Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 15554

-



PARTECIPA ALL'IMPORTANTE
PROGETTO CULTURALE

ALESSANDRO QUASIMODO
LEGGE
"I POETI
ITALIANI CONTEMPORANEI"
 

3° Premio Letterario
Internazionale
Maria Cumani Quasimodo

SCADENZA
18 DICEMBRE 2018




PARTECIPA AL LABORATORIO SULLA SCRITTURA POETICA DI MOGOL E ALETTI


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

'Ali di Gabbiano', la nuova raccolta di poesie della giovanissima Maria Cristina Folino

di Rassegna Stampa

"Ali di Gabbiano", la nuova raccolta di poesie della giovanissima Maria Cristina Folino

Un gabbiano libero che spazia tra la terra ed il cielo: è questa la ricorrente immagine di cui si veste lo spirito di Maria Cristina Folino. Il gabbiano che sorvola il cielo si fonde con quel desiderio dell’autrice di andare oltre, oltre il senso dell’esistenza: ed è attraverso la sua poesia che Maria Cristina si confida dolcemente al lettore; lo porta sulle ali del gabbiano, finché gli occhi e l’anima del lettore stesso non si trasformino in quelli di un uccello per oltrepassare dall’alto il confine, ed abbracciare quell’immenso, impossibile scrutare.
Dal linguaggio di stampo classico ma allo stesso tempo chiaro e scorrevole, le 15 liriche dell’autrice racchiuse nel suo capolavoro “Ali di gabbiano” non sono altro che l’espressione di quell’ispirazione che va dalla voglia di libertà al dolore, da una lacerante delusione fino al suo risalire, a voler poi fuggire chissà dove, quasi spiccando in volo per lanciarsi nel vuoto, nell’infinito senso dell’esistenza per poi rassegnarsi e limitarsi a sognare. Da qui, dal sogno, l’autrice si abbandona infine all’inevitabile riflessione sulla vita e la morte: “La vita e la morte tu puoi chieder cosa esse sono: sono qualcosa che va al di là dell’orizzonte e rincorrendole, pur fuggevoli sono; credo che siano l’alba e il tramonto di un’essenza, incancellabile”.

Dopo l’iniziale riflessione, l’autrice intuisce il meccanismo segreto dell’esistenza e lo descrive come un unico abbraccio inseparabile che lega vita e morte: “La vita è come un dono pregustato e assaporato, ma che pur fuggevole passa. La morte gode di quel dono..”. In quell’abbraccio, ritorna il desiderio di andare oltre nascosto proprio nello scambio del dono perfetto dopo la fine dell’esistenza: il dono dell’immensità, dell’eternità”.


Valentina De Santis


Fonte: Salernoinprima.it


Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti