Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16267

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

da 'PUGLIA' - Prefazione di Nichi Vendola ‘Diario di un uomo qualunque’ titolo semplice per un libro sulla vita ( complicata ) di tutti.

di Rassegna Stampa

da “PUGLIA” di Giovedì 17 Febbraio 2011.

Prefazione di Nichi Vendola

‘Diario di un uomo qualunque’
titolo semplice per un libro
sulla vita (complicata) di tutti

MODUGNO - Non è vano, se si tratta del ‘Diario di un uomo qualunque'. Il tìtolo, semplice, non lascia adito a dubbi, nel momento in cui si sfogliano le pagine 'autobiografiche', ma che calzano anche nella vita e nell’esperienza di chiunque. Si tratta del libro di Onofrio Montecalvo, avvocato e docente per Discipline giuridiche ed economiche, presentato al Palazzo della Cultura il 5 Febbraio 2011; presenti il poeta Renato Greco, il giornalista Gustavo Delgado, - moderatore della serata - e il Consigliere Regionale Peppino Longo. Interrotto da un manifestante provvisto di cartellone con su scritto: “Il lavoro è un diritto sacrosanto … Un cittadino a Modugno è morto per questo ... Le amministrazioni sono inesistenti. Almeno facciamo un minuto di silenzio”, facendo riferimento ad un fatto di cronaca di qualche tempo fa. Longo ha detto: “Supporto alle manifestazioni culturali, anche se siamo in un periodo negativo, per ristrettezze; ma c’è impegno da parte mia e del Presidente del Consiglio Regionale Nichi Vendola”. L'evento è stato patrocinato dall’Assessorato alla Cultura, presieduto da Fedele Pastore. Nel libro, edito da Aletti, è presente una Prefazione scritta da Vendola. Il format della serata ha riscosso un grosso successo di pubblico. Per completezza: la conferenza improntata alla conversazione sulle liriche, intervallata dalla recitazione di alcune; il tutto, accompagnato dall’esecuzione di brani musicali in chiave jazz, interpretati da Gianna Montecalvo, insieme al pianista Onofrio Paciulli. “Diario di un uomo qualunque (poesie d’amore e altro ancora) - Luglio 1974 - Aprile 2010”, ha trovato, per alcune liriche, interpretazione “calda e reale” - tipica solo del teatro - di alcuni attori della Compagnia ‘L’occhio del Ciclone’, che collabora col teatro Forma, coordinati da Gianfranco Groccia e di altri amici. Il libro di Montecalvo “... è una finestra sul mondo” dice Nichi Vendola nella sua Prefazione, “le sue poesie guardano all'universo caleidoscopico dei sentimenti, al tempo che passa e con esso la gioventù, guardano all'amicizia con un’intensità ed un senso di solidarietà straordinari, guardano all’amore, infine, a tutto l'amore e alle sue infinite declinazioni”. Si legge ancora, nella Prefazione, “La mia speranza è nella poesia, dice l’amico Onofrio e mai verso ha meglio rappresentato un’attitudine alla necessità di interpretare e modificare la realtà”. L'esordio della serata è con “Ricordi”, letta dall’attore Giambattista De Luca: “...Tutto è mutato. Eppure non può mutare il ricordo per quello che più non esiste...”; è il rammarico per qualcosa che non c'è più. “Rimpiango molto il passato del mio piccolo paese della Basilicata, poi diventato città, ma è un ricordo per la vita” dice Montecalvo. Alla recitazione de “Il dolore” da parte dell’attore Maurizio De Vivo, “...senza il dolore non conosci tutto te stesso...”, Montecalvo ha detto: “Mi sono rifugiato nella poesia per .consolazione. Nei momenti brutti mi ci sono ritrovato. . Mi sono confessato, volevo una confessione”. E ancora, recitate, sono state: “A mia madre a mio padre” – “...Voglio imporre a me stesso la vostra eternità…”; “Paternità” (Annarita Fatone, una collega). Pastore ba detto:“I grandi poemi hanno formato l’umanità e la politica”. Della poesia, quindi, la politica può acquisire: “Un linguaggio sintetico che si avvale di messaggi, reiterazioni”.



(articolo di Tiziana Misceo)
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti