Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16152

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Che spettacolo Alfagemo - La presentazione del libro di Mori si trasforma in un vero show

di Rassegna Stampa

La presentazione del libro di Mori si trasforma in un vero show

Che spettacolo Alfagemo

CORTONA – (Lilli Magi) Più che una presentazione di un libro, si è trattato di un evento culturale in senso lato, dove quasi tutti gli aspetti dell’arte sono stati contemplati e vi hanno contribuito per rendere l’incontro un qualcosa di nuovo, divertente e completo. Si è svolto nelle sale della Biblioteca comunale e dell’Accademia Etrusca di Cortona, alla presenza di tanti e anche insoliti spettatori, l’oggetto in scena era “Alfagemo”, opera libraria di Marzio Mori, nuovo esercente cortonese ma nato a Johannesburg e di origini monzesi. Protagonista, insieme all’autore, Rolando Bietoloni, notissimo a tutti, poeta, scrittore, attore dialettale, nonché appassionato collezionista. Rolando ha intrattenuto i presenti in una forma più seria e composta di come lui fa di solito, riuscendo ad introdurre gli spettatori dentro il senso di questo libro dalle mille sfaccettature e interpretazioni. Bietoloni è stato coadiuvato da Stefania Salvietti e Mario Bocci che hanno interpretato alcuni passi di “Alfagemo”. Parte centrale della presentazione anche alcuni quadri realizzati da Mori, riproducenti alcuni luoghi e situazioni che costellano il libro. In sostanza il romanzo è un continuo riproporre dell’inizio e della fine, come in sostanza ritroviamo anche nel titolo, che se lo andiamo ad analizzare ben capiremo che è composto da due parole: alfa e omega, che non sono altro che la prima e l’ultima lettera dell’alfabeto. Anche la copertina del libro riassume questo concetto, andando a riprodurre un’immagine di un dipinto di Caravaggio, dove la tela è divisa in due scene da un angelo con le ali nere (ali di rondine) e da un lato San Giuseppe, quasi in ombra, con in mano uno spartito musicale e dall’altra parte Maria con il bambino in una scena piena di luce, con tanto di cielo azzurro. La cosa interessante è stata data anche dall’interpretazione della musica che aveva in mano San Giuseppe e riproposta al violino da Martina Parigi.


CORRIERE DI AREZZO 8 aprile 2009
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti