Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17318

-




16° CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA


DEDICATO A... GIORNATA MONDIALE DELLA POESIA

entro il 21 marzo 2021
(Festa dei poeti)
Partecipazione Gratuita!


 

 

Sta per uscire il nuovo attesissimo libro di Giuseppe Aletti

“Da una feritoia osservo parole – 365 rotte per il nuovo giorno”

salito fino al 3° posto nella classifica dei bestseller di Amazon.

Il libro uscirà il 21 marzo Giornata Mondiale della Poesia.

Il libro più amato da chi scrive poesie, una bussola per un cammino più consapevole.

È prevista una dedica per i primi mille
Con una riflessione di Giuseppe Aletti.

Clicca qui per ordinarlo

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Aletti Editore
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Presentazione del libro "Parole in fuga IV"

di Aletti Editore


Prefazione di Caterina Aletti


Scrivere richiede un atto di separazione: è uscire dal quotidiano, anche solo per brevi istanti, e guardare noi e il mondo davanti ai nostri occhi da una nuova prospettiva, lontana dal groviglio degli impegni quotidiani.
Chi scrive non può fare a meno di questa pausa dalla vita, per potersi soffermare a raccogliere pensieri. È come se, dopo pressanti stimoli, sollecitazioni, che da più parti raggiungono l’individuo nel suo essere in società, si avverta il bisogno di un’interruzione per ritrovare un dialogo con sé stessi.
Quello dell’isolamento per coltivare lo spirito è un bisogno lontano, che conoscevano bene anche i latini, che davano molta importanza non solo al negotium, ovvero alla vita pubblica, ma anche al cosiddetto otium, alla vita contemplativa, in cui dedicarsi agli studi letterari, in solitudine.
In un’epoca come la nostra, caratterizzata in misura sempre maggiore dal bisogno di rincorrere il tempo per tutte le questioni quotidiane, forse questa necessità di isolamento è sentita in modo più accentuato. Sarà forse per questo che, oggi più di ieri, le persone scrivono poesie? Può darsi.
L’atto poetico, infatti, può essere inteso come una risposta a contrastare il febbrile andamento dei giorni, come un momento per recuperare pensieri e parole, altrimenti perduti, che staccandosi dall’individuo trovano fissa dimora sulla carta.
Sicuramente, parafrasando il poeta Valentino Zeichen, «dove c’è poesia, c’è una piena aderenza all’esistere, e questo, il più delle volte, a prezzo di una grandissima solitudine».

Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti