Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17787

-




XXII CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA

“HABERE ARTEM”

SCADENZA
29 OTTOBRE 2021


 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
e al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Mia Scorcia, M.I.A. Massime Introspezioni Aforismi, Aletti editore 2009 -

di Rassegna Stampa

Recensione:
Sulla Rivista internazionale n. 17 – agosto 2009 direttore Elio Pecora (pagg. 115/116)

- Mia Scorcia, M.I.A. Massime Introspezioni Aforismi, Aletti editore 2009 -



L’autrice offre una silloge in versi il cui nucleo tematico si fonda sulla centralità dell’io, sull’insostituibilità di un vissuto – il proprio – che si snoda in un labirinto di ipostasi emotive. L’amore – da realizzarsi nella più vasta delle sue accezioni – si invera come sottrazione, lacerante strappo che lascia sfiniti la sera, nella percezioni della vacuità di un esistere ridotto alla nuda sofferenza fisica. Nell’incedere del tempo, che tutto logora e consuma fuorché la memoria, vivere in assenza della persona amata – che si tratti di un figlio desiderato, del nonno scomparso o dell’uomo amato e perduto – è vivere “con una freccia nel costato”, trafitti, trapassati dal futuro. Il dolore non scivola nella sterile opacità dell’autocommiserazione, preferendo tradursi in slancio creativo, nell’inesausta urgenza di formalizzare un sentire che implode. L’immediatezza di un linguaggio senza orpelli accessori è lo strumento di una prassi poetica che intende imporsi, al lettore, sostanzialmente in virtù della sua vis espressiva. Ed è in questa volontà di reazione che si rende protagonista la responsabilità individuale: una responsabilità che si afferma come accettazione dell’ineluttabilità del dover scegliere da se stessi per se stessi, senza demandare all’altro meriti e demeriti, gioie e delusioni, che la vita ci riserva.
a cura di Serena Grillo (redazione rivista internazionale Poeti e Poesia).
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti