituale. Così il ritegno dello spirito guadagna un suo peso specifico, è un “ciottolo in versi”.

Dal mio punto d'osservazione è fondamentale attualizzare quest'intenzione; questo esige l'elemento fondante ogni volontà espressiva: il rapporto simpatetico al proprio fruitore.

Quando un pittore dice a se stesso: io farò una pittura del tutto poetica! ... egli fa una pittura fredda, dove l'intenzione dell'opera brilla a spese dell'opera: ma... è che la poesia d'un quadro dev'essere fatta dallo spettatore. Come la poesia d'un poema dal lettore. Ci siete giunto: proprio così... La poesia è essenzialmente filosofica: ma come essa è prima di tutto fatale, dev'essere involontariamente filosofica. (C. Baudelaire).

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti