Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16649

-



XV Concorso di Poesia Inedita Dedicato a...

SCADENZA
il 21 marzo 2020
(Giornata Mondiale della Poesia)

 

Partecipa alle celebrazioni per la
Giornata Mondiali della Poesia

Sabato 21 marzo e domenica 22 marzo

SEMINARI SULLA SCRITTURA POETICA
ISCRIZIONI A NUMERO CHIUSO

"Investire sulla formazione rafforzerà la tua unicità" - Giuseppe Aletti -


 

*******************************


L'VIII Concorso Letterario

CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500.

Ai primi 10 classificati saranno assegnati trofei e targhe personalizzate.





 
Info sull'Opera
Autore:
Aletti Editore
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

Costantino Di Nardo - Poesie: come ustioni spirituali

di Aletti Editore

Il panorama delle vicende storiche che vanno dagli anni 60-80 costituiscono un fermento di cambiamenti che neanche il periodo industriale avrebbe immaginato.
Tutto ciò venne giù improvviso in un sol colpo insieme a un boom economico che è stato almeno inizialmente solo per le classi borghesi.
Durante il ventennio fascista il partito di potere chiedeva al popolo soltanto una adesione verbale (ovvero l’iscrizione al partito tramite la tessera) senza intaccare quelle che io stesso chiamo “le tradizioni storiche” come il culto religioso, le forme dialettali della lingua popolare, nonché usanze costumi e folklore che ormai abbiamo perso del tutto.
Con l’avvento del neo-capitalismo, due situazioni sono andate a sparire, il proletariato e il sottoproletariato; il primo è quella massa di contadini che senza una riforma agraria iniziata dal fascismo e non completata, si riversa nelle grandi città verso il nord a lavorare nelle fabbriche; il secondo da Firenze in giù gli stessi che non avevano una specifica occupazione, vivevano di stenti e non avevano che lavori occasionali, aggravando così ancor più quel disagio del sud che già preesistente ne aumentava maggiormente l’isolamento.
Quello che il fascismo non aveva intaccato sicuramente per mancanza di mezzi tecnologici è così riuscito al neo-capitalismo della società dei consumi che questi mezzi ora li aveva.
L’uomo così è divenuto consumatore di prodotti detti beni di consumo, ma il potere delle multinazionali non si è accontentato di ciò, ha voluto dal popolo anche l’anima e l’ideologia.
La prima, la religione passerà in secondo ordine sui privilegi della merce e perderà quel valore antico che vado rivendicando, la seconda porta ogni individuo all’inseguimento dello status–simbol per uscire di conseguenza da uno stato di povertà.
Il tempo libero che prima fuori del lavoro veniva impegnato nelle cellule dei partiti o in casa leggendo libri in quel minimo di cultura accettabile, oggi con l’avvento della televisione mezzo mediatico di coercizione di massa filtrato e manipolato dal potere, azzera ogni possibilità di cultura e ne mette in luce un annullamento della personalità, che come risultato porta una maggiore violenza negli individui; che non più hanno un punto di riferimento cultuale e culturale.
In ciò vado ad aggiungere che la crisi delle ideologie in politica non migliorerà certo la situazione attuale e porterà di conseguenza un peggioramento che sarà determinante per gli avvenimenti a seguire.

C. Maurizio Di Nardo


Collana "Gli Emersi - Poesia"
pp.52 €12,00
ISBN 978-88-6498-152-9
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti