Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16280

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Poesia
 
Notizie Presenti:
 -

IL MOSAICO POETICO DI REGINA CELIA PEREIRA DA SILVA ( Aletti Editore )

di Rassegna Stampa

IL MOSAICO POETICO DI REGINA CELIA PEREIRA DA SILVA

La poesia: questa sopraffina e tanto osannata, ma anche bistrattata, ignorata, forse anche svalutata, forma artistica dell’espressione scritta, a volte gioca ruoli importanti nella vita di tutti i giorni e abbraccia e accompagna, direi guida e illustra, i comportamenti, i modi di essere, gli stili e gli accadimenti umani e sociali. “Trasparenze culturali, oggetti d’oggi e pensieri”: strano e inusitato titolo per un libro di poesie, anche se, come sappiamo, non ci dobbiamo meravigliare di fronte alla capacità della parola poetica a veicolare ogni sorta d’argomento. Se vogliamo riferirci alla classica affermazione di Montale: la poesia è inutile ma non fa male a nessuno, possiamo, e dobbiamo, fare un passo in avanti, ribadendo che la prima asserzione, la poesia è inutile, può essere confutata se la forza della poesia e la “sostanza” che essa poesia comunica, sono abbastanza efficaci da coinvolgere e sensibilizzare il lettore. E detto questo, certamente la poesia non farà del male a nessuno, anzi!…
Nel nostro caso, con questo libro di Regina Pereira Da Silva, ci troviamo di fronte ad un panorama di riflessioni, di descrizioni, di indicazioni davvero originali e trascinanti. L’Autrice, nata in Portogallo ma residente a Napoli, dove svolge la sua attività di docente di Lingua, Cultura e Traduzione Portoghese dell’Instituto Camòes di Lisbona presso l’Università Suor Orsola Benincasa di Napoli, ha voluto offrirci il suo canto lirico osservando e riflettendo sui vari aspetti della quotidianità. Ne è sortito un “mosaico” poetico interessante e coinvolgente, nel cui titolo trova appunto la giusta sintesi.
Esaminando più da vicino il contenuto del libro, notiamo che la nostra brava autrice ha raggruppato in tre distinti capitoli, o parti, il suo discorso: “Oggetti d’oggi”, “Trasparenze culturali” e “Pensieri”.
Non si tratta di tre filoni indipendenti e scollegati tra di loro, sebbene i tre insiemi di versi certamente possono avere vita autonoma, ma come sovente accade nell’organizzare un buon libro di poesie in cui l’autore intende profondere tutto il suo impegno e la sua storia, la sua esperienza di studio e di ricerca sulla parola e sul sentimento, è lecito immaginare una seppur minima suddivisione che aiuti a comprendere meglio tutto l’excursus sentito e proposto. Così Regina Pereira organizza i suoi versi e cerca di “sistemarli”, di “catalogarli” nei tre grandi capitoli sopracitati, a seconda del contenuto e dell’ispirazione. Operazione perfettamente riuscita, a me sembra. Il complessivo è un lavoro omogeneo, continuo e senza decadimenti.
Regina Pereira pone dunque la sua attenzione dapprima sugli “Oggetti d’oggi”: non è, il suo, ribadiamo, un viaggio nelle banalità e nelle minuterie materiali quotidiane, che, anzi, vengono in un certo qual modo nobilitate dalla sua poesia: i “contenitori gialli / verdi o di alluminio / contengono l’immondizia universale / che non sparisce, alla fine!…” diventano, con una iperbole quanto mai indovinata, le “Chiese, case e palazzi” che “riuniscono tutte le persone / capaci ma poco efficienti!…”
La nostra poetessa spazia poi in “Trasparenze culturali”, dove affronta prevalentemente l’elemento principe dei rapporti umani: la cultura e il linguaggio. Ascoltiamola in questo bell’esempio: “Cosa svela il testo / con la sua struttura, / stile e contesto? / Anima futura / incomprensibile agli altri.” E ancora: “Quella cultura unica / diffusa nei cinque continenti / lascia tracce permanenti / difficili da cancellare…”
Chiude infine con “Pensieri”, in cui racchiude molte delle sue riflessioni, a conclusione di un percorso che è stato, è, analisi del mondo e dell’uomo, visto nel suo più ampio panorama geografico, attingendo molto, la nostra poetessa, dai caldissimi valori della nostra civiltà mediterranea. La ascoltiamo in “Abisso”: “La trasparenza dell’acqua / la vita marina, / l’immensità di questa bellezza / è riprodotta dentro di me…” Ecco lo specchio, ecco il mare, i cieli e tutta la natura, in cui si riflette e si integra l’anima della poetessa.
Un libro eccellente, un vero mosaico poetico permeato da una sonorità calda e appassionata, con i versi originali in lingua portoghese che fanno da controcanto ad uno spartito lirico alto e genuino. Esempio indiscutibile di come la poesia possa essere sentimento e suono profondo che colpisce e sconvolge l’anima e il cuore.

Giuseppe Vetromile
6/4/2011

Pubblicato in: http://circololetterarioanastasiano.blogspot.com


Continua a seguirci su facebook al seguente link
http://www.facebook.com/alettieditore
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti