Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 17100

-



XXI concorso di poesia inedita
"HABERE ARTEM"


Premi esclusivi:
-Trofeo, Targhe e Medaglie personalizzate.
- Una pubblicazione monografica gratuita.
- un weekend in Sicilia totalmente gratuito.

SCADENZA
Lunedì
9 Novembre 2020

 


TUTTO QUELLO CHE HAI SEMPRE VOLUTO
PER I TUOI TESTI

vai a vedere quello che ha da dirti Alessandro Quasimodo
clicca sull'immagine

Le opere più interessanti riceveranno una proposta di edizione per l’inserimento nella prestigiosa Collana I DIAMANTI
Servizi prestigiosi che solo la Aletti può garantire, la casa editrice indipendente più innovativa e dinamica del panorama culturale ed editoriale italiano


*******************************


VI Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo, Premio Nobel per la Letteratura.




Presidente di giuria
Alessandro Quasimodo


SCADENZA PROROGATA
Lunedì
21 dicembre 2020



Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

ex maestro diventa poeta con 'Raggi di sole' ( Aletti editore )

di Rassegna Stampa

Dal Giornale di Lecco del 3 gennaio 2011-03-06
Bellano

L’ex maestro diventa poeta con «Raggi di sole»

«Le mie poesie nascono dal quotidiano, vissuto in chiave intima e personale.
Spero che queste liriche possano piacere ai giovani»

Bellano (dnr) - Nascono da piccoli gesti, da cose minime e all’apparenza di poco conto come può essere anche una penna. Espedienti quotidiani che Valentino Vitali, 65 anni, maestro e Dirigente scolastico in pensione da qualche anno, trasforma in poesie. Alcune delle oltre 250 liriche composte da Vitali, che come si può facilmente intuire dal cognome è nato e vissuto a Bellano, sono confluite di recente in «Raggi di sole», un volumetto edito da Aletti Editore che rappresenta l’ingresso dell’ex maestro nel panorama editoriale.
«All’inizio non volevo neanche pubblicarle - ammette Vitali - Ma poi ho pensato che stiamo vivendo un periodo brutto, privo di speranze e di sogni. Se pensiamo al futuro lo dipingiamo in modo incerto, fosco. La poesia può rappresentare una finestra che si apre sul nostro mondo e su quello che potremmo essere se solo decidessimo di rallentare un po’ il nostro stile di vita».
Non a caso, da quando dal settembre 2007 è in pensione, Vitali ha avuto più tempo per coltivare la sua passione per la poesia. Prima, l’impegno scolastico gli rubava parecchie energie: «Ho cominciato la mia attività come maestro a Perledo e poi, tra supplenze e incarichi di ruolo, sono diventato Dirigente prima del Comprensivo di Premana e poi di quello di Bellano e Lierna».
La sua attenzione per i ragazzi è rimasta sempre la stessa di quando insegnava: «Non ho pubblicato queste poesie con la brama di ottenere un ritorno economico. Spero invece di riuscire a comunicare qualcosa alle persone e il mio desiderio è proprio quello di riuscire a cogliere l’interesse dei più giovani. Se il messaggio poetico arriva anche a loro, allora c’è una possibilità di riscatto per il mondo».
Le sue poesie, dai temi più disparati e diversi, come l’amore, l’amicizia, il dolore, la morte, l’attualità e il poetare, sono come degli scatti che colgono un istante. Nascono cioè da un’attenzione al reale che ben si concilia con l’altra grande passione di Vitali, la fotografia: «Sono un fotografo amatoriale, ma mi piace inquadrare il mondo con l’obiettivo per cogliere le sfumature che possono sfuggire a prima vista».
Anche nella fotografia, così come nella poesia, la volontà è quella di partire da un istante di realtà per iniziare una riflessione interiore e personale, che non sfoci però in un ermetismo radicale: «I versi devono avere un senso comprensibile per tutti, provocando in ognuno sensazioni differenti. Il bello della poesia è che ognuno può riempirla con il proprio vissuto».
Non a caso, M. Carmen Lama, Dirigente scolastico a sua volta da poco in pensione, scrive nella Prefazione del libro: «Il piacere che il lettore prova nel leggere le poesie di questa silloge è qualcosa di indefinito, che spinge a rileggerle per cogliere ogni volta sfumature diverse e sottili, significati profondi nelle pieghe del pensiero e portarli in superficie con una nuova sensazione di meraviglia o di sorprendente novità, pur nella familiarità dei versi e delle immagini. E il titolo in tre parole riassume ciò che ogni poesia rappresenta: un piccolo raggio che illumina ciò che descrive con la luce esistenziale del poeta».

Noemi D’Angelo
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci Nuova Notizia

Nessuna notizia inserita

Notizie Presenti
Non sono presenti notizie riguardanti questa opera.