Home Page  
Progetto Editoriale  
Poesia  
Narrativa  
Cerca  
Enciclopedia Autori  
Notizie  
Opere pubblicate: 16152

-



Edizione Straordinaria
per le celebrazioni del 60° Anniversario dell'assegnazione
del Premio Nobel per la Letteratura.

V Premio Internazionale
Salvatore Quasimodo

Scadenza prorogata e definitiva al 30 Settembre 2019
 


VII Concorso Letterario CET SCUOLA AUTORI DI MOGOL

Al vincitore una borsa di studio del valore di euro 3.500



Scadenza
21 ottobre 2019


 
Info sull'Opera
Autore:
Rassegna Stampa
Tipo:
Racconto
 
Notizie Presenti:
 -

I 150 anni dell’Unità d’Italia. Brenta, patriota dantesco in Valle Intelvi ( nel libro curato da Giovanni Casaura ) - "Corriere di Como", allegato al "Corriere della Sera"

di Rassegna Stampa

Una linea diretta lega il patriota intelvese Andrea Brenta, l'uomo che ispirò e condusse l'insurrezione anti-austriaca nelle valli tra il Lario e il Ceresio, pagando con la vita il suo attaccamento all'idea di una patria italiana unica e unita, con l'ideologo dell'indipendenza italiana, il genovese Giuseppe Mazzini e tutti e due con, addirittura, il sommo poeta Dante Alighieri. Eroe risorgimentale che veniva dal popolo, amico e simpatizzante di Giuseppe Mazzini, per oltre un secolo e mezzo Andrea Brenta è stato dimenticato dalla storiografia ufficiale del Risorgimento.
Solo recentemente, a partire dallo scorso anno, il suo nome è tornato alla luce e le vicende di cui fu protagonista, tra la primavera del 1848 e quella del 1849, finalmente studiate e analizzate.
Andrea Brenta. Patriota comasco del Risorgimento (Aletti editore, pp. 52) è uno dei libri cui si deve la nuova notorietà dell’intelvese anche fuori dai ristretti confini di San Fedele e dintorni. Perché in valle il suo nome non era mai stato dimenticato, e i racconti di come si prese gioco degli austriaci, costringendoli a mettere in campo un migliaio di soldati per reprimere una sollevazione di contadini e valligiani, erano sempre stati trasmessi nella memoria orale.
Il libro è curato dal professor Giovanni Casaura, casertano ma da decenni a Como, dove è stato insegnante presso il Liceo Classico "Volta" e ha diretto il liceo annesso al Conservatorio cittadino.
È Casaura a legare il nome di Andrea Brenta con quello di Giuseppe Mazzini e di Dante Alighieri:
collegamento ardito, ma che lo studioso rileva «nel loro rifiuto di scendere a compromessi e nella loro scelta di lottare anche a costo dell'esilio, della prigione e anche della morte». Nelle parole di Casaura il famoso «Ahi, serva Italia» dantesco echeggia nelle parole e nei proclami di Mazzini che invitano gli italiani alla ribellione contro l'oppressore straniero e diventano reali nelle gesta del patriota.
Franco Cavalleri, Brenta, patriota dantesco in Valle Intelvi, Corriere di Como (allegato al Corriere della Sera), 27 dicembre 2011

Continua a seguirci su facebook al seguente link
http://www.facebook.com/alettieditore
Segnala questa opera ad un amico

Inserisci una nuova Notizia
Notizie Presenti