Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16282

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

Maria Grazia Cerretelli si aggiudica il 3 Posto al Premio 'Sutrium et Borea', sezione narrativa edita.

di Rassegna Stampa

Maria Grazia Cerretelli

con il libro

Lo scoglio e la marea
(Aletti Editore)

si aggiudica il 3° Posto al Premio 'Sutrium et Borea', sezione narrativa edita.

Motivazione:

"In un linguaggio tecnicamente controllato e vivido,effervescenti pagine su sbocco di vita personale».


La premiazione avverrà l'11 settembre a Sutri (VT)




Maria Grazia Cerretelli è nata a Firenze il 14 Agosto 1947.
È sempre vissuta nella sua città natale, di cui costantemente ricerca la storia ed il fascino.
Ha avuto la fortuna di lavorare in un’importante azienda fiorentina per oltre 30 anni e di aver concluso la sua attività lavorativa nel 2005, dopo aver viaggiato per splendide città italiane affacciate sul mare e non.
È stato così che negli ultimi anni del suo impegno lavorativo, il mare è entrato prepotentemente nella vita quotidiana e nei pensieri, portando il profumo ed i colori di una natura prima estranea, anche se non lontana o sconosciuta.
Una sferzata salata ha scompaginato un apparente quieto vivere, facendo riemergere l’inquietudine adolescenziale e costringendola a guardare e nuovamente riflettere, prima sui sentimenti, poi sul perché della vita.
Inconsciamente ne ha sempre cercato il senso, una spiegazione, un’indi-cazione, fino a comprendere che la vita è il più grande mistero, e che i fatti, anche i più banali, fanno parte di un disegno unico ed infinito.
“C’è sempre un filo che lega gli avvenimenti e gli accidenti della vita, lì per lì sembrano casuali, mentre se li guardiamo uno dopo l’altro, come carte stese sul tavolo, riusciamo a comprendere il nesso ed il disegno si compone”.


Per attraversare il mare bisogna conoscerlo, essere forti e sicuri, spesso andiamo sott’acqua qualcuno si butta e con tenacia ci riconduce a riva, insegnandoci come provvedere in futuro, non solo a “governar la barca” ma anche a “costruire una dorsale, uno scoglio capace di proteggerci anche dalle peggiori maree”.

Maria Grazia Cerretelli



Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti