Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17423

-




12° CONCORSO INTERNAZIONALE
DI POESIA INEDITA


PAROLE IN FUGA

entro il 3 maggio 2021

Partecipazione Gratuita!


 

 

Il libro più amato da chi scrive poesie,
una bussola per un cammino più consapevole.
Riceverai una copia autografata del Maestro Aletti
Con una sua riflessione.

Tutti quelli che scrivono
dovrebbero averne una copia sulla scrivania.

Un vademecum sulle buone pratiche della Scrittura.

Un successo straordinario,
tre ristampe nelle prime due settimane dall'uscita.


Il libro è stato già al terzo posto nella classifica di
Amazon
ed è ora al secondo posto nella classifica di Ibs

Se non hai Amazon o Ibs scrivi ad:

amministrazione@alettieditore.it

indicando nell'oggetto
"ordine libro da una feritoia osservo parole"

Riceverai tutte le istruzioni per averlo direttamente a casa.



Clicca qui per ordinarlo su Amazon

oppure

Clicca qui per ordinarlo su Ibs

****

TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

- CONTROCANTO PASOLINIANO - DI FRANCESCO ROSSI, EDIZIONI ALETTI. 'L’ermetico canto dell’usignolo poeta'

di Rassegna Stampa

IL LIBRO: “CONTROCANTO PASOLINIANO” DI FRANCESCO ROSSI, EDIZIONI ALETTI
L’ermetico canto dell’usignolo poeta

Il tuo canto poetico, Francesco, è uscito da pochi giorni in libreria orfano di qualcuno che potesse celebrare il tuo anelito d’infinito: non un saluto all’ingresso del tempio, neppure una parola prima di celebrare la liturgia dell’universo; almeno rimani tu, sacerdote, ad officiare il rito comunque velato di pallida malinconia.
Basti tu: sufficiente a te stesso e contemporaneamente fragile; tra carne e cielo, corporeo e insieme elegiaco, come il canto dell’usignolo, a ricordare la lacerata e contraddittoria natura mortale dell’uomo.
Chi sa (e chi vuole) ti vede attingere allo spirito e alla mappa, nel tuo viaggio – segnato tanto da orizzonte lontano quanto da sferica circolarità – a zonzo negli anfratti della persona, della pasoliniana raccolta poetante “L’usignolo della Chiesa Cattolica”, per condividere, col tragico regista, una rapida successione di fotogrammi della cinepresa puntata sul cuore dell’uomo ansimante e lacerato “di piaghe esposte” come il Cristo, e scoprirvi che quell’uccellino diventa metafora della vita pulita secondo Natura che si contrappone al vuoto, “tra il vuoto del perdersi vita”, come tu dici.
Volontà d’infinito e di spiritualità cui fa da controaltare la non sempre gioiosa consapevolezza del proprio limite; Pasolini stesso: “Povero uccelletto, dall’albero, tu fai cantare il cielo. Ma che pena sentirti fischiettare come un fanciullino”; distico cui tu affianchi L’usignolo che cinguetta fraterna contentezza: “La vita non ammette cedimento/al pianto, macabro il “gioco” del riso/qual pur sfiorisce material commento…!”.
Le evidenti analogie con l’universo poetico dell’Usignolo pasoliniano consentono anche a te di proporre un corpus che sembra segnato dalla discontinuità ma, invece, ha un suo programma: quello della meditazione religiosa senza rifuggire dalla riflessione, ora giocosamente (e gioiosamente) infantile ora nelle adiacenze della metafisica, sulla consumazione e sulla livida sofferenza del tempo che “brilla nel canuto divino stampo”.
Il travaglio con il quale scolpisci il verso, creando attrezzi in rima da riporre in un vocabolario che plasmi a tua misura, è evidente ma non ammutolisce l’ottimismo e la speranza, ché – anzi – si sentono tra i versi tuoi le parole di Keats e quasi te ne appropri: “E cadranno le incrostazioni e i pesi che gravano sullo spirito stanco; saremo soli, io e il gorgheggiare melodioso del piccolo passeraceo, troverò la porta dell’anima. Potrò consapevole percepirmi per quello che sono io e che siamo tutti: persone, esseri umani da rispettare e da amare e non numeri e mezzo perché uomini senza qualità raggiungano traguardi ambiziosi e futili”.
La tua voce, infatti, permettimi di dire, per un verso canta sullo spartito pasoliniano ma per altro verso – ciò che si trova se si scava con quegli stessi attrezzi nel tuo lessico – ha il timbro dell’anelito all’eternità del poeta inglese: un universo fatto solo di bellezza e di amore che acquista il senso dell’immortalità perché è capace di risollevare lo spirito e moderare la disperazione anche davanti alle brutture della vita.
Oreste Mendolìa Gallino




Da “Voce della Vallesina”, Settimanale d’informazione della Diocesi di Jesi (AN), del 9 maggio 2010, pag. 12
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti